Quaranta produttori di cemento e calcestruzzo si impegnano per una Roadmap to Net Zero Carbon

Sono quaranta le aziende internazionali che producono cemento e calcestruzzo che si sono impegnate a rispettare la Roadmap to Net Zero della Global Cement and Concrete Association


roadmap-to-net-zero-gcca-01.jpg

Sul sentiero della sostenibilità

Global Cement and Concrete Association è l'associazione industriale internazionale fondata nel 2018 che rappresentato circa il 35% dell'industria globale del cemento e del calcestruzzo con un obiettivo principale: partecipare alle conversazioni COP internazionali sullo sviluppo sostenibile.

L'Organizzazione ha pubblicato le linee guida "Roadmap to Net Zero" per il cemento sostenibile nel 2018 e ora ben quaranta produttori di cemento e calcestruzzo, che rappresentano l'80% della produzione di calcestruzzo al di fuori della Cina nel 2020, hanno sottoscritto il loro impegno nella Roadmap della strategia di decarbonizzazione del calcestruzzo secondo queste linee guida.

Il piano della roadmap è diviso in sette punti e punta principalmente a questi obiettivi: raggiungere una maggiore efficienza dei cicli produttivi delle cementerie, che dovrebbe portare a una eliminazione del 22% delle emissioni, una maggiore efficienza nella produzione di calcestruzzo (11%), a una transizione verso l'uso di cementi di miscela (9%), a una decarbonizzazione delle materie prime (11%), alla cattura del carbonio e relativo stoccaggio (CCS) (36%), una transizione verso le energie rinnovabili (5%) e la ricarbonatazione naturale del calcestruzzo (6%).

 

 

Gli obiettivi del 2030

Oltre alla piena decarbonizzazione entro il 2050, la strategia prevede una riduzione del 25% delle emissioni di CO2 del settore globale del calcestruzzo e l'eliminazione di 4,9 miliardi di emissioni di CO2 entro il solo 2030.

Il GCCA ha definito il nuovo impegno una "significativa accelerazione" degli sforzi di decarbonizzazione in corso dei produttori di cemento e calcestruzzo e ha affermato che rappresenta "il più grande impegno globale di qualsiasi settore" per la neutralità del carbonio.

Riconoscendo l'onere per i produttori di cemento, il GCCA ha invitato le società a valle e i governi a sostenere la transizione del settore.


L'impegno di ERMCO

"Ermco ha collaborato attivamente con GCCA nella redazione della roadmap,  fornendo informazione sul quadro europeo della produzione di calcestruzzo preconfezionato. Siamo convinti che la lotta ai cambiamenti climatici non sia in problema locale ma debba essere affrontata globalmente, così coma GCCA si propone di fare.

Ogni continente declinerà questo impegno in funzione della situazione locale in fatto di disponibilità di materiali e tradizioni costruttive e di prodotto.  On questo senso ricordiamo anche l'analoga roadmap già pubblicata da Cembureau per l'Europa, ed incentrata sul principio di azione sulle 5 C.

Il settore del calcestruzzo si conferma attivo ed in prima linea per garantire uno sviluppo sostenibile del mondo delle costruzioni"

Marco Borroni, Presidente ERMCO