Allplan Bridge: la soluzione integrata per la progettazione BIM dei ponti

Finalmente un software parametrico pensato specificamente per la progettazione dei ponti, che integra modellazione BIM 4D e analisi strutturale in un unico strumento parametrico, capace di generare dal modello geometrico anche il modello analitico.

allplan-bridge_bim_ponti-01.jpg

Una soluzione che integra modellazione BIM e analisi strutturale in un unico strumento parametrico

Inizialmente il metodo BIM è stato introdotto e si è diffuso principalmente nel settore della costruzione degli edifici, ma oggi vediamo il proliferare di esperienze anche nel settore delle infrastrutture.

Da un punto di vista della tecnologia, assistiamo a due sviluppi che proseguono in modo parallelo e sinergico: da un lato lo sviluppo di strumenti software dedicati, che approfondiremo più avanti, dall’altro lo sviluppo dello standard IFC 4, che si è ampliato e si sta diffondendo anche nel settore dei ponti e delle infrastrutture viarie, per consentire il flusso digitale e la disponibilità di informazioni a lungo termine anche per questo tipo di opere.

Si tratta certamente di innovazioni che incidono sui tempi di sviluppo delle opere e sulla possibilità di individuare la migliore soluzione grazie a un approccio parametrico, ma anche sulla disponibilità di informazioni durante tutto il ciclo di vita dell’opera.

 

Le sfide del BIM per la progettazione dei ponti

In un approccio tradizionale, la progettazione e la costruzione dei ponti coinvolgono diversi strumenti software in cui poter sviluppare il modello geometrico, il modello di analisi, il modello di pre-post compressione, il modello per gli esecutivi della carpenteria e delle armature lente.
Questa frammentazione degli strumenti, che fino ad ora la tecnologia disponibile non era riuscita a integrare in una soluzione unica e in un unico modello, porta con sé l’allungamento dei tempi di sviluppo dell’opera. È inoltre un approccio che richiede molta attenzione per evitare i rischi e gli errori dovuti alla ridondanza dei modelli necessari e al loro allineamento al procedere del progetto con le sue evoluzioni e varianti; ed è un approccio particolarmente oneroso nel momento in cui vogliamo studiare diverse soluzioni.

Per la natura di queste opere non dobbiamo poi dimenticare come la variabile tempo, associata alle diverse fasi costruttive, abbia un impatto sugli aspetti di stabilità strutturale durante tutta la realizzazione e quanto sia importante rispondere efficacemente a questo tipo di sfida.

 

allplan-bridge_bim_ponti-03.jpg

 

Una nuova generazione di software

ALLPLAN risponde a questa sfida con Allplan Bridge, un nuovo software parametrico pensato specificamente per la progettazione dei ponti in ottica BIM.

Si tratta di un software BIM 4D, in cui modellazione parametrica e definizione delle fasi costruttive si fondono in un unico strumento, capace anche di generare dal modello geometrico il modello analitico e, successivamente, di integrare lo sviluppo del dettaglio esecutivo.

La definizione parametrica degli assi longitudinali e delle sezioni trasversali del ponte consente di modificarne la geometria o il tipo di impalcato con una semplice operazione che richiede pochi secondi; tuttavia, il principale beneficio è costituito dalla possibilità di produrre varianti con tempi ridottissimi e dalla simulazione di diverse soluzioni con una produttività fin ad ora mai raggiunta.

L’approccio parametrico viene utilizzato anche nella definizione degli elementi di precompressione. In questo modo l’inserimento e la verifica di cavi post-tesi o pre-tesi, ad andamento interno o esterno, longitudinale, trasversale e verticale, risulta di facile gestione e si adatta in modo automatico al variare della geometria della struttura.

Allplan Bridge, grazie alla sua tecnologia innovativa, genera il modello di analisi automaticamente dal modello geometrico, riducendo drasticamente il lavoro necessario e la probabilità di generare errori.

I diversi elementi geometrici possono essere classificati come elementi strutturali o elementi di carico e questo consente di derivare correttamente il modello di analisi e i carichi derivanti dagli elementi geometrici della struttura stessa. L’utente ha poi la possibilità di aggiungere ulteriori carichi e azioni sulla struttura, quali ad esempio le differenze di temperatura, il vento o le azioni sismiche, oltre a combinare le diverse azioni grazie alle Superposition.

L'armatura è definita in diverse sezioni trasversali e le transizioni tra le sezioni con geometria variabile sono descritte con percorsi. Si possono anche stabilire diverse regole, come ad esempio le modalità di sovrapposizione dell'armatura. Il risultato è un modello completo di cavi di pre o post compressione, di armatura e di inserti, da cui vengono generate le tavole esecutive e grazie al quale è possibile verificare collisioni e costruibilità dell’opera.


GUARDA il webinar tecnico (CLICCA QUI) di presentazione delle funzionalità di Allplan Bridge


allplan-bridge_bim_ponti-02.jpg

 

Filiera digitale basata sulla condivisione e collaborazione

La condivisione del modello BIM con tutto il team di lavoro, sia nell’ambito di una singola azienda o studio, sia fra realtà diverse, viene garantita grazie all’integrazione con la piattaforma cloud Allplan Bimplus.

Questo ambiente di condivisione e collaborazione, che offre accesso al modello e ai documenti a tutti i collaboratori in maniera indipendente dal tool di Authoring, consente il coordinamento BIM in modo interattivo sul modello digitale del ponte. Le incongruenze sono individuate in anticipo e risolte di comune accordo, garantendo che il progetto sia completato nei tempi previsti ed entro i termini di budget, grazie anche a questo approccio OpenBIM.


Vuoi testare tutte le potenzialità di Allplan Bridge?

SCARICA QUI la versione trial 30gg del Software



Curioso di scoprire altre potenzialità di Allplan Bridge?
Ti invitiamo ad approfondire cliccando sui link proposti di seguito:

Il Magazine

Sfoglia l'ultimo numero della rivista Ingenio

Newsletter Ingeio

Seguici su