Prevenzione sismica e tecnologie per la tutela del patrimonio costruito: l’esperienza di G&P intech

06/04/2021 1971

L'ing. Giorgio Giacomin - AD del gruppo G&P Intech - racconta in un’intervista rilasciata ad Anna Falchi andata in onda su SkyBusiness24 l’esperienza dell’azienda veneta che da più di 30 anni si occupa di tecnologie antisismiche per proteggere il nostro patrimonio costruito.

 gp-intech_giorgio-giacomin_anna-falchi_intervista-01.jpg

 

L’impegno di G&P Intech per ridurre la vulnerabilità del costruito esistente

La G&P Intech nasce e si sviluppa in un contesto nazionale di forti cambiamenti determinati dalla globalizzazione, dall’innovazione tecnologica, dalla ricerca. Questo ha portato l’azienda veneta ad essere preparata, competente e competitiva nelle sfide che giornalmente si affrontano nel mercato di riferimento. L’attività di G&P Intech si sviluppa principalmente nell’ambito della ricostruzione e della prevenzione sismica attraverso lo sviluppo di specifiche tecnologie atte a mitigare il rischio sismico nazionale per il costruito residenziale, industriale, infrastrutturale e monumentale.

Ricordo che negli ultimi 25 anni ben 9 terremoti hanno interessato il nostro Paese di cui almeno quattro hanno determinato gravi conseguenze in termini di vite umane e patrimonio costruito. È necessario pertanto operare al fine di proteggere sismicamente il patrimonio esistente attraverso soluzioni e sistemi efficaci e poco invasivi” ha dichiarato l’ing. Giorgio Giacomin nel corso dell’intervista.

In tal senso anche il Governo ha messo in campo ingenti finanziamenti per le opere pubbliche e strumenti fiscali basati sul credito d’imposta per i privati quali il Superbonus, Sismabonus, Bonus Facciate.

G&P Intech vuole essere un punto di riferimento nazionale per aiutare privati, tecnici, imprese, pubbliche amministrazioni a rendere meno vulnerabile il costruito esistente.

 

gp-intech_adeguamento-sismico-clinica-ospedaliera-jesi.jpg

 

Il core business di G&P Intech

La nostra attività si esplica su diversi fronti: dalla consulenza di ingegneria strutturale e sismica alla progettazione anche con software dedicati, alla produzione e fornitura di tecnologie e soluzioni antisismiche, all’assistenza all’impresa e al cantiere.” – ha dichiarato l’ing. Giorgio Giacomin.

Tra le produzioni di G&P intech i sistemi di rinforzo strutturali quali FRP-FRCM-CRM acronimi di sistemi certificati presso il MIT (es. fibre di carbonio, reti strutturali e malte omologate), dispositivi antisismici quali isolatori alla base, sistemi di dissipazione dell’energia simica, sistemi di impermeabilizzazioni attive di interrati, parcheggi, metro, tunnel, ect.

 

Il valore aggiunto

Direi la nostra specializzazione. Non siamo un’azienda generalista di prodotti per le costruzioni, ma abbiamo investito e ci proponiamo al mercato sulla base di 3 fondamentali principi: competenza, esperienza, innovazione. E i risultati ad oggi raggiunti ci premiano per questo.

 

I punti di forza

"Formazione permanente alla progettazione e al cantiere. Innovazione di prodotto e di processo. Programmi di ricerca sperimentale universitari in Italia e all’estero. Certificazione e omologazione dei prodotti e delle tecnologie sulla base delle normative nazionali e dei protocolli tecnici di comprovata validità. Una rete commerciale e di assistenza capillare nel territorio nazionale. Un marketing strategico rivolto al servizio dei clienti."

 

Sicurezza, prevenzione e resilienza: in Italia è necessario un cambio di paradigma

La nostra è una storia di passione per l’impegno profuso, coraggio imprenditoriale, innovazione tecnologica. E per raggiungere compiutamente i nostri obbiettivi è necessario tuttavia un cambio di paradigma culturale nell’opinione pubblica, negli stakeholders, nella filosofia del governo nazionale a favore della sicurezza, della resilienza delle nostre città, della prevenzione sismica e idrogeologica del nostro habitat e della ecosostenibilità” ha dichiarato l’ing. Giorgio Giacomin.

In merito al necessario cambio di paradigma, l’ingegnere Giacomin ha riportato un esempio: “la città dell’Aquila, colpita da un terremoto catastrofico nell’aprile del 2009, è oggi al 60% della ricostruzione e i 56 comuni del cratere al 20%. Sono passati 12 anni e ce ne vorranno 20 per completare la ricostruzione. Cosa cambia nel tessuto storico, culturale, generazionale, identitario della città e del territorio in 20 anni?  Direi molto se non tutto. La resilienza è questo concetto fondamentale di far rinascere un territorio colpito da calamità naturali in tempi brevi, altrimenti rischiamo di perdere la memoria storica e i suoi gioielli culturali in brevissimo tempo. È un tema molto importante per esempio nelle comunità montane e centri dell’appennino centro meridionale. È un valore aggiunto al nostro turismo culturale.

 

Tecnologie innovative antisismiche per proteggere il patrimonio monumentale

Negli ultimi anni la G&P Intech è stata molto impegnata nell’avviare nuove produzioni per il settore dei rinforzi strutturali e dei dispositivi antisismici in linea con le nuove esigenze del mercato in particolare nel settore dei Beni Culturali dove prevenzione sismica e rispetto della Carta del restauro sono concetti spesso antitetici ai fini della conservazione dei Beni Culturali. Coniugare questi fattori oggi è possibile sviluppando tecnologie mirate per il settore monumentale. Ne è un esempio il restauro della Basilica di S. Maria in Collemaggio all’Aquila il principale monumento aquilano colpito dal sisma 2009 restaurato in 2 anni e insignito nel 2020 del prestigioso premio European Heritage Award dalla Commissione europea ed Europa Nostra.

 

gp-intech_restauro-basilica-collemaggio.JPG

 

Gli obiettivi futuri di G&P Intech

Per il futuro G&P Intech mira ad operare sempre più verso la direzione dell’ecosostenibilità, impiegando in modo particolare tecnologie di origine naturale e migliorando il lifecycle dei prodotti nelle produzioni industriali.

Il nostro sogno è che l’Italia diventi un Paese più sicuro, con più energia rinnovabile, resiliente, tecnologicamente avanzato. Un esempio per il mondo intero. Ce la possiamo fare” ha concluso l’ing. Giorgio Giacomin.

 

GUARDA L'INTERVISTA all'ing. Giorgio Giacomin - min. 10.15