Superbonus 110%: nuove FAQ Fondazione Inarcassa su tolleranze, massimali di spesa, prezzari

14/06/2021 14935

Pubblicate le risposte alle domande poste ai relatori del webinar del 14 aprile 2021.

Per la sostituzione degli infissi se mantenute forma e dimensioni, con eventuali modifiche dovute alle tolleranze di cantiere o a motivi tecnicamente validi.


Segnaliamo e alleghiamo l'interessantissimo e utile documento di Fondazione Inarcassa, che contiene le FAQ (risposte alle domande più frequenti) presentate ai relatori del webinar della Fondazione dello scorso 14 aprile 2021.

Riproponiamo, qui sotto, le prime tre, invitando a scaricare il documento integrale per 'scoprirle' tutte.

 

Sostituzione di infissi con modifica della sagoma

D. Buongiorno, nel caso di sostituzione di infissi con modifica della sagoma, va in detrazione al 110 la superficie finestrata corrispondente a quella esistente, mentre la restante eccedenza rientra nel bonus al 50%?

R. Ultimo e recente intervento dell’ENEA nel corso dell’audizione del 28/04/2021 in Commissione Attività Produttive alla Camera, conferma il riconoscimento dell’agevolazione 110% per la sostituzione degli infissi se mantenute forma e dimensioni, con eventuali modifiche dovute alle tolleranze di cantiere o a motivi tecnicamente validi. Tale obbligo viene meno negli interventi di demolizione e ricostruzione, con riferimento “geometrico, dimensionale e di posizione nella situazione post opera”.

Solo per gli interventi di demolizione e ricostruzione con sagoma diversa ma stessa volumetria, infatti, la sostituzione degli infissi può beneficiare delle altre detrazioni.

 

Tolleranze sulle dimensioni degli infissi e stato legittimo

D. Buongiorno, sulle dimensioni degli infissi che tolleranze devo utilizzare per certificare lo stato legittimo?

La sostituzione delle finestre comprensive di infissi è ammessa al Superbonus, ma solo a parità di superficie e di forma, con una soglia di tolleranza del 2% sulle dimensioni. Una presa di posizione, per quanto riguarda le nuove finestre, che si ricollega all’ art. 34-bis del DPR n. 380/2001 (Testo Unico Edilizia): “Il mancato rispetto dell’altezza, dei distacchi, della cubatura, della superficie coperta e di ogni altro parametro delle singole unità immobiliari non costituisce violazione edilizia se contenuto entro il limite del 2% delle misure previste nel titolo abilitativo”. Quindi, stiamo parlando di tolleranze costruttive.

Superbonus 110%: nuove FAQ Fondazione Inarcassa su tolleranze, massimali di spesa, prezzari

Massimali di spesa e prezziari

D. Per i "Massimali specifici di costo per gli interventi sottoposti a dichiarazione del fornitore o dell’installatore ai sensi dell’Allegato A ", gli stessi devono essere verificati anche qualora si utilizzino i Prezzari?

PROCEDURA PER VERIFICA CONGRUITA’ SPESE DEGLI INTERVENTI

Relativamente agli interventi da superbonus 110%, e comunque per tutti quegli interventi che prevedono l’asseverazione da parte del tecnico abilitato (o la dichiarazione resa dal fornitore), il tecnico abilitato stesso allega il computo metrico e assevera che siano rispettati i costi massimi per tipologia di intervento, ottemperando ai criteri che seguono:  i costi per tipologia di intervento devono essere inferiori o uguali ai prezzi medi delle opere compiute riportati nei prezzari predisposti dalle regioni e dalle province autonome territorialmente competenti, di concerto con le articolazioni territoriali del Ministero delle infrastrutture e dei trasporti relativi alla regione in cui è sito l'edificio oggetto dell'intervento.

IN ALTERNATIVA ai suddetti prezzari, il tecnico abilitato può riferirsi ai prezzi riportati nelle guide sui "Prezzi informativi dell'edilizia" edite dalla casa editrice DEI - Tipografia del Genio Civile; nel caso in cui i prezzari di cui sopra non riportino le voci relative agli interventi, o parte degli interventi da eseguire, il tecnico abilitato determina i nuovi prezzi per tali interventi in maniera analitica. La relazione firmata dal tecnico abilitato per la definizione dei nuovi prezzi è allegata all'asseverazione; qualora la verifica della congruità dei prezzi condotta ai punti 1 e 2 evidenzi che i costi sostenuti sono maggiori di quelli massimi ivi indicati in relazione a una o più' tipologie di intervento, la detrazione è applicata nei limiti massimi individuati dal decreto requisiti.

Tale procedura ridimensiona drasticamente il monte detraibile riconducendolo al minore fra quello calcolato dal professionista abilitato, con la procedura indicata al punto 13 dell’All. A, e quello dei limiti massimi di spesa previsto dall’All. B. Ciò a valere per tutti quegli interventi per i quali è necessaria l’asseverazione, quindi non sono solo contemplati dal superbonus 110%.

TUTTE LE FAQ SONO SCARICABILI NELL'ALLEGATO PDF PREVIA REGISTRAZIONE AL PORTALE