Verso un limite alle importazioni di acciaio e di cemento

Il 14 luglio la Commissione ha presentato una proposta che istituisce un meccanismo di regolazione delle importazioni di prodotti che nel loro processo di produzione si registra un importante impatto sul carboni.

Il nome preciso di questo meccanismo di adeguamento delle emissioni importate è CBAM, carbon border adjustment mechanism.

Si tratta di un'imposta concepita per proteggere l'industria europea in fase di decarbonizzazione da quei competitor esterni che non sono soggetti ai rigidissimi obiettivi climatici dell'Unione.

In poche parole, la CBAM imporrà l'obbligo per gli importatori di determinate emissioni di carbonio- prodotti intensivi per fornire dati sulle merci importate e acquistare certificati corrispondenti alle emissioni incorporate in questi prodotti.

 


CBAM, carbon border adjustment mechanism

L'European Emission Trading System (ETS) è il mercato europeo del carbonio.

In applicazione del “principio chi inquina paga”, l'EU ETS impone l'obbligo per le aziende delle industrie ad alta intensità energetica, come l'acciaio e il cemento, di acquistare quote di emissione da restituire ogni anno come mezzo per coprire le proprie emissioni di gas serra (GHG) emessi durante il processo produttivo.

Per prevenire il trasferimento della produzione al di fuori dell'UE, una quota di quote di emissione è stata assegnata gratuitamente alle aziende al fine di ridurre il rischio di "rilocalizzazione delle emissioni di carbonio" nei paesi terzi che deriverebbe dal trasferimento della produzione.

Tuttavia, questo sistema non è più considerato compatibile con l'impegno dell'UE di ridurre i gas serra del 55% entro il 2030.

Come agire quindi ? attraverso una tassazione sui prodotti in arrivo. Quindi il CBAM.

Il CBAM dovrebbe sostituire progressivamente il sistema di assegnazione gratuita.

Lo scopo del CBAM è garantire che le importazioni nell'UE di determinati beni ad alta intensità di carbonio da paesi terzi siano addebitati l'importo equivalente pagato dai produttori nazionali per le quote di emissione nell'ambito dell'EU ETS. In altre parole, è un meccanismo per creare condizioni di parità garantendo prezzi del carbonio equivalenti tra le importazioni nell'UE e la produzione nazionale. Da questo punto di vista, il CBAM integrerà l'EU ETS: mentre l'EU ETS si applica a determinati processi e attività di produzione, il CBAM mirerà alle corrispondenti importazioni di beni.

 

Tax measures in EU Green Deal - dati KPMG

Tax measures in EU Green Deal - dati KPMG

 

Ambito di applicazione del CBAM

Il CBAM si applicherà solo nella prima fase alle importazioni da paesi extra UE di ferro e acciaio, alluminio, cemento, fertilizzanti ed elettricità.

Tuttavia, nei primi anni successivi all'entrata in vigore, la Commissione effettuerà una valutazione del CBAM. Se necessario, la Commissione proporrà di estendere il CBAM alle emissioni indirette, nonché ad altri beni e servizi a rischio di rilocalizzazione delle emissioni di carbonio.

Il CBAM non sarà applicato ai paesi terzi che partecipano all'ETS o hanno un sistema di scambio di quote di emissioni collegato a quello dell'Unione, ovvero Islanda, Liechtenstein, Norvegia e Svizzera.

La proposta si applicherà anche alle importazioni dal Regno Unito. Tuttavia, se il Regno Unito decide di collegare il proprio ETS all'EU ETS, potrebbe anche essere esentato.

 

Periodi di Applicazione del CBAM

1. Periodo transitorio (2023-2025)

Dal gennaio 2023 il CBAM sarà introdotto con una prima fase (periodo transitorio) che riguarderà le importazioni di ferro e acciaio, alluminio, cemento, elettricità e fertilizzanti. Tuttavia, prima della fine del periodo transitorio, la Commissione effettuerà una valutazione del CBAM e valuterà l'eventuale estensione dell'ambito di applicazione alle emissioni indirette, nonché ad altri beni e servizi a rischio di rilocalizzazione delle emissioni di carbonio.

Il periodo transitorio durerà tre anni, dal 2023 al 2025 incluso, per facilitare l'implementazione regolare del meccanismo e consentire a commercianti e importatori di adeguarsi.

Durante il periodo transitorio non sono imposti obblighi finanziari; si applicano solo gli obblighi di segnalazione. In particolare, gli importatori dovranno comunicare trimestralmente all'autorità nazionale competente la quantità di ciascuna tipologia di merce importata e le effettive emissioni implicite, con dettaglio delle emissioni dirette e indirette nonché dell'eventuale prezzo del carbonio pagato all'estero. I metodi per calcolare le emissioni incorporate sono forniti negli allegati della proposta della Commissione.

2. Piena applicazione del CBAM (da gennaio 2026)

Da gennaio 2026 il CBAM sarà pienamente applicabile. Le importazioni di ferro e acciaio, cemento, alluminio, elettricità e fertilizzanti saranno consentite solo se gli importatori avranno richiesto e ottenuto un'autorizzazione dall'autorità nazionale competente.

Per pagare le loro importazioni, gli importatori dovranno acquistare certificati CBAM, con il prezzo del certificato CBAM che riflette il prezzo delle quote di emissione dell'EU ETS.

Entro il 31 maggio di ogni anno gli importatori dovranno presentare all'autorità competente una dichiarazione CBAM che specifichi, in relazione all'anno solare precedente, la quantità totale di ciascuna tipologia di merce importata, le emissioni intrinseche totali nonché il numero di certificati CBAM corrispondenti.

 

Quanto vale il CBAM in soldoni

Quando il Cbam sarà pienamente operativo la Commissione stima che porterà €9 miliardi all’anno nelle casse di Bruxelles

I proventi di questa tassa finanzieranno il piano Next Generation EU, l’architettura di prestiti e grants da cui provengono i soldi dei Piani di ripresa e resilienza dei Paesi europei. È una delle tante misure che la Commissione presenterà oggi, assieme a una riforma del mercato delle emissioni europeo (ETS), standard più stringenti per le emissioni e forse la proposta di una tassa paneuropea sul cherosene.

Ovviamente le decisioni che si stanno assumento sul CBAM non sono gradite a livello internazionale da chi non ha una politica interna di tassazione della CO2. Dal momento in cui l’Ue pensa ad una tassa sul carbonio i numerosi partner commerciali internazionali - Cina, Brasile, Australia, Sudafrica e India - hanno già parlato di misure “discriminatorie” annunciato contromisure.

Anche dagli Stati Uniti arrivano cirtiche, perplessità e ovviamente minaccie. Durante il suo tour europeo a marzo Kerry aveva chiarito che gli Stati Uniti non intendono emulare l’Ue per il momento. E aveva anche chiesto di ritardare il progetto Cbam fino a dopo la conferenza COP26 di novembre, a Glasgow. “[Il Cbam] avrebbe serie implicazioni per le economie, per le relazioni, per il commercio. Penso che sia più un’ultima risorsa”, aveva detto; “lasciamo aperta la possibilità che Glasgow possa essere il momento in cui possiamo convergere su un accordo riguardo a come procederemo, evitando un aggiustamento al confine”.

 

Alcune considerazioni sull'applicazione del CBAM

Cosa significa CBAM per le imprese?

Molte aziende con sede nell'UE monitoreranno le prestazioni in materia di emissioni della loro catena di approvvigionamento al fine di soddisfare gli standard di monitoraggio, verifica e rendicontazione ora previsti dalla maggior parte delle entità aziendali.

Tuttavia, poche aziende sapranno in quale paese sono state generate le emissioni effettive, relative allo sviluppo dei loro beni.

Le aziende dovranno affrontare un significativo trasferimento di costi aggiuntivi dai fornitori esistenti se il CBAM viene implementato, a causa delle emissioni significative che si verificano in aree geografiche senza politiche commisurate a basse emissioni di carbonio e delle emissioni associate al trasporto delle merci verso l'UE.

Le aziende dovrebbero assicurarsi di riuscire a comprendere la composizione geografica delle loro emissioni per intraprendere una revisione della catena di approvvigionamento, ove richiesto, per capire quali politiche attuare per il contenimento dei costi rispetto ai compromessi sul carbonio con l'obiettivo di poter essere ancora copmpetitivi come prezzi sul mercato.

 

Governance della risposta e preparazione al cambiamento climatico (e CBAM)

Molte aziende globali hanno istituito comitati di transizione ai cambiamenti climatici (o simili), a fini di governance, con rappresentanti di spicco di ambiente, società e governance (ESG), catena di approvvigionamento, strategia, affari finanziari aziendali, imposte e imposte indirette.

Queste aziende hanno compreso la necessità di affrontare la questione in modo olistico e molti lo stanno facendo attraverso l'implementazione della Taskforce on Climate-related Financial Disclosures (TCFD).

La scansione dell'orizzonte per i cambiamenti normativi come conseguenza del cambiamento climatico dovrebbe essere considerata una parte centrale dell'analisi degli scenari relativa al soddisfacimento delle raccomandazioni di questo quadro.

 

Ci sarà un aumento dei prezzi al consumatore finale, quale strada prendere ?

Il fatto che le aziende dovranno sostenere più costi sia che producano nel territorio UE (comprando quote CO2 o limitando la propria produzione) che li acquistano al di fuori del territorio porterà a un effetto a catena sui prezzi, con un ovvio aumento dell'inflazione e dei prezzi al dettaglio per il consumatore.

Costruire una casa costerà di più. Costruire una scuola costerà di più. Costruire qualsiasi cosa costerà di più.

E per consentire al consumatore finale, così come ai committenti pubblici, di poter superare questo aumento dei prezzi sarà necessario spingere ulteriormente l'industria locale, in mondo che non la battaglia per il clima non porti a una deindustrializzazione dei paesi virtuosi e a un aumento della disoccupazione.

Non solo. L'aumento dell'inflazione potrebbe portare la Banca Centrale Europea (BCE) a interrompere gli acquisti di titoli di Stato, o persino a non rinnovare quelli in scadenza. Inoltre, una stretta monetaria potrebbe comportare un aumento dei tassi di interesse reali a breve termine e forse, nel breve periodo, anche a lungo termine e il rapporto deficit-Pil aumenterebbe per l’effetto della maggiore spesa per interessi, rendendo più difficile rispettare le regole europee del Patto di Stabilità e Crescita quando saranno reintrodotte.

Non si può quindi pensare di risolvere il tutto semplicemente con nuove tasse alle imprese, pensando che poi questo non generi degli effetti per il cittadino.

Andranno quindi studiati dei meccanismi tali da facilitare la produzione intra UE di questi prodotti.


Fonti: Formiche, CECE, Kpmg, Wikipedia