Ponti, viadotti e gallerie: arriva una piattaforma nazionale di monitoraggio costante

Tra le finalità della nuova piattaforma “Progetto 1000 infrastrutture da monitorare”, quella di migliorare la sicurezza delle infrastrutture ed evitare il rischio di crolli e incidenti

ponte-genova-san-giorgio-700.jpg

Si chiama “Progetto 1000 infrastrutture da monitorare”, è stato presentato al MIT ed è il nuovo ed interessante progetto ideato da quattro distretti tecnologici regionali (Tern per la Basilicata, Siit per la Liguria, Torino Wireless per il Piemonte, Dac per la Campania) e da Istituto italiano di tecnologia di Genova e Scuola superiore Sant’Anna di Pisa con l'obiettivo di migliorare la sicurezza delle infrastrutture ed evitare il rischio di crolli e incidenti, come ad esempio quello del Ponte Morandi nel 2018.

Secondo quanto anticipato dal "Sole 24 Ore", il progetto ha l'adesione di oltre 60 soci e partner, A livello tecnologico, il monitoraggio sarà garantito da innovativi sensori, nuove tecniche di analisi e fusione dei dati, software, intelligenza artificiale, sciami di droni e microsatelliti. 


Per approfondire, leggi: Linee Guida sui ponti: i dettagli della fase di sperimentazione. L'intervista a Pietro Baratono.


Le tre fasi del progetto

  • prima fase della durata di sei mesi, dedicata alla valutazione ingegneristica delle esigenze di monitoraggio, analisi e definizione delle tecnologie da impiegare;
  • seconda fase, con durata 36 mesi, incentrata sulla installazione su un numero ristretto di infrastrutture indicato dal MIT, di una prima serie di sensori e successiva elaborazione dei dati;
  • terza fase, che inizierebbe a cavallo di quella intermedia, per un periodo di 36 mesi, con l’applicazione della piattaforma completa di monitoraggio a mille infrastrutture.

Il progetto, in via 'collaterale', prevede alcune centinaia di nuove assunzioni, concentrate nell'Italia meridionale e stima, dal secondo anno, un fatturato legato ai prodotti e sviluppi intorno ai 50 milioni di euro annui. 


Per approfondire, leggi: Classificazione del rischio dei ponti esistenti: ecco le linee guida su controllo e sicurezza del CONSUP.