Superbonus 110%, il dado è tratto: vicina la proroga omnibus al 31 dicembre 2023. Arriva il Bonus Casa unico?

Tra gli obiettivi, rafforzare i bonus fiscali per la riqualificazione energetica ed edilizia degli immobili, estendere la platea dei beneficiari e semplificare le procedure per avviare i lavori

 

cantiere-progetto-professionista-01-700.jpg

 

Le voci si fanno sempre più fitte ma adesso c'è anche, nero su bianco, la proposta ufficiale del Parlamento nell’ambito del Programma nazionale di ripresa e resilienza (PNRR), cd. Recovery Plan (ereditato dal precedente Governo Conte). Il Superbonus 110% è al centro dei piani governativi e non solo, e verrà esteso molto presto al 31 dicembre 2023 per tutti.

Le Aule della Camera e del Senato hanno quindi approvato i pareri sulla Proposta di Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (Risoluzioni n. 6-00179 alla Camera e n.3 al Senato e documento completo: Doc. XXVII, n. 18-A). Nei pareri sono state accolte diverse istanze dell'ANCE illustrate in audizione in merito a: proroga e semplificazione superbonus 110%; gestione crediti deteriorati; semplificazione e velocizzazione appalti pubblici; rigenerazione urbana.

Nel frattempo il presidente Draghi, intervenuto nella Conferenza Unificata dell'8 aprile 2021 di avvio del Piano, ha affermato che il nuovo PNRR sarà in continuità col precedente solo in alcune aree di intervento. Ci saranno "interventi robusti sul piano degli snellimenti procedurali e delle semplificazioni". Si interverrà, quindi:

  • sul Codice Appalti;
  • sul Testo unico dell'edilizia. 

Il provvedimento potrebbe arrivare la prossima settimana e dopo la sua diffusione si capirà in quale misura le nuove procedure agili avranno effetto sul sistema delle detrazioni fiscali per gli interventi di riqualificazione edilizia ed energetica.

 

Superbonus 110%: ok di Camera e Senato per la proroga al 31/12/2023

La Camera e il Senato hanno chiesto che il Superbonus 110% venga prorogato fino al 31 dicembre 2023 per tutti i lavori edilizi. Attualmente le scadenze sono differenziate:

  • 30 giugno 2022 per tutti i lavori;
  • 31 dicembre 2022 per i condomìni che a giugno 2022 abbiano concluso almeno il 60% dei lavori;
  • 30 giugno 2023 per gli ex-IACP che al 31 dicembre 2022 abbiano concluso almeno il 60% dei lavori.


Superbonus anche per professionisti, alberghi, imprese, patrimonio pubblico, scuole

Secondo il Parlamento, la maxi-agevolazione del 110% dovrebbe essere estesa anche ad alberghi, aziende agricole e agrituristiche. Il Senato ha sottolineato l'esigenza di includere gli esercenti attività d’impresa, arti e professioni, e anche gli interventi di riqualificazione e messa in sicurezza del patrimonio immobiliare pubblico, in particolare quello dell’edilizia residenziale pubblica, sociosanitario, scolastico, della giustizia e dell’im­piantistica sportiva.

 

Bonus Casa unico: l'idea di unificare tutto

Si studia un'unica aliquota al 75% per ecobonus, bonus ristrutturazioni, bonus mobili, sismabonus, bonus verde, bonus facciate, bonus idrico e bonus colonnine, con rimborso in 5 anni.

 

Antisismica per edifici residenziali privati

Per la sicurezza sismica dell’edilizia residenziale privata, il Senato ritiene che vadano incentivate le progettazioni che adoperano le analisi fondate sui terremoti di progetto con probabilità di ricorrenza del 2% in 50 anni (tempo di ritorno di 2.475 anni), rispetto a quanto attualmente previsto dalle vigenti Norme tecniche delle costruzioni (NTC-2018), che adoperano terremoti di progetto con una probabilità di ricorrenza del 10% in 50 anni (tempo di ritorno di 475 anni).

LA TABELLA REALLIZATA DALL'ANCE, CHE RIEPILOGA TUTTE LE PROPOSTE DI CAMERA E SENATO SU SUPERBONUS, ALTRI BONUSA, APPALTI E RIGENERAZIONE URBANA E' SCARICABILE IN FORMATO PDF PREVIA REGISTRAZIONE AL PORTALE


sismabonus-ecobonus-700-animata.gif

Per avere una guida ordinata su SUPERBONUS, ECOBONUS, SISMABONUS

Vai alla nostra pagina speciale "TUTTO SU ECOBONUS - SUPERBONUS"

Vai alla nostra pagina speciale "TUTTO SU SISMABONUS - SUPERBONUS"