Fondazione prefabbricata Monachino: come viene realizzata e quali sono i vantaggi strutturali ed economici

Sicurezza e velocità possono coesistere in ambito edile? La risposta per la Truzzi S.p.A è sì. Nell’ambito di una prefabbricazione sempre più evoluta e innovativa, nasce l’esigenza di poter garantire edifici sempre più solidi e duraturi e, al tempo stesso, veloci da realizzare. 

Un aspetto fondamentale per garantire le condizioni di sicurezza delle strutture portanti degli edifici è la progettazione e la successiva realizzazione di nodi efficaci tra gli elementi strutturali verticali (pilastri) e di fondazione.

In questo articolo vi spieghiamo le caratteristiche che differenziano la fondazione prefabbricata dalle fondazioni tradizionali.

 

In cosa consiste la fondazione prefabbricata Monachino?

La Truzzi S.p.A decide di adottare il sistema delle fondazioni prefabbricate in cls perché consapevole di quanto la fase della realizzazione delle fondazioni incida sulla durata dei tempi di cantiere. È così che ai tradizionali sistemi di fissaggio “a bicchiere”, da realizzarsi in opera, o al cosiddetto “arma-tubo”, la Truzzi S.p.A propone l’ormai collaudato plinto Monachino.  

Un sistema costituito da un elemento in cemento armato al cui interno si trovano le armature in acciaio annegate in pareti in calcestruzzo che fungono da cassero. Grazie a questa tecnologia, l’unione tra ferri uncinati sporgenti dal pilastro, armatura del plinto Monachino e getto di inghisaggio garantisce un incastro dalla massima efficacia.

Realizzazione della fondazione in cinque step: 

monachino-fasi.jpg

 Le cinque fasi di montaggio della fondazione Monachino

 

1. Durante la fase di produzione del plinto, viene inserita l’armatura inferiore e parzialmente quella superiore. Sull’incrocio delle nervature intermedie vengono previsti dei tirafondi che serviranno per la messa a piombo del pilastro. Sui quattro lati del pilastro in prossimità della base sono presenti le boccole filettate.

2. Durante la fase di montaggio il plinto viene appoggiato su di una soletta armata di sottofondazione dalla quale sporgono dei ferri che si inseriscono nell’armatura inferiore del plinto per crearne l’ancoraggio. 

fondazione-monachino-1.jpg

Magro di sottofondazione

 fondazione-monachino-4.jpg

Il plinto viene posato sul magro di sottofondazione

 

3. La certezza dell’esattezza e del posizionamento dei ferri di armatura consente di posare e regolare facilmente il pilastro prefabbricato, così che il montaggio del pilastro avvenga in modo facile, veloce e preciso. I ferri a forma di uncino che escono dalla base del pilastro si inseriscono nei quattro vuoti creati dalle pareti interne del plinto ed insieme ai ferri di armatura presenti all’interno dello stesso, garantiscono l’incastro tra i due elementi.

fondazione-monachino-3.jpg

Montaggio plinto-pilastro: i ferri uncinati della base del pilastro si inseriscono nelle pareti interne del plinto

 

4. Successivamente si procede alla piombatura del pilastro. Vengono posizionati quattro dispositivi di registrazione sulle facce del pilastro utilizzando i tirafondi preinseriti nel plinto e le boccole previste nel pilastro, il tutto viene fissato mediante bulloni. Questo sistema permette di regolare con una precisione millimetrica quota e verticalità del pilastro prefabbricato e, inoltre, di eliminare qualsiasi tipo di puntellamento durante la fase transitoria. 

 fondazione-monachino-2.jpg

Installazione del pilastro tramite dispositivi di registrazione. 

 

5. Una volta eseguite le connessioni tra plinto e pilastro, all'interno della fondazione prefabbricata viene gettato il calcestruzzo. 

 

I vantaggi della fondazione prefabbricata 

Il sistema utilizzato dalla Truzzi S.p.A è caratterizzato da una notevole velocità di realizzazione in quanto richiede un solo getto di inghisaggio e non necessita di casseratura, step obbligato per le fondazioni di tipo tradizionale che spesso comporta la dilatazione dei tempi, oltre ad aumentare il margine di errore. 

 

Fondazione prefabbricata vs. fondazioni tradizionali 

Questa tecnologia comporta una riduzione del 60% dei tempi di esecuzione delle opere di fondazione e una conseguente diminuzione dei costi totali delle stesse (25 - 35%). Senza dimenticare che, rispetto alle fondazioni tradizionali in opera, questa soluzione garantisce costi certi fin dalle fasi preliminari del progetto

Le fondazioni tradizionali in caso di errore di tracciamento oltre alle tolleranze, devono necessariamente essere demolite in tutto o in parte. Nella soluzione utilizzata dalla Truzzi S.p.A invece, il posizionamento del plinto può essere corretto anche dopo la sua posa, chiaramente prima che avvenga l’inghisaggio. 

Nei sistemi di fissaggio “a bicchiere” la dimensione del plinto è conseguenza della dimensione del pilastro che deve accogliere. La fondazione prefabbricata utilizzata dalla Truzzi S.p.A si adatta ad ogni tipo di pilastro, a prescindere dalle sue dimensioni

Per quanto riguarda la sismica, questa fondazione prefabbricata permette di innestare facilmente i cordoli per il collegamento sismico sia lateralmente sia all’estradosso del plinto

Grazie al contenimento dei costi per la realizzazione della struttura di fondazione, ad una maggiore sicurezza per gli addetti ai lavori e ad una velocità di esecuzione senza precedenti, questa Fondazione Prefabbricata permetterà di eliminare quegli inconvenienti che si possono verificare durante la realizzazione delle fondazioni con i metodi tradizionali.

Per maggiori informazioni consulta il sito della Truzzi

Il Magazine

Sfoglia l'ultimo numero della rivista Ingenio

Newsletter Ingeio

Seguici su