Prevenzione antincendio: circolare sui requisiti tecnici per autorimesse con superficie non superiore a 300 mq

Il documento recupera e aggiorna i principali requisiti di sicurezza antincendio delle autorimesse sotto la soglia di assoggettabilità (Allegato 1 del DPR 151/2011), che sono rimaste prive di ogni riferimento normativo dopo l’abrogazione del DM 01/02/1986

impianti-antincendio-estintori-700.jpg

Segnaliamo la nuova circolare/linea di indirizzo dei Vigili del Fuoco - caldeggiata dal CNI - per “recuperare” ed aggiornare i principali requisiti di sicurezza antincendio delle autorimesse sotto la soglia di assoggettabilità (Allegato 1 del DPR 151/2011), che sono rimaste prive di ogni riferimento normativo dopo l’abrogazione del DM 01/02/1986, sancita dall’entrata in vigore (il 19 novembre 2020) del DM 15/05/2020 “Approvazione delle norme tecniche di prevenzione incendi per le attività di autorimessa”.

Per la progettazione delle autorimesse con superficie superiore ai 300 metri quadri, infatti, non vige più il cosiddetto “doppio binario” e l’unico riferimento normativo è il Codice di prevenzione incendi (DM 03/08/2015 e s.m.i.).

Tenuto conto che talune indicazioni geometriche erano riportate nella regola tecnica prescrittiva (DM 01 febbraio 1986), al fine di fornire utili elementi ai progettisti che devono oggi avvalersi delle nuove metodologie di progettazione di cui al DM 15/05/2020, di seguito sono riportati criteri e valori di buona progettazione, in particolare per le autorimesse pubbliche , destinate ad “autovetture ordinarie”, non utilizzabili e non vincolanti ai fini delle valutazioni e dei controlli di prevenzione incendi.

Si evidenzia che nella redazione delle presenti indicazioni sono stati considerati gli ingombri medi delle autovetture ordinarie, che attualmente sono maggiormente presenti sul mercato. La presente linea guida contiene indicazioni valide per tutte le autorimesse, indipendentemente dalla loro assoggettabilità al controllo da parte dei Vigili del Fuoco (Allegati 1 del DPR 151/2011).

LE NUOVE LINEE GUIDA SONO SCARICABILI IN FORMATO PDF