Per migliorare la sostenibilità del cemento servono condizioni quadro "adeguate e affidabili"

La German Cement Works Association chiede condizioni quadro affidabili per la produzione di cemento climaticamente neutra entro il 2050

 

German Cement Works Association (VDZ) ha fatto pressioni sui governi nazionali e dell'Unione europea per condizioni quadro "adeguate e affidabili" affinché l'industria possa realizzare i suoi obiettivi di sostenibilità.

Il rapporto Environmental Data of the German Cement Industry 2020  e i dati riportati dimostra che i produttori di cemento stanno affrontando le sfide ambientali del nostro tempo e ne informano il pubblico in modo trasparente. Il focus è sui temi della neutralità climatica entro il 2050, del risparmio delle materie prime primarie e del controllo dell'inquinamento atmosferico.

E in tal senso VDZ ha definito l'agenda del settore in tre punti: neutralità climatica entro il 2050, conservazione delle materie prime primarie e controllo dell'inquinamento atmosferico.

VDZ ha affermato che il sostegno del governo per la necessaria riduzione "senza precedenti" delle emissioni di CO2 sarà particolarmente vitale nel settore dell'energia rinnovabile e della creazione di un'infrastruttura di CO2 funzionante.


VDZ (Verein Deutscher Zementwerke) è l'associazione economica, tecnica e scientifica dell'industria del cemento tedesca. Il suo scopo è sostenere e promuovere gli interessi economici congiunti dell'industria del cemento e promuovere la tecnologia e la scienza, compresa la ricerca e lo sviluppo precompetitivi nel campo della produzione e dell'uso di leganti idraulici.


Il presidente di VDZ Christian Knell ha dichiarato: "I processi spesso burocratici e complessi coinvolti nelle procedure di approvazione e nelle richieste di fondi per finanziare gli investimenti necessari sono motivo di preoccupazione".

Fonti:  VDZ, Global Cement