Metodi innovativi per il rinforzo di strutture in calcestruzzo armato

In occasione delle "Conversazioni in calcestruzzo" che si sono tenute al Saie di Bari 2021, il Professore dell'Università del Salento Francesco Micelli, Gianluca Ussia di Fibre Net e Matteo Felitti, Engineering e Concrete Consulting, hanno trattato il tema dei metodi innovativi per il rinforzo di  strutture in cemento armato.


Focus sul rinforzo in FRP

La conversazione si è concentrata sull’utilizzo di materiali alternativi ai “classici” interventi di rinforzo strutturale come ad esempio le incamiciature in c.a

Il rinforzo in FRP, essendo di spessore millimetrico, ha il vantaggio di non modificare le masse e soprattutto le rigidezze degli elementi strutturali. 

L’applicazione nella quale i materiali compositi FRP trovano maggiore efficacia è quella del confinamento trasversale di colonne, o di elementi strutturali in genere. In questi casi, laddove sia possibile operare con un avvolgimento continuo lungo tutta la sezione, i problemi di delaminazione non si manifestano, e lo stato limite ultimo si raggiunge per rottura a trazione delle fibre.

Il confinamento trasversale di un pilastro o una pila da ponte, conferisce, quindi, una maggiore resistenza al taglio, un incremento della resistenza allo schiacciamento, una maggiore duttilità per gli stati limite ultimi di compressione e pressoflessione, non è dunque condizionato dalla problematica del distacco, in quanto l’azione meccanica può esercitarsi anche solo per contatto. 

Tenendo conto dei suddetti benefici, a livello di singolo elemento strutturale, che si possono ottenere attraverso il placcaggio o il confinamento con FRP, le moderne strategie progettuali di miglioramento e adeguamento strutturale contemplano l’uso di questi materiali come risorsa primaria.

In merito ai controlli di accettazione, da parte del Direttore lavori, si è ribadita la necessità di avere piena consapevolezza dei materiali e delle tecnologie in uso: per ogni lotto eseguire un prelievo di provini di FRP per sei prove di trazione, almeno tre prove della misura di temperatura di transizione vetrosa (calorimetria differenziale a scansione), controlli localizzati sull’incollaggio con ultrasuoni e indagini termografiche attive ed eventuale prova di carico ad esempio su un solaio con incollaggio di estensimetri all’intradosso per valutare il tasso di lavoro della fibra.

 


In Calcestruzzo - l'evento dell'anno del settore del calcestruzzo

L'evento "In Calcestruzzo" organizzato da INGENIO e InCONCRETO durante il SAIE di BARI prevedeva 18 conversazioni tecniche, due convegni istituzionali e una scuola per l'esecuzione dei controlli in cantiere. Si tratta della seconda edizione e nasce da un'idea dell'ing. Andrea Dari, sostenuta da SENAF e che avrà un suo seguito a SAIE 2022. L'edizione 2021 è stata realizzata grazie alla collaborazione essenziale dell'In. Matteo Felitti.