Classificare la vulnerabilità sismica dei fabbricati

18/11/2013 3819

Un accordo tra ISI e Federcasa

Tra le principali attività, ISI in collaborazione con Federcasa ha avviato un'approfondita ricerca sul tema della classificazione del rischio sismico. Gli ultimi sviluppi sul tema sono stati presentati e discussi nel Convegno Nazionale "Classificare la vulnerabilità sismica dei fabbricati" svoltosi venerdì 18 Ottobre al SAIE di Bologna nell'ambito del Forum Better Building. Durante il convegno, a cui ha partecipato il Sottosegretario On. Rocco Girlanda in rappresentanza del Ministro di Infrastrutture e Trasporti, è stata annunciata la formazione, con decreto del Ministro On. Maurizio Lupi del 17 Ottobre, di un Gruppo di Studio “per la proposizione di uno o più documenti normativi per la classificazione del rischio sismico delle costruzioni, finalizzata all’incentivazione fiscale di interventi per la riduzione dello stesso rischio”.


Il gruppo di lavoro, coordinato dall’Ing. Pietro Baratono, Provveditore Interregionale alle Opere Pubbliche di Lombardia e Liguria, è formato dai massimi esperti in materia, provenienti dal mondo accademico e dell’amministrazione pubblica nonché da ISI con il ruolo di Segreteria Tecnica. Il sistema di classificazione del rischio sismico, voluto dal Ministro Lupi, rappresenta uno strumento indispensabile per dare attuazione alle norme introdotte con il decreto “ecobonus” (DL 63/2013 convertito dalla Legge 90/2013). Tale strumento consentirà, infatti, di individuare le modalità di applicazione di incentivi fiscali per interventi di riduzione del rischio sismico, graduati sulla base della tipologia di interventi, della valutazione quantitativa del rischio effettivo e della riduzione di rischio ottenuta con l'intervento. Durante il convegno, il Prof. Gian Michele Calvi, Prof. Ordinario IUSS Pavia, ha illustrato una proposta di metodo per la realizzazione di tale classificazione.
Il convegno si è concluso con un'ampia tavola rotonda in cui il moderatore Ing. Pietro Baratono ha coordinato e raccolto interessanti spunti, utili all'annunciato gruppo di lavoro del MIT, dai Presidenti di alcune tra le più importanti Associazioni, Federazioni e Consigli Nazionali rappresentativi la filiera delle costruzioni del nostro Paese. L'importanza della graduazione degli incentivi fiscali in relazione del risultato atteso e la possibilità di abbattere per riqualificare migliorando la sostenibilità del territorio sono stati i temi centrali della discussione ed hanno trovato il sostegno di tutti i partecipanti.
A seguito del grande successo riscontrato da questa collaborazione, ISI e Federcasa hanno formalizzato l'accordo precedentemente annunciato attraverso i Comunicati Stampa del Luglio scorso. L'obiettivo ultimo da entrambe le parti è naturalmente quello di rendere più sicure le case degli italiani. Le principali finalità dell’accordo sono quella di predisporre uno studio di vulnerabilità sismica degli edifici di edilizia residenziale pubblica, quella di classificare la vulnerabilità sismica di un campione di edifici significativo ai fini della redazione di un rapporto nazionale e quella di promuovere iniziative di informazione e formazione sul tema che al giorno d'oggi ricopre uno degli aspetti di maggior rilievo quando si parla di sicurezza.

Associazione ISI - Ingegneria Sismica Italiana
Ingegneria Sismica Italiana è composta da rappresentanti del mondo produttivo e imprenditoriale, delle professioni e dell’università e della ricerca che operano nel settore dell’Ingegneria Sismica. La Missione dell’Associazione è quella coinvolgere i diversi attori che operano nell’ambito dell’Ingegneria Sismica in un gruppo dinamico che li rappresenti e li promuova, organizzando attività di divulgazione del loro lavoro, comunicando con gli organi ufficiali, istituzioni ed enti normatori, con la comunità accademica e scientifica, con il mondo industriale e con quello dei professionisti.

www.ingegneriasismicaitaliana.it


LUPI istituisce una COMMISSIONE per la CLASSIFICAZIONE SISMICA
Il Ministro Maurizio Lupi ha firmato un DM per la costituzione di un gruppo di studio per proposizione di una o più ipotesi normative per la classificazione del rischio sismico sulle costruzioni.
Al gruppo di studio dovrebbero partecipare Luca Ferrari, presidente di ISI, Gian Michele Calvi, Gaetano Manfredi, Franco Braga, Mauro Dolce, Pietro Baratono, Emanuele Renzi e Ianniello.
La notizia è stata ufficializzata al SAIE al convegno organizzato il 18 ottobre da ISI.
Presente al Convegno il sottosegretario Rocco Girlanda che è stato intervistato dalla redazione di Edilio.

Guarda l'intervista, clicca sull'immagine

 

 

Il Magazine

Sfoglia l'ultimo numero della rivista Ingenio

Newsletter Ingeio

Seguici su