i 10 progetti "Underground" più ambiziosi concepiti dall'uomo

29/12/2013 4946

Su http://jalopnik.com una singolare classifica: le 10 opere di ingegneria Underground più importanti concepite dall'uomo: dai bunker nucleari segreti della Guerra Fredda al tunnel intercontinentale Maglevs e, come recita l'articolo, anche se la maggior parte sembravano impossibili, la maggior parte sono poi stati realizzati.

In classifica - al decimo posto - anche ill Marmaray Tunnel, il collegamento ferroviario che tramite un tunnel sottomarino unisce la sponda europea e quella asiatica del Bosforo a Istanbul in Turchia, che è stato di recente inaugurato (il 29 ottobre 2013). Immerso nella parte più profonda a 198,4 metri sotto lo stretto del Bosforo, consiste in un tunnel ferroviario sottomarino, lungo 14 km di cui 1 800 m sotto lo stretto del Bosforo. Il tunnel, in alcuni punti, passa a meno di 62 m dal fondo marino ed è il più profondo tunnel ferroviario sottomarino del mondo.

Non solo successi ma anche fiaschi in classifica, come la Cincinnati Subway (al nono posto): una serie di tunnel e stazioni inutilizzate e costruite per il trasporto pubblico sotto le strade di Cincinnati, Ohio. La costruzione iniziò all'inizio del XX secolo ma il progetto non venne mai completato e abbandonato nel 1929, così non ha mai visto un passeggero pagante. È conosciuta come il più lungo tunnel di metropolitana abbandonato degli Stati Uniti e il progetto è stato descritto come "uno dei più grandi imbarazzi" USA e

Ci sono poi progetti "segreti" come le linee della Metropolitana voluta da Stalin (sesto posto). Nessuno l'ha vista ma tutti sanno che c'è. Si chiama Metro-2 la metropolitana segreta del Cremlino, l'ultimo mistero del regime sovietico. La volle Stalin: per evacuare la nomenklatura in caso di emergenza. Una volta servì per davvero: il 6 novembre del 1941. Quando il destino di Mosca era appeso ad un filo: le truppe corazzate tedesche del generale Guderian erano appena a trenta chilometri dalla capitale russa. Stalin volle lo stesso organizzare una riunione solenne in occasione del 24esimo anniversario della Rivoluzione: proprio alla stazione Majakovskaja, forse la più bella e famosa della rete metropolitana moscovita per dimostrare al suo popolo che il governo sovietico non aveva abbandonato Mosca al suo destino. Pochissimi sapevano che alla Majakovskaja Stalin c'era arrivato da un ramo segreto della metropolitana: Stalin apparve infatti all'improvviso senza essere uscito dalle sedi ufficiali in cui tutti l'avevano visto qualche ora prima. Da dove era spuntato?

Tra i più innovativi il sistema di trasporto pneumatico della metropolitana di NY. (per saperne di più http://www.nycsubway.org/wiki/Beach_Pneumatic_Transit). Il tunnel Beach fu costruito in soli 58 giorni, a partire da Warren Street e Broadway, direttamente di fronte al City Hall e fu aperto al pubblico il 26 febbraio 1870. Gestito come una dimostrazione tecnica tra il 1870-1873, di 300 metri di lunghezza, aveva solo una stazione. Fu spesso citato come un precoce e importante sviluppo nella storia del transito di New York City, ma era solo una curiosità. Infatti, lo sviluppo della trazione elettrica rese obsoleto in fretta questo esperimento.

Al primo posto il progetto di tunnel al di sotto dell'atlantico: 3000 miglia di linea ferroviaria tra Nord America ed Europa. L'idea nacque alla fine del 19° secolo ma le fantasie non si sono fermate: con 175 miliardi di dollari si potrebbe realizzare il progetto Maglev 4000. Un sistema con un treno a lievitazione magnetica che potrebbe consentire di pranzare a Manhattan e ancora arrivare a Londra in tempo per il teatro. Per gli ideatori non è impossibile : la Norvegia ha studiato gallerie a galleggiamento neutro e Shanghai sono in esecuzione treni a levitazione magnetica per l'aeroporto. Per saperne di più http://www.popsci.com/scitech/article/2004-04/trans-atlantic-maglev.

Per chi volesse leggere l'articolo nel suo insieme e vedere la rassegna di interessanti immagini: jalopnik.com/the-ten-most-ambitious-subway-systems-ever-devised-1484113202