Stabilizzazione di pendii con pali passivi in condizioni drenate

Il presente lavoro ha per oggetto lo studio dell’interazione terreno-struttura nel caso di file di pali utilizzati per la stabilizzazione di pendii. In particolare il lavoro è dedicato ai meccanismi di interazione in terreni attritivi (per i quali le analisi teoriche sono molto scarse) e si prefigge di esaminare principalmente due aspetti: l’affidabilità dei risultati numerici 3D attraverso il confronto con soluzioni analitiche (nel caso di stratigrafia orizzontale) ed i meccanismi di interazione palo-terreno nel caso di pali realizzati su un pendio, tenendo conto degli effetti indotti dalla mutua interazione fra pali adiacenti e valutando in particolare l’influenza dei parametri geometrici, numerici e costitutivi.

Introduzione
L’utilizzazione di pali per la stabilizzazione di pendii è una tecnica ben nota ed accettata nella pratica (Ito e Matsui, 1975; Viggiani, 1981; Frank e Pouget, 2008). La maggior parte delle analisi riguardanti questa tecnica di intervento proposte in letteratura (Viggiani, 1981, Powrie, 2011), fanno riferimento unicamente alle condizioni non drenate, mentre le analisi relative alle condizioni drenate risultano ad oggi limitate. I pochi contributi in proposito (Kourkoulis, 2009, 2011; Powrie, 2012), semplificano la geometria del problema, analizzando solamente una ristretta porzione di terreno attorno al palo e trascurando l’effetto dell’inclinazione del pendio.
Il presente lavoro ha per oggetto lo studio dell’interazione terreno-struttura nel caso di pali passivi all’interno di uno strato di terreno puramente attritivo (condizioni drenate), che rappresenta la situazione di maggior interesse applicativo. Sono condotte analisi numeriche sia 2D che 3D, con il metodo degli elementi finiti (ABAQUS), valutando anche l’effetto dell’inclinazione del pendio.
Nella prima parte del lavoro si sono estese alle condizioni drenate, le analisi teoriche originariamente proposte da Viggiani (1981) per le condizioni non-drenate. Si sono quindi eseguite analisi numeriche 2D per verificare gli effetti delle condizioni al contorno ed analisi 3D, sia su stratigrafia orizzontale che inclinata, per verificare l’affidabilità dei risultati numerici attraverso il confronto con le soluzioni analitiche, per analizzare l’influenza dell’inclinazione del pendio, per studiare l’effetto del gruppo su una fila di pali passivi.

Memoria tratta dagli Atti del 3° IAGIG (2013)
Scarica l'articolo completo in formato pdf

Per maggiori informazioni consulta www.iagig.unisa.it

 

Il Magazine

Sfoglia l'ultimo numero della rivista Ingenio

Newsletter Ingeio

Seguici su