Dichiarazione Inarcassa online 2020: invio entro il 2 novembre 2021! Chi, come, cosa, quando

Sono soggetti all'invio della dichiarazione tutti gli Ingegneri e gli Architetti contestualmente iscritti agli albi professionali e titolari di partita IVA nell'anno 2020, a prescindere dal codice di attività, anche se non iscritti a Inarcassa.

La dichiarazione si riferisce al reddito professionale e al volume d'affari nell'anno 2020.


Soggetti obbligati all'invio della dichiarazione online e soggetti esonerati

  • Ingegneri e Architetti contestualmente iscritti agli albi professionali e titolari di partita IVA nell'anno 2020, a prescindere dal codice di attività, anche se non iscritti a Inarcassa;
  • Società di Professionisti;
  • Società tra Professionisti;
  • Società di Ingegneria;
  • eredi dei professionisti deceduti nel corso del 2020.

La comunicazione deve essere inviata anche se le dichiarazioni fiscali non sono state presentate o sono negative.

Sono esonerati dall’invio della comunicazione gli ingegneri ed architetti non iscritti a Inarcassa che:

  • per l’anno 2020 siano privi di partita IVA;
  • siano iscritti anche in altri Albi professionali e che, a seguito di espressa previsione legislativa, abbiano esercitato il diritto di opzione per l’iscrizione ad altra Cassa Previdenziale con decorrenza anteriore al 2020.

 

Come si invia la dichiarazione

La dichiarazione del reddito professionale e/o del volume d’affari riferita all’anno 2020 deve essere presentata accedendo all’apposita sezione 'Adempimenti' su Inarcassa On Line avendo a disposizione le credenziali di accesso.

Solo gli eredi dei professionisti deceduti sono esclusi dall’obbligo dell’invio telematico e possono trasmettere il facsimile del modello cartaceo, reso disponibile nella sezione "documenti utili" del sito Inarcassa.

Dichiarazione online 2020: invio entro il 2 novembre 2021! Chi, come, cosa, quando

Quando inviare

La comunicazione dei redditi e dei volumi d’affari deve essere presentata obbligatoriamente mediante invio telematico entro il termine del 2 novembre 2021.

Per gli eredi dei professionisti deceduti il termine per l’invio della comunicazione e per il pagamento degli eventuali contributi è prorogato di dodici mesi dalla data dell’avvenuto decesso.

 

Gestione Recapiti

Prima di compilare la dichiarazione, Inarcassa chiede di inserire e/o verificare i dati di contatto (cellulare, mail, PEC) utilizzati per inviare informazioni, avvisi di cortesia su scadenze, eventi e iniziative.

Il sistema di accesso a Inarcassa On Line verifica l’identità degli utenti attraverso la PEC (la cui comunicazione dal 2021 è obbligatoria pena l'applicazione di sanzioni) che - per garantire i principi di integrità, riservatezza ed esattezza codificati dalla nuova normativa europea sulla privacy nell’utilizzo del servizio – deve essere personale, così come il numero di cellulare e la mail di riferimento indicati non possono essere condivisi con altri utenti.

 

Come e quando pagare il relativo contributo soggettivo e/o integrativo  

  • i professionisti non iscritti ad Inarcassa e le Società di Ingegneria devono procedere al pagamento del contributo integrativo relativo all’anno 2020 entro il 31 agosto 2021, con bollettino M.AV. o F24 da generare accedendo ad Inarcassa On Line, alla sezione “Adempimenti - Dichiarazione on line”, anche se l’invio della dichiarazione obbligatoria può essere fatto successivamente, entro il 2 novembre (si consiglia, qualora possibile, di effettuare, contestualmente  al calcolo del contributo integrativo, anche  la  dichiarazione allo scopo di evitare i rischi legati al rinvio a ridosso della scadenza);
  • i professionisti iscritti ad Inarcassa devono procedere al pagamento del conguaglio contributivo entro il 31 dicembre 2021 con bollettino M.AV o con F24 che, a conclusione della procedura di invio del modello Dich/2020, deve essere generato seguendo le istruzioni.

Dopo aver presentato la Dichiarazione telematica 2020, gli iscritti, anche pensionati, entro il 31 dicembre 2021 possono versare un contributo soggettivo facoltativo in aggiunta a quello obbligatorio (art. 4.2 Regolamento Generale Previdenza) che offre la possibilità di incrementare il montante contributivo e conseguentemente l’ammontare delle prestazioni pensionistiche. Chi lo desidera, può stabilire l'importo del versamento e generare il bollettino MAV dall'apposita voce di menù "Adempimenti" su Inarcassa On line.

 

Fac-simile dei modelli e istruzioni per la compilazione

Le istruzioni sono incluse nei fac-simile dei modelli, resi disponibili a puro scopo esemplificativo, per redigere all’occorrenza una bozza cartacea utile alla successiva compilazione dei dati, che potranno essere trasmessi esclusivamente in via telematica da Inarcassa On line: