Superbonus 110% e unico proprietario: riepilogo delle nuove regole

L’Agenzia delle Entrate torna sulla novità introdotta dalla Legge di Bilancio 2021 in materia di Superbonus 110% ex DL Rilancio

super-bonus_700-2.jpg

Un proprietario di due unità immobiliari e relative pertinenze, che fanno parte di un unico edificio e sono distintamente accatastate e indipendenti, può usufruire delle detrazioni fiscali del Superbonus 110%?

La domanda è gettonatissima e l'Agenzia delle Entrate, sulla "posta di FiscoOggi", fa una sorta di riepilogo di questa nuova regola figlia delle novità della Legge di Bilancio 2021 appena entrata in vigore.

Come prevede l’art.119 del decreto legge n. 34/2020 (comma 9), modificato dalla recente legge di bilancio (commi da 66 a 75 dell'art.1 della legge 178/2020), la detrazione del 110% spetta, in presenza di tutte le condizioni e dei requisiti previsti dalla normativa che regola l’agevolazione, anche alle persone fisiche, al di fuori dell’esercizio di attività di impresa, arte o professione, con riferimento agli interventi su edifici composti da due a quattro unità immobiliari distintamente accatastate, anche se posseduti da un unico proprietario o in comproprietà da più persone fisiche.

Superbonus 110% per edifici con unico proprietario

Per gli edifici plurifamiliari con unico proprietario, quindi, sono ammessi al Superbonus 110% gli edifici composti da due a quattro unità immobiliari anche se posseduti da un unico proprietario o in comproprietà da più persone fisiche.

Superbonus 110% ed edifici funzionalmente indipendenti

Cosa significa edificio ‘funzionalmente indipendente’? La Legge di Bilancio spiega che una unità immobiliare potrà ritenersi tale se dotata di almeno tre delle seguenti installazioni o manufatti di proprietà esclusiva: impianto per l’approvvigionamento idrico, per il gas, per l’energia elettrica, impianto di climatizzazione invernale.

Il Magazine

Sfoglia l'ultimo numero della rivista Ingenio

Newsletter Ingeio

Seguici su