Non sono tutte recinzioni: il muro di contenimento in blocchetti prefabbricati richiede il permesso di costruire

Tar Salerno: il muro di cinta o di contenimento necessita del permesso di costruire, differenziandosi dalla semplice recinzione

sentenza-norma-legge-700.jpg

Ancora una volta ci imbattiamo in una sentenza che fa chiarezza sulla differenza tra le semplici recinzioni e i muri (di cinta o di contenimento), vista l'importanza dell'argomento.

Il Tar Salerno nella sentenza 1644/2020 dello scorso 12 novemrbe, infatti, ha chiarito che:

  • la semplice recinzione ha caratteristiche tipologiche di minima entità (serve solo per delimitare la proprietà) e non necessita del permesso di costruire (è attività edilizia libera);
  • il muro di cinta (o di contenimento) necessita invece del permesso in quanto non ha natura pertinenziale, essendo un'opera dotata di specificità ed autonomia soprattutto in relazione alla funzione assolta, consistente nel sostenere il terreno al fine di evitarne movimenti franosi in caso di dislivello, originario o incrementato.

Ne deriva che serve il permesso di costruire per cinque muri di contenimento in blocchetti prefabbricati in cls di cm. 40 x 20 x 20, con sovrastante cordolo in cls di spessore variabile da cm. 20 a cm. 30, aventi le seguenti dimensioni:

  • muro n. 1), lunghezza mt. 5.50 ed altezza mt. 1,45;
  • muro n. 2), lunghezza mt. 12,00 ed altezza variabile mt. 1,30/ mt. 0,20;
  • muro n. 3), lunghezza mt. 5,80 ed altezza mt. 1,80;
  • muro n. 4), lunghezza mt. 4,50 ed altezza mt. 1,80;
  • muro n. 5), lunghezza di m. 27,50 ed altezza di mt. 1,80.

LA SENTENZA INTEGRALE E' SCARICABILE IN FORMATO PDF

LEGISLAZIONE e TECNICA URBANISTICA ed EDILIZIA

banner-dalprato-700.jpg

L'AREA è un luogo di riflessioni, commenti, studi e proposte sullo stato dell’arte dell’Edilizia e dell’Urbanistica in cui ci proponiamo di dare sistematicità alle informazioni inerenti l’evoluzione normativa e giurisprudenziale che pubblichiamo giornalmente.

Nell'area di principi e modalità applicative delle norme dell’Urbanistica e dell’Edilizia facendo il punto critico sulle tematiche che maggiormente si pongono all’attenzione della legislazione e della giurisprudenza in un momento in cui l’evoluzione della materia appare confusa e, a volte, contraddittoria; per questo trattiamo gli argomenti, per così dire, più attuali, interpretandoli ed inquadrandoli alla luce dei principi fondanti della materia anch’essi oggetto di evoluzione concettuale e dottrinaria.

Vai all'area di approfondimento "LEGISLAZIONE e TECNICA URBANISTICA ed EDILIZIA"