Indagine: quanto è diffuso il BIM nella Pubblica Amministrazione?

ANTEL e ASSOBIM presentano i dati della prima indagine condotta: ecco i risultati


 

BIM e digitalizzazione nella PA: lo stato dell'arte

Il Decreto Ministeriale n. 560 del 1° dicembre 2017, noto anche come “Decreto BIM” o “Decreto Baratono”, ha definito le modalità e i tempi di progressiva introduzione dell’obbligatorietà di metodi e strumenti di gestione e modellazione informativa per l’edilizia e le infrastrutture presso le stazioni appaltanti, le amministrazioni concedenti e gli operatori economici, nelle fasi di progettazione, costruzione e gestione delle opere pubbliche nonché delle relative verifiche. In questo quadro il BIM è lo strumento fondamentale sia per la gestione informativa dei progetti, sia in generale all’interno della strategia di digitalizzazione delle amministrazioni pubbliche, sia in relazione ai bandi di gara di opere pubbliche. 

La valorizzazione della professionalità delle figure tecniche e lo sviluppo delle competenze relative al Building Information Modeling nella Pubblica Amministrazione è uno degli obiettivi dall’accordo che abbiamo sottoscritto con ANTEL” – sottolinea il Presidente di ASSOBIM, Adriano Castagnone – “Siamo convinti che il fronte della PA sia quello sul quale in questo momento si sta giocando la partita più importante per una definitiva modernizzazione del settore in chiave di digitalizzazione dei processi”.

Per monitorare il livello di conoscenza e attenzione nei confronti di tali tematiche ANTEL, l’organismo che aggrega in associazione i dipendenti tecnici degli Enti Locali d’Italia, e ASSOBIM, l’associazione che nasce con lo scopo di dare rappresentatività alla filiera tecnologica del Building Information Modeling e della digitalizzazione nelle costruzioni, hanno predisposto un questionario finalizzato a delineare lo stato dell’arte per quanto concerne la diffusione del BIM e della digitalizzazione nei processi della Pubblica Amministrazione. 

Gli uffici tecnici della PA rappresentano un contesto di grande significatività sia dal punto di vista delle potenzialità ma anche delle criticità relative ai processi di trasformazione digitale.” – commenta Massimo Druetto Segretario Generale ANTEL - “Le risposte al questionario hanno restituito una fotografia fedele dello stato dell’arte per quanto riguarda la diffusione del BIM e, più in generale, della digitalizzazione nella PA.”

 

I risultati dell'indagine

La prima domanda ha riguardato gli enti di appartenenza dei partecipanti all’indagine, concentrati nella maggior parte dei casi in ambito comunale, un risultato prevedibile sia per l’alta presenza di figure tecniche al loro interno che per la quantità di edifici che ricadono sotto le competenze amministrative dei Comuni rispetto ad altri Enti.

 

Professionalità negli uffici tecnici della PA

L’età media del campione, piuttosto elevata, rispecchia fedelmente dinamiche occupazionali note all’interno della Pubblica Amministrazione, mentre le professionalità sono essenzialmente concentrate su geometri (36%), architetti (34,9%) e ingegneri (21,7%), la maggior parte dei quali (84,7%) è anche abilitata all’esercizio della professione

 

Professionalità negli uffici tecnici della PA

 Dal punto di vista delle funzioni svolte, colpisce il dato relativo a progettazione (57,1%) e direzione lavori (52,9%), indice di un basso ricorso all’esternalizzazione di tali attività.

Professionalità tecniche nella PA

 

Quanto è conosciuto il BIM dai tecnici della PA

Entrando nel vivo delle tematiche affrontate dal questionario, relativamente confortante è il dato relativo alla conoscenza del BIM da parte dei tecnici della Pubblica Amministrazione; quasi la metà del campione dichiara di conoscere tale metodologia, e solo il 16,4% del campione risponde negativamente. Solo un terzo del campione, tuttavia, ha partecipato ad oggi a eventi  formativi e corsi sul Building Information Modeling, un dato da cui emerge con evidenza la necessità di potenziare tali attività rivolte ai tecnici della PA; speculare a tale dato è il fatto che la quasi totalità del campione non sia ancora in possesso di formazione certificata in ambito BIM, da cui emerge conseguentemente l’esigenza di importanti investimenti da parte degli Enti sulla crescita delle professionalità interne.

Conoscenza del BIM nella PA

 

Un altro blocco di domande ha riguardato un aspetto di grande rilievo, vale a dire la facilità di integrazione della metodologia BIM nel quadro delle attività svolte dagli Enti pubblici. Il campione in questo caso è diviso praticamente a metà nelle risposte (48,1% per il sì, 51,9% per i no): interessanti le criticità segnalate, fra cui carenza di dotazioni tecnologiche, scarsa propensione all’innovazione, insufficienti risorse economiche e, ancora una volta, carenze formative, a fronte di una percezione altrettanto chiara dei potenziali vantaggi offerti dal BIM.

Note significative anche quelle emergenti dalla domanda circa la disponibilità o l’intenzione dell’Ente di appartenenza di acquistare piattaforme o software BIM specifici inerenti alla gestione del patrimonio edilizio e infrastrutturale: l’85,7% del campione risponde negativamente, e in quasi l’80% dei casi l’Ente non utilizza alcuna piattaforma informativa specializzata per questo tipo di attività. La necessità di maggiori investimenti in questo senso è evidente, come del resto confermato dalla quasi totalità dei partecipanti all’indagine che segnalano una scarsa propensione degli Enti ad investire nei processi di sviluppo del BIM e l’assenza (nel 92,6% dei casi) di un ufficio preposto a tale metodologia, nonostante il numero mediamente elevato di tecnici che si occupano di gestione e manutenzione del patrimonio edilizio (più di 50 in oltre un terzo dei casi) anche se con metodologie e processi molto variegati.

 Investimenti BIM e PA

 

Come coinvolgere enti e i professionisti della PA ad adottare il BIM

Altrettanto interessanti, e per certi versi incoraggianti, le risposte all’ultimo blocco di domande del questionario, relative alle possibili soluzioni per coinvolgere gli enti e i professionisti della Pubblica Amministrazione a adottare estesamente il BIM. La parola chiave è formazione, erogata attraverso molteplici canali (università, enti di formazione, associazioni), unita al trasferimento agli enti di specifiche linee guida per accelerare tale processo, entrambe attività cui ANTEL e ASSOBIM stanno fornendo e offriranno sempre più in futuro un importante contributo.  

Nel panorama attuale c’è tantissima formazione per la PA in genere, ma ben poca specifica per gli Uffici Tecnici.” – commenta Massimo Druetto - “La richiesta di formazione da parte dei tecnici degli enti locali è molto alta, e in questo periodo in particolare esprimono la necessità di approfondire ad ampio spettro il tema della digitalizzazione. In questo senso ANTEL e ASSOBIM sono chiamate a svolgere un ruolo di divulgazione e formazione culturale molto importante.”