Sostenibilità sotterranea per l’edilizia: da un’economia che scava e usa ad un’economia che riusa e rigenera

Sostenibilità per noi del Gruppo Miniera San Romedio vuol dire pensare al riutilizzo dei vuoti minerari. Il nostro procedimento estrattivo della Scaglia Rossa Trentina non lascia tracce dannose per l’ambiente, che viene invece arricchito di nuovi spazi da riutilizzare.

 

miniera-san-romedio_estrazione-scaglia-rossa-trentina_dolomia_02.jpg

 

Estrazione della Dolomia per produrre intonaci, malte, rasanti e massetti per l’edilizia di pregio e la bioedilizia

La “Dolomia” è la componente principale dei prodotti di Gruppo Miniera San Romedio.  Utilizzata come inerte, la dolomia è un materiale puro e ad elevata resistenza che viene direttamente dal cuore delle nostre montagne, le Dolomiti, grazie all’estrazione in ipogeo che ci permette di garantire la totale salubrità del nostro inerte, che vede la luce del sole per la prima volta solamente quando lascia la miniera.

La Dolomia estratta risulta essere pulita e perfettamente asciutta e questo ci permette di poterla direttamente utilizzare all’interno dei premiscelati, senza sottoporla ad un preliminare processo di lavaggio ed essiccazione, risparmiando notevolmente energia nel processo produttivo dei nostri materiali.

 >>> Scopri di più sui prodotti con la Dolomite dentro <<<

Inoltre, la Dolomia, grazie alla sua composizione mineralogica di Calcare doppio Magnesio, presenta caratteristiche prestazionali notevolmente maggiori rispetto ai normali inerti calcarei comunemente utilizzati all’interno dei premiscelati che si trovano in commercio, garantendo maggiori resistenze meccaniche e maggiore durabilità.


Riutilizzo dei vuoti minerari per creare nuovi spazi da riutilizzare

La particolare conformazione del nostro territorio, ci permette di estrarre e produrre materiali unici, in modo sostenibile, rigenerativo ed a basso impatto ambientale, con caratteristiche tecniche che non hanno paragone in Italia e tantomeno all’estero.

I siti estrattivi da cui vengono le nostre materie prime sono affascinanti e particolari, in grado di garantire al meglio il rispetto del territorio che ci circonda. Per questo il nostro procedimento estrattivo non lascia tracce dannose per l’ambiente, che viene invece arricchito di nuovi spazi da riutilizzare.

Una volta esaurite le cave all’aperto, dalle quali estraiamo la della Scaglia Rossa Trentina, gli spazi vengono ripristinati come in origine, oppure tramite la creazione di laghi artificiali. I vuoti sotterranei creati per l’estrazione dell’inerte vengono invece sfruttati per la conservazione a basso consumo energetico di mele e alimenti, che in alternativa andrebbero ad occupare enormi volumi sul territorio circostante con un elevato impatto dovuto alla costruzione di capannoni e altri edifici per lo stoccaggio e il mantenimento degli alimenti.

L’inerzia termica della roccia e la sua elevata massa, infatti, permettono di tenere fresco l’ambiente con il minimo dispendio di energia elettrica.

 

miniera-san-romedio_estrazione-scaglia-rossa-trentina_dolomia_01.jpg

 

Una sostenibilità sotterranea

Questo materiale inerte di qualità, la Dolomia, di cui sappiamo sempre l’origine, viene infatti direttamente estratto dalla miniera, con un bassissimo impatto. Prima le cave erano dislocate su tutto il territorio trentino, che ha sempre avuto un’importante vocazione mineraria.

Nello specifico, la Dolomia nella nostra cava è ricoperta da uno strato di rocce impermeabili argillose che impediscono le infiltrazioni d’acqua, questo le regala una caratteristica fondamentale, ossia la totale assenza di acqua. Questa scoperta ha dato origine dopo alcuni anni di lavori in miniera, alla valorizzazione dei vantaggi dell’idrorepellenza delle gallerie, che avrebbero quindi potuto essere riutilizzare dopo lo scavo. Da qui nasce la collaborazione con grandi marchi del territorio, leader nel proprio settore, che ad oggi recapitano all’interno delle nostre miniere mele e Spumante Trento Doc. Questi spazi, infatti, per via della loro costante temperatura, circa 12 C°, sono particolarmente indicati per lo stoccaggio e refrigerio di alimenti, con una conservazione a bassissimo impatto energivoro.

 

miniera-san-romedio_estrazione-scaglia-rossa-trentina_dolomia_03.jpg

 

Analisi e innovazione

Grazie al risultato di varie analisi eseguite in collaborazione con l’Università di Trento, ad oggi si può dire che la nostra produzione di premiscelati abbia un impatto inferiore del 75% rispetto ai materiali per l’edilizia tradizionali.

Siamo riusciti ad invertire la rotta di pensiero: da scavare per produrre a produrre materiali pensando al futuro e realizzando progetti di vera e propria economia circolare, cambiando l’ordine di mentalità del lavoro standard di scavo.

Sostenibilità per noi del Gruppo Miniera San Romedio vuol dire pensare al riutilizzo dei vuoti minerari e quindi pensare e pianificare in base alle esigenze dei vari partner le geometrie delle gallerie per ospitare poi i vari prodotti. Da un’economia che scava e usa ad un’economia che riusa e rigenera, per ripensare gli spazi e trovarne un secondo uso.

 

Meravigliarsi è sempre possibile, anche nelle più profonde cavità sotterranee:

sembra di entrare in un mondo a parte, dimenticandosi dell’esterno e solo così si può godere la naturalezza e il profumo della Regina delle Rocce,
la nostra 
Dolomia


Chi è il Gruppo Miniera San Romedio

Il Gruppo Miniera San Romedio, di cui fanno parte i brand TASSULLO – HD SYSTEM e PURO COMFORT, produce prodotti e materiali per l’edilizia come: intonaci, malte, rasanti e massetti per il restauro, l’edilizia di pregio e per la bioedilizia, realizzati con calce idraulica naturale NHL 5, ottenuta dalla cottura di calcare marnoso, la Scaglia Rossa Trentina, direttamente estratta in cave a cielo aperto situate in Val di Non.

>>> Per maggiori informazioni visita il sito di Gruppo Miniera San Romedio

gruppo-miniera-san-romedio-300.jpg


IN ALLEGATO L'ARTICOLO IN PDF