INFRASTRUTTURE VERDI: US Environmental Protection Agency ne calcola i vantaggi economici

09/03/2014 3918

La US Environmental Protection Agency ( EPA ) ha pubblicato un rapporto in cui si evidenzia come una infrastruttura verde possa essere una soluzione conveniente per il controllo delle acque piovane, fornendo numerosi vantaggi economici.

Utilizzando il Comune di Lancaster come caso di studio l'EPA ha cercato di quantificare i benefici economici associati all'utilizzo di un'infrastruttura verde per il controllo delle problematiche connesse ai fenomeni naturali e al controllo dell'inquinamento umido.

Il rapporto stima che il piano di infrastrutture verdi consentirà di ridurre i costi di investimento delle infrastrutture grigie di 121,7 milioni di dollari e ridurre i costi di pompaggio delle acque reflue e il tloro rattamento di 661 mila dollari all'anno. Fornirà inoltre 8 milioni di dollari come energia, migliorerà la qualità dell'aria ed i benefici legati al clima.

Questi benefici superano i costi di realizzazione di infrastrutture verdiche sono stati stimati in 51 milioni e 600 mila dollari, se i progetti di infrastrutture verdi sono stati integrati nei miglioramenti già previsti, oppure in 94,5 milioni dollari, se i progetti di infrastrutture verdi sono stati realizzati in maniera indipendente.


L'esperienza di Lancaster

"Il Comune ha investito più di 25 milioni dollari negli ultimi dieci anni nei miglioramenti  in infrastrutture grigie per aumentare la capacità del sistema delle acque reflue della città" ha detto il sindaco Richard Gray. "Nonostante questo investimento, una notevole quantità di liquami non trattati continua a traboccare nel fiume Conestoga e, infine, nella Chesapeake Bay. L'infrastruttura verde contribuirà a ridurre il volume di acqua piovana che entra nel nostro sistema delle acque reflue e allo stesso tempo di trasformare la città in un più sostenibile comunità sana."

A differenza delle infrastrutture grigie di gestione delle acque piovane - che utilizzano tubi per smaltire l'acqua piovana - le infrastrutture verdi utilizzano la vegetazione e il suolo per la gestione delle acque piovane. Intrecciando processi naturali nell'ambiente edificato, le infrastrutture verdi non solo forniscono un mezzo di gestione delle acque piovane, ma anche di mitigazione delle alluvioni, di miglioramente della qualità dell'aria e di rivitalizzazione della comunità."

"I risultati di questo studio affermano che l'infrastruttura verde ha molteplici vantaggi sia per le grandi e piccole città che hanno bisogno di ridurre l'inquinamento e garantire acqua pulita . "

LINK al Rapporto: owpubauthor.epa.gov/infrastructure/greeninfrastructure/upload/CNT-Lancaster-Report-508.pdf


La Commissione Europea ha deciso di promuovere la costruzione di infrastrutture verdi.
Secondo Janez Potocnik, commissario Ue all’ambiente, ”Costruire infrastrutture verdi spesso e’ un buon investimento per la natura, per l’economia e per l’occupazione”.
La nuova strategia Ue cerchera’ di promuovere infrastrutture verdi nelle varie politiche europee e sviluppera’ le linee guida per la loro integrazione in agricoltura, pesca, clima, trasporti ed energia. Per realizzare questo piano, entro il 2014 la Commissione Ue, insieme alla Banca europea d’investimenti (Bei), mettera’ a punto anche uno strumento finanziario ad hoc, mentre nel 2015 presentera’ uno studio di valutazione di una rete di infrastrutture verdi di portata europea.

Investimenti di questo tipo si sono già dimostrati molto vantaggiosi: nel caso del ripristino della pianura alluvionale del fiume Elba in Germania, lo spostamento delle dighe, il passaggio ad una gestione agricola sostenibile e la creazione di passaggi per i pesci, si sono tradotti in benefici quattro volte superiori ai costi.

Se poi si calcolassero anche i vantaggi in termini di spazi ricreativi, protezione dalle alluvioni e emissioni di carbonio, il valore di questi benefici sarebbe anche piu’ elevato.

In citta’, soluzioni come tetti ricoperti di vegetazione, parchi e corridoi verdi, non solo costituiscono elementi a servizio della salute pubblica, ma offrono anche soluzioni ai problemi sociali, fanno risparmiare energia e favoriscono lo scolo delle acque.
Le infrastrutture verdi sono uno strumento di comprovata efficacia per ottenere benefici ecologici, economici e sociali ricorrendo a soluzioni “naturali”.

Ciò ci aiuta a capire il valore dei benefici che la natura offre alla società umana e a mobilitare gli investimenti necessari per sostenerli e consolidarli. Questo approccio spesso consente inoltre di abbandonare la realizzazione di infrastrutture costose a favore di soluzioni più economiche e più durature che si basano sulla natura e che in molti casi creano opportunità di lavoro a livello locale. Le infrastrutture verdi si basano sul principio che l’esigenza di proteggere e migliorare la natura e i processi naturali, nonché i molteplici benefici che la società umana può trarvi, sia consapevolmente integrata nella pianificazione e nello sviluppo territoriali. Rispetto alle infrastrutture tradizionali (dette anche infrastrutture grigie), concepite con un unico scopo, le infrastrutture verdi presentano molteplici vantaggi. Non si tratta di una soluzione che limita lo sviluppo territoriale, ma che favorisce le soluzioni basate sulla natura se costituiscono l’opzione migliore. A volte può rappresentare un’alternativa o una componente complementare rispetto alle tradizionali soluzioni “grigie”.

Il concetto di infrastrutture verdi è stato definito in vari modo, pertanto è difficile racchiuderne tutti gli aspetti in un breve paragrafo. Viene tuttavia utilizzata la seguente definizione: Infrastrutture verdi: una rete di aree naturali e seminaturali pianificata a livello strategico con altri elementi ambientali, progettata e gestita in maniera da fornire un ampio spettro di servizi ecosistemici.