Terremoto Marche: registrata una scossa di magnitudo superiore a 4 nella Valle del Metauro

29/10/2021 3460

Trema la terra nella provincia di Pesaro Urbino. Alle ore 12.53 del 29 ottobre 2021 una scossa di magnitudo 4.1 Mw con epicentro a Montefelcino (PU).

Al momento non si registrano danni.


Epicentro a Montefalcino, a seguire due eventi sismici di intensità minore

29 ottobre 2021 - Dai dati del'INGV la scossa di magnitudo 4.1 Mw registrata alle 12.53 nella Provincia di Pesaro Urbino è stata seguita da altri due eventi sismici inferiori, precisamente da una scossa di 2.7 ML alle 12.56 e una successiva di 2.3 ML registrata alle 13.25. Gli epicentro dei tre eventi sismici sono tutti localizzati nella valle del Metauro a poca distanza l'uno dall'altro.

L'epicentro della prima scossa è stato registrato a 3kn N di Montefelcino a una profondità di 38 km mentre le altre due scosse di minor intesità si sono verificate a Serrungarina, frazione del comune di Colli al Metauro, tra i 38-40 km di profondità.

 

Terremoto Marche

 

Tanta paura ma al momento non si registrano danni

Nei comuni prossimi all'epicentro, a cominciare da Pesaro, molti residenti sono scesi in strada e sono scattati i piani di emergenza negli istituti scolastici.

Sul profilo facebook del Comune di Montefelcino un post avverte i cittadini che al momento non si registrano danni: "Si è avvertita una scossa di terremoto di magnitudo tra 4.3 e 4.7 con epicentro nel nostro comune. Non si ravvisano danni fortunatamente. Le scuole sono state correttamente evacuate e non si riportano danni. Gli edifici scolastici verranno verificati in dettaglio nel pomeriggio ma da un primo screening non ci sono danni."

Sul suo profilo Instagram il sindaco di Pesaro, Matteo Ricci, ha scritto "Molta paura ma al momento nessuna notizia di danni o problemi concreti. Stiamo facendo le verifiche e terremo tutti aggiornati".

 

Terremoto comune Montefelicino (PU) scossa 4.1 Mw

 

Traffico ferroviario sospeso per accertamenti

Dopo la scossa sismica, Trenitalia ha fatto sapere che "la circolazione ferroviaria è stata sospesa tra Rimini e Ancona, tra Falconara Marittima e Fabriano e tra Civitanova e Fabriano" per verifiche tecniche precauzionali a seguito della scossa di terremoto.

 

ndr. Articolo in aggiornamento


Alcuni #consigli #utili in caso di #rischio #sismico

Cosa fare #prima

Da solo, fin da subito

  • Allontana mobili pesanti da letti o divani.
  • Fissa alle pareti scaffali, librerie e altri mobili alti; appendi quadri e specchi con ganci chiusi, che impediscano loro di staccarsi dalla parete.
  • Metti gli oggetti pesanti sui ripiani bassi delle scaffalature; su quelli alti, puoi fissare gli oggetti con del nastro biadesivo.
  • In cucina, utilizza un fermo per l’apertura degli sportelli dei mobili dove sono contenuti piatti e bicchieri, in modo che non si aprano durante la scossa.
  • Impara dove sono e come si chiudono i rubinetti di gas, acqua e l’interruttore generale della luce.
  • Individua i punti sicuri dell’abitazione, dove ripararti in caso di terremoto: i vani delle porte, gli angoli delle pareti, sotto il tavolo o il letto.
  • Tieni in casa una cassetta di pronto soccorso, una torcia elettrica, una radio a pile, e assicurati che ognuno sappia dove sono.
  • Informati se esiste e cosa prevede il Piano di protezione civile del tuo Comune.
  • Elimina tutte le situazioni che, in caso di terremoto, possono rappresentare un pericolo per te o i tuoi familiari.

Se arriva il terremoto

#Durante un terremoto

  • Se sei in un luogo chiuso, mettiti sotto una trave, nel vano di una porta o vicino a una parete portante.
  • Stai attento alle cose che cadendo potrebbero colpirti (intonaco, controsoffitti, vetri, mobili, oggetti ecc.).
  • Fai attenzione all’uso delle scale: spesso sono poco resistenti e possono danneggiarsi.
  • Evitare l’ascensore: si può bloccare.
  • Fai attenzione alle altre possibili conseguenze del terremoto: crollo di ponti, frane, perdite di gas ecc.
  • Se sei all’aperto, allontanati da edifici, alberi, lampioni, linee elettriche: potresti essere colpito da vasi, tegole e altri materiali che cadono.

#Dopo un terremoto

  • Assicurati dello stato di salute delle persone attorno a te e, se necessario, presta i primi soccorsi.
  • Esci con prudenza, indossando le scarpe: in strada potresti ferirti con vetri rotti.
  • Se sei in una zona a rischio maremoto, allontanati dalla spiaggia e raggiungi un posto elevato.
  • Raggiungi le aree di attesa previste dal Piano di protezione civile del tuo Comune.
  • Limita, per quanto possibile, l’uso del telefono. 
  • Limita l’uso dell’auto per evitare di intralciare il passaggio dei mezzi di soccorso.