2014: quando la svolta della crisi con Filippo Brancucci

20/11/2013 3170

 2014: quando la svolta della crisi

Filippo Brancucci, Centro Studi Federbeton

La crisi: un ciclo negativo che ha disastrato il tessuto industriale, il PIL è crollato del 9%, la produzione industriale del 25%, gli investimenti del 27% e dove le costruzioni sono calate per 20 trimestri successivi con un calo complessivo del 30%, dove il settore residenziale ha perso il 55%.

I permessi di costruzione sono il dato più utile per fare delle ipotesi per il futuro: oltre 300.000 nel 2007, nel 2012 circa 95.000, nel 2013 si prevede 67.000. E dai permessi si evince che in alcune province non si costruirà neanche una palazzina nel 2014.

Negli Stati Uniti le costruzioni sono ripartite. In Germania e Francia sono state fatte azioni molto forti che hanno stimolato la vendita di immobili e la riqualificazione.

E l’Italia: pochi provvedimenti e insufficienti, problema dei pagamenti delle PA. Occorre più attenzione alla riqualificazione, non solo energetica. In queste condizioni si può parlare di una fine della crisi solo a medio termine (3-5 anni) a cui seguirà una ripresa molto lieve.

GUARDA L'INTERVENTO: www.youtube.com/watch