Contributi a fondo perduto Decreto Sostegni: quando arrivano i soldi? Lo scadenzario preciso

Il Ministro dell'Economia Franco, in audizione alla Camera, ha preannunciato che il 16 giugno 2021 le Entrate apriranno la finestra sui Sostegni replica negli importi di quelli chiusi al 28 maggio 2021) mentre il 23 giugno toccherà ai Sostegni con la rimodulazione dei cali di fatturato.


Fondo perduto professionisti: le aperture delle finestre per i contributi

Ci siamo. Stanno per 'arrivare' i sostegni per professionisti e partite IVA previsti dal primo Decreto Sostegni, il 41/2021.

Nell'audizione presso la Camera dei Deputati del 7 giugno scorso, il Ministro dell'Economia Franco ha infatti anticipato che:

  • il 16 giugno l'Agenzia delle Entrate aprirà la finestra sui Sostegni-bis (fotocopia negli importi di quelli chiusi al 28 maggio 2021);
  • il 23 giugno sarà la volta dei Sostegni con la rimodulazione dei cali di fatturato.

Non solo: come comunicato dal Ministro, dagli indennizzi del DL Sostegni 1 arrivano quasi 2 miliardi di risparmi che con ogni probabilità confluiranno nel fondone per i Sostegni a conguaglio.

 

Sostegni: il replay del primo contributo dal 16 giugno 2021

Per il contributo replica del primo, previsto dal DL Sostegni 1 (indennizzi per tutte le partite Iva con un fatturato nel 2019 fino a 10 milioni di euro che abbiano avuto un calo del fatturato di almeno il 30% tra il 2019 e il 2020), per il quale le domande andavano inviate al Fisco entro il 28 maggio 2021, il Ministro Franco evidenzia che il Fisco il 16 giugno 2021 effettuerà un pagamento a tutti coloro che hanno beneficiato del primo intervento, per lo stesso importo.

Contributi a fondo perduto Decreto Sostegni: quando arrivano i soldi? Lo scadenzario preciso

Rimodulazione fatturato: nuovo contributo dal 23 giugno 2021

Il 23 giugno 2021, invece, 'partiranno' quelli relativi ai Sostegni con la rimodulazione dei cali di fatturato per il periodo di tempo che include il primo trimestre 2021, i cui pagamenti dovrebbero partire dal mese di luglio.

 

Meno richieste del previsto

Dal monitoraggio che sta chiudendo l'AdE - rivela Franco - emerge un numero di domande minore delle attese. Si stimavano 3 milioni mentre il numero delle domande sarà leggermente inferiore ai 2 milioni. Per questo motivo, le risorse non utilizzate sia nel DL Sostegni 1) e nell'intervento che ripete il DL 41 (DL 73/21, Sostegni 2), saranno poi utilizzate per rafforzare altri contributi a fondo perduto.

A QUESTO LINK, L'AUDIZIONE VIDEO INTEGRALE DEL MINISTRO FRANCO