Indici sintetici di affidabilità fiscale: disponibili online 175 modelli per la comunicazione dei dati

Il provvedimento dell'Agenzia delle Entrate di approvazione ha un contenuto più ampio e anticipa ai contribuenti quanti più elementi di conoscenza utili per la corretta applicazione degli indici sintetici di affidabilità fiscale

 

pagamento-contributi-inarcassa-700.jpg

 

Attenzione a tutti i professionisti, anche tecnici: con il provvedimento del 28 gennaio 2021, firmato dal direttore delle Entrate Ernesto Maria Ruffini, sono stati infatti approvati i 175 modelli con cui i contribuenti comunicano all’Agenzia, in sede di dichiarazione dei redditi, i dati rilevanti ai fini dell’applicazione degli Indici sintetici di affidabilità fiscale (Isa) per il periodo di imposta 2020.

modelli, reperibili online sul sito internet dell’Agenzia e corredati delle relative istruzioni, costituiscono parte integrante della dichiarazione dei redditi, da presentare con il modello Redditi 2021 da parte dei contribuenti che nel 2020 hanno esercitato in via prevalente una delle attività economiche del settore dell’agricoltura, delle manifatture, dei servizi, delle attività professionali e del commercio per le quali risultano approvati gli Isa.

La trasmissione dei modelli potrà essere fatta telematicamente, utilizzando i canali Entratel o Fisconline, oppure incaricando un intermediario.

Segnaliamo che nel provvedimento vengono indicate anche le modalità con cui possono essere acquisiti gli ulteriori dati necessari all’applicazione degli indici per il periodo di imposta 2020, le variabili “precalcolate Isa 2021”, sia massivamente, attraverso i servizi telematici delle Entrate, sia puntualmente, tramite il proprio cassetto fiscale. Nel primo caso gli intermediari in possesso della delega alla consultazione del cassetto fiscale del contribuente possono trasmettere all’Agenzia via web un file contenente l’elenco dei contribuenti per i quali ricevere i dati “precalcolati”. In ogni caso, l’Agenzia effettua controlli sulla validità delle deleghe acquisite dagli intermediari.

A QUESTO LINK SONO DISPONIBILI I MODELLI PER I PROFESSIONISTI (ANCHE TECNICI)