SuperEcobonus 110% per una casa privata, si fa così: spesa, utilizzo diretto, cessione credito

Esempio pratico di Superbonus 110% per il progetto per la riqualificazione di una villetta (coibentazione, cambio caldaia e finestre, impianto fotovoltaico) con miglioramento di due classi energetiche.


Del Superbonus 110% sappiamo vita, morte, miracoli e forse anche altro (...).

Qui, oggi, anche grazie ai tanti documenti istituzionali disponibili sul web ma non sempre facilmente reperibili, vogliamo semplificare al massimo le informazioni per l'ottenimento del SuperEcobonus 110% da parte del proprietario di una casa privata o villetta unifamiliare.

 

I lavori di efficientamento energetico

Il progetto riguarda la riqualificazione di una villetta (coibentazione, cambio caldaia e finestre, impianto fotovoltaico) con miglioramento di due classi energetiche.

Si tratta, quindi, di interventi trainanti e trainati dal Superbonus 110%, con limiti di spesa variabili in base alle opere, recuperabile in 5 anni.

 

Spesa e 110% di bonus

Ipotizziamo una spesa di 65 mila euro da effettuare nell'anno corrente (2021).

Da qui, il Superbonus sarà di 71.500 euro totali.

 

SuperEcobonus 110% per una casa privata, si fa così: spesa, utilizzo diretto, cessione credito

 

Utilizzo diretto del Superbonus

Se si vuole beneficiare direttamente dell'agevolazione, la rata annuale sarà di 14.300 euro a partire dal 2022.

L’inflazione riduce il valore reale del bonus a 69.383 euro nel 2026 (a fronte di un esborso iniziale di 65.000 euro).

 

Cessione del credito e finanziamento

Se, invece, si concorda di cedere il credito ad un istituto finanziario, allora bisognerà considerare 66.300 euro di spesa (102% del totale previsto) e ci si farà anticipare il denaro per pagare l’impresa edile con interessi di circa 1.780 euro per 12 mesi.

Il costo effettivo sarà quindi di 480 euro (più eventuali oneri non detraibili e costi accessori).