Costruzioni in zona sismica: quando le strutture in acciaio vanno comunicate al Genio Civile

Cassazione: le strutture in zona sismica vanno denunciate al Genio civile per il rilascio dell'autorizzazione sismica quando la statica delle opere eseguite è assicurata da elementi strutturali in acciaio o in altri metalli con funzione portante.

L'obbligo di denuncia sismica va aldilà del pericolo effettivo.


Attenzione perché dalla Sezione penale della Cassazione arriva un'altra, importante pronuncia in materia di autorizzazione sismica e necessità di denunciare al Genio Civile la realizzazione di strutture in acciaio nelle zone a rischio.

 

Elementi strutturali o portanti

Nella sentenza 14237 del 16 aprile 2021, infatti, si parte da un concetto molto chiaro:

 

  • la disciplina penale in materia di opere a struttura metallica, prevista dall’art. 64 del dpr 380/2001, si applica soltanto quando la statica delle opere eseguite è assicurata da elementi strutturali in acciaio o in altri metalli con funzione portante (Sez. 3, n. 56067 del 19/09/2017, Rv. 271810 – 01; Sez. 3, n. 17022 dell’11/03/2014, Rv. 259183 – 01; Sez. 3, n. 38405 del 09/07/2008, Rv. 241289 – 01);
  • sono pertanto escluse dalla disciplina penale le strutture che, secondo la lettera dell’art. 53, d.P.R. n. 380 del 2001, non assolvono ad una funzione statica (Sez. 3, n. 24237 del 24/03/2010, Rv. 247688 – 01) e quelle costituite da un’unica struttura (Sez. 3, n. 12164 del 09/10/1998, Rv. 212177 – 01), come le membrature singole e gli elementi costruttivi che assolvano ad una funzione di limitata importanza nel contesto statico del manufatto (Sez. 3, n. 6588 del 17/11/2011, Rv. 252032 – 01).

 

Struttura in acciaio e mancata comunicazione al Genio Civile

Nel caso di specie, l'oggetto del contender è rappresentato dal ricorso contro la condanna di un ristoratore colpevole dei reati di cui agli artt. 64, 65, 71, 72, 93 comma 1, 94, comma 1 e 95 del dpr 380/2001 per aver realizzato in una zona sismica una struttura in acciaio, con pilastrini e travi rivestiti in cartongesso per esterni e una costruzione in legno ancorata ad una struttura metallica «senza averle prima denunciate al Genio Civile, in assenza di un progetto esecutivo redatto da un tecnico abilitato e senza la direzione di quest'ultimo».

 

Costruzioni in zona sismica: quando le strutture in acciaio vanno comunicate al Genio Civile

 

L'obbligo di denuncia sismica va aldilà del pericolo effettivo

Secondo la Corte suprema, che ha respinto il ricorso del ristoratore:

  • l'obbligo di denuncia e di presentazione dei progetti previsto dall'art. 93 del TUE e quello di preventiva autorizzazione previsto dal successivo art. 94, riguardano «tutte le costruzioni la cui sicurezza possa comunque interessare la pubblica incolumità, da realizzarsi in zone dichiarate sismiche [….], a nulla rilevando l'impiego di materiali diversi rispetto alla muratura e al cemento armato ovvero la natura precaria dell'intervento» (Cass. Sez. III, sentenza 4 aprile 2019, n. 14761) dal momento che «proprio l'impiego di elementi strutturali meno solidi e duraturi rende ancor più necessari i controlli e le cautele prescritte ai fini preventivi» (Cass. Sez. III, sentenza 26 settembre 2001, n. 29741);
  • la sfera di applicabilità degli artt. 64 e 65 del TUE non riguarda unicamente le opere che siano al tempo stesso costituite da cemento armato e struttura metallica, «essendo evidente [che] la disposizione è diretta a regolare anche le opere che, non composte di cemento armato, possiedano una struttura metallica» (Cass. Sez. III, sentenza 27 ottobre 2020, n. 29822);
  • le contravvenzioni previste dalla normativa antisismica puniscono inosservanze formali, volte a presidiare il controllo preventivo della pubblica amministrazione, sicché l'effettiva pericolosità della costruzione realizzata senza l'autorizzazione del genio civile e senza le prescritte comunicazione è del tutto irrilevante ai fini della sussistenza del reato (cfr. Cass. Sez. III, sentenza 19 settembre 2017, n. 56067; Cass. Sez. III, sentenza 10 ottobre 2017, n. 4567).

 

LA SENTENZA INTEGRALE E' SCARICABILE IN FORMATO PDF PREVIA REGISTRAZIONE AL PORTALE


Per saperne di più sui temi della normativa edilizia e urbanistica

LEGISLAZIONE e TECNICA URBANISTICA ed EDILIZIA

banner-dalprato-700.jpg

L'AREA è un luogo di riflessioni, commenti, studi e proposte sullo stato dell’arte dell’Edilizia e dell’Urbanistica in cui ci proponiamo di dare sistematicità alle informazioni inerenti l’evoluzione normativa e giurisprudenziale che pubblichiamo giornalmente.

Nell'area di principi e modalità applicative delle norme dell’Urbanistica e dell’Edilizia facendo il punto critico sulle tematiche che maggiormente si pongono all’attenzione della legislazione e della giurisprudenza in un momento in cui l’evoluzione della materia appare confusa e, a volte, contraddittoria; per questo trattiamo gli argomenti, per così dire, più attuali, interpretandoli ed inquadrandoli alla luce dei principi fondanti della materia anch’essi oggetto di evoluzione concettuale e dottrinaria.

Vai all'area di approfondimento "LEGISLAZIONE e TECNICA URBANISTICA ed EDILIZIA"