Valutazione del rischio strutturale dei ponti stradali in accordo con le Linee Guida: un caso studio

Pasquale Bencivenga, dottorando di ricerca presso l'Università degli Studi della Campania Luigi Vanvitelli, illustra la memoria presentata in occasione della prima conferenza di Eurostruct - European Association on Quality Control of Bridges and Structures, svoltasi a Padova dal 29 agosto al 1° settembre 2021.


Ponti, le linee guida introducono una procedura sistematica per la valutazione del rischio 

Questo lavoro riguarda la conservazione dei ponti italiani, che talvolta possono soffrire di deficienze strutturali dovute principalmente allo stato di conservazione, così come ai criteri di progetto adottati, ormai obsoleti. Le recenti “Linee guida per la classificazione e gestione del rischio, la valutazione della sicurezza ed il monitoraggio dei ponti esistenti”, introducono una procedura sistematica per la valutazione del rischio dei ponti esistenti.

La procedura in questione implica la valutazione della pericolosità, della vulnerabilità e dell’esposizione basandosi su dati tipologici, che vengono quindi combinate al fine di ottenere una classe di attenzione propedeutica alla definizione di misure future da adottare. In questo contributo viene presentata l’applicazione della suddetta procedura ad un campione di 75 ponti a Caserta (Italia). Nel complesso, i risultati confermano la necessità per gli enti gestori di adottare politiche razionali e lungimiranti per la gestione del patrimonio infrastrutturale.

D’altro canto si segnalano alcuni aspetti critici principalmente riguardo la possibile mancanza di dati nei database esistenti e contestualmente vengono discussi alcuni metodi alternativi e possibili soluzioni.

 

 

A QUESTO LINK LE ALTRE MEMORIE PRESENTATE A EUROSTRUCT