Il restauro made in Italy: da GBC Italia il primo protocollo al mondo dedicato al patrimonio storico culturale

Dopo i casi italiani di edifici storici certificati o registrati con il protocollo GBC Historic Building® , GBC Italia lancia l’internazionalizzazione del primo protocollo al mondo dedicato al restauro del patrimonio storico culturale.

 

Il protocollo GBC Historic Building per il restauro sostenibile diventa internazionale 

Un nuovo primato appartiene all’Italia: nessuno al mondo è detentore di un sistema di certificazione dedicato al restauro sostenibile del patrimonio storico culturale e dopo i molteplici casi di applicazione del rating system GBC Historic Building® sul territorio italiano, GBC Italia è pronta a lanciare l’internazionalizzazione del medesimo protocollo energetico-ambientale.

L’ 1 settembre, nella cornice di Fiera del Levante di Bari che ospita ‘Restauro in Tour’, l’edizione 2021 del Salone Internazionale del Restauro, il più importante evento al mondo dedicato all’Economia, Conservazione, Tecnologie e Valorizzazione dei Beni Culturali e Ambientali, GBC Italia ha organizzato la conferenza internazionale "Heritage and Sustainability - Il Restauro del Patrimonio edilizio storico culturale italiano, un’ispirazione per il mondo".

L’evento blended, in collaborazione con il Salone Internazionale del Restauro, Assorestauro e l’Ordine degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori della Provincia Bari, ha visto la partecipazione di esponenti internazionali tra i quali Cristina Gamboa,  CEO World GBC, Gina Crevello, Presidente di Association for Preservation Technology International e nazionali come Laura D’Aprile, Capo dipartimento per la transizione ecologica e gli investimenti verdi del Ministero della transizione ecologica (MITE) e Maria Adelaide Ricciardi della Direzione Generale Educazione, Ricerca e Istituti Culturali del Ministero della Cultura (MIC).

L’occasione si è prestata per riflettere insieme ai protagonisti della giornata su come il settore delle costruzioni e dell’immobiliare, in Italia come nel resto del mondo, debba rigenerarsi per contribuire in modo concreto al raggiungimento dei traguardi prefissati.

GBC Italia è interessata a stimolare una nuova ondata di rigenerazione del mercato dell’edilizia attraverso l’integrazione tra storia e pratiche di bioedilizia, condividendo il proprio sistema di rating GBC Historic Building® con la comunità internazionale, ampliando così la sua applicabilità oltre il mercato italiano, cambiando il modo in cui il mercato opera sugli edifici storici integrando sostenibilità e pratiche di restauro.

 

Il restauro made in Italy: da GBC Italia il primo protocollo al mondo dedicato al patrimonio storico culturale

 

L’evento ha visto i saluti e l’introduzione ai lavori del Presidente di GBC Italia, Marco Mari:

«La filiera edilizia immobiliare è senza dubbio quella più complessa e al contempo quella che genera il maggiore impatto sul pianeta, sulle persone e sulla prosperità. Per tale ragione, facendo rete tra le migliori competenze del nostro Paese, che anche oggi sono qui rappresentate, abbiamo messo al centro del futuro dell'Europa e del mondo un nuovo approccio capace di rigenerare in chiave sostenibile anche gli asset immobiliari oggi fragili, ma portatori di cultura e tradizioni».

Ad aprire i lavori anche l’AD Ferrara Fiere Congressi, Silvia Paparella:

«Stimolare la rigenerazione attraverso i principi della sostenibilità, la digitalizzazione, l'integrazione tra storia e pratiche di bioedilizia, il confronto permanente pubblico, privato, la collaborazione ampia e consapevole, sono i veri principi e valori che muovono il presente e il futuro di un impegno costante sui temi del restauro. Ferrara fiere in stretta sinergia con Assorestauro e GBC d'Italia, che ringrazio per il prezioso e imprescindibile supporto globale di cui mi onoro di essere parte, ci pone in un'ottica di sfida per il nostro Paese e per il futuro di tutti, preparandoci ad affrontare un piano cruciale quale l'attuazione del PNRR necessario per il rilancio dell'economia e dell'Italia nel mondo. Si tratta di obiettivi ambizioni complessi, ma possibili».

Sono seguiti gli interventi del Presidente di Assorestauro, Alessandro Bozzetti e del Presidente dell’Ordine degli Architetti della Provincia di Bari, Cosimo Damiano Mastronardi:

«Gli edifici storici, risorse culturali di elevato valore, le esigenze di efficienza energetica e di una migliore qualità della vita, le accelerazioni in materia dovute alle nuove tecnologie: la sfida per noi progettisti architetti, in sinergia con tutte le professionalità competenti, è quella di mirare a soluzioni concrete, efficaci e sostenibili che valorizzino e rafforzino la coscienza dell'identità culturale dei territori».

 

Marco Mari: il protocollo GBC Historic Building per il restauro sostenibile diventa internazionale

 

Heritage and Sustainability: la nuova pubblicazione di GBC Italia dedicata al restauro e alla sostenibilità

Il convegno, diviso in due sessioni moderate rispettivamente dal Direttore di GBC Italia Marco Caffi e dal Vicepresidente Fabrizio Capaccioli, si è chiuso con la presentazione in anteprima della pubblicazione dal titolo “Heritage and Sustainability”, a cura di GBC Italia e Recuperoeconservazione Magazine.

La raccolta che illustra i casi certificati e registrati a luglio 2021 con il protocollo GBC Historic Building®, apre con l’introduzione a firma del Ministro Dario Franceschini del Ministero della Cultura (MIC):

«In un Paese come il nostro che dell'intreccio tra paesaggio, architettura, arte e bellezza ha fatto un tratto della propria identità ed un elemento di forza, è fondamentale custodire e valorizzare con la manutenzione e con interventi mirati lo straordinario patrimonio diffuso, dalle città metropolitane ai borghi - e ancora - il rapporto tra sostenibilità e restauro dovrà dunque diventare inscindibile e in questa direzione il lavoro del Green Building Council Italia rappresenta un contributo prezioso, insieme alla mappatura delle buone pratiche, catalogo di modalità percorribili e giro d'orizzonte sui semi piantati per il futuro”.

 


Heritage and Sustainability: consulta la pubblicazione online


 

La prefazione è stata affidata al prof. Ordinario di Restauro e Direttore del Dip. Architettura dell’Università degli Studi di Ferrara Alessandro Ippoliti e la postafazione al prof. Emerito di restauro architettonico dell’Università degli Studi di Roma “La Sapienza”, Giovanni Carbonara.

Le conclusioni della giornata densa di confronti e spunti operativi sono state affidate al Presidente Marco Mari:

«I rating system di sostenibilità dell’edilizia rappresentano concretamente una parte della risposta all’esigenza di riqualificare il patrimonio immobiliare. Insieme dobbiamo traguardare a un nuovo e più ampio processo di rigenerazione urbana e delle piccole comunità. La complessità della sfida obbliga a rivedere i paradigmi e a generare nuovi processi operativi per consentire alle generazioni future di riconoscere i medesimi valori culturali e ambientali che abbiamo avuto il privilegio di apprezzare oggi».

 


Conosci il protocollo GBC Historic Building? Scopri di più a questo LINK 


 

gbc-logo-2019.jpg

 

Chi è GBC Italia

Green Building Council Italia (GBC Italia) è un’associazione senza scopo di lucro cui aderiscono le più competitive imprese e le più qualificate associazioni e comunità professionali italiane operanti nel segmento dell’edilizia sostenibile. GBC Italia fa parte del World GBC, una rete di GBC nazionali presenti in più di 70 paesi, che rappresenta la più grande organizzazione internazionale al mondo attiva per il mercato delle costruzioni sostenibili. GBC Italia promuove un processo di trasformazione del mercato edile italiano attraverso la promozione del sistema di certificazione di terza parte e dei propri protocolli di certificazione (i sistemi GBC) espressamente sviluppati per le specificità del mercato italiano, i cui parametri stabiliscono precisi criteri di progettazione e realizzazione di edifici salubri, energeticamente efficienti e a impatto ambientale contenuto.