Il monitoraggio strutturale e idraulico di un ponte fluviale basato su tecnologie GPS

Silvia Bianchi, assegnista di ricerca presso il Dipartimento Civile e Ambientale del Politecnico di Milano, illustra il caso studio presentato in occasione della prima conferenza di Eurostruct - European Association on Quality Control of Bridges and Structures, svoltasi a Padova dal 29 agosto al 1° settembre 2021.

La ricerca ha riguardato il sistema di monitoraggio strutturale e idraulico sviluppato per un ponte fluviale in calcestruzzo armato situato in provincia di Cremona. 

  

Il sistema di monitoraggio strutturale e idraulico del ponte sul fiume Oglio 

Il ponte che attraversa il fiume Oglio, piccolo Comune in provincia di Cremona, è una struttura di 50 anni con impalcato in calcestruzzo armato formato da travi a I.

L'opera è un importante collegamento sia per i paesi vicini sia per il trasporto regionale ed è stato selezionato come caso studio all’interno di un progetto promosso da Regione Lombardia e Politecnico di Milano per la definizione di criteri e linee guida per la manutenzione e la gestione di infrastrutture stradali.

Un sistema di monitoraggio della salute strutturale basato su tecnologie satellitari è stato progettato e implementato per la misurazione continua degli spostamenti di predefiniti punti dell’impalcato e delle pile. Una fotocamera e un idrometro sono stati integrati nel sistema rispettivamente per la visualizzazione del lato anteriore di una pila per il rilevamento di detriti galleggianti e il monitoraggio del livello dell’acqua, congiuntamente con una stazione meteorologica per la valutazione delle condizioni atmosferiche. Inoltre, un ecoscandaglio è stato utilizzato per indagare l’erosione a livello della fondazione.

Lo studio descrive la progettazione e la realizzazione del sistema integrato e una valutazione critica dei risultati preliminari delle attività di monitoraggio a supporto del quadro generale per la manutenzione e la gestione delle infrastrutture stradali a scala regionale.