Formazione e informazione a SMART BUILDING EXPO 2021: tra visione, scenari e professioni

12/11/2021 4160

A Fiera Milano dal 22 al 24 novembre, un ricco palinsesto di incontri realizzati con partner altamente qualificati. Trend, panorami tecnologici, normative, approfondimenti tecnici: una proposta variegata che si propone di aggiornare, ma anche di dare strumenti concreti e risposte agli operatori del mercato. 


Parole d'ordine: sostenibilità, digitalizzazione e risparmio energetico

SMART BUILDING EXPO, la manifestazione della home and building automation e dell’integrazione tecnologica organizzata da Fiera Milano e Pentastudio, a Fiera Milano dal 22 al 24 novembre 2021, si prepara a mettere in campo un’offerta formativa senza precedenti.

Banda larga, digitalizzazione, crescente attenzione a sostenibilità e risparmio energetico, swith-off televisivo sono solo alcuni dei grandi cambiamenti che stanno rivoluzionando il mercato e creando nuove opportunità di sviluppo. Questo lo scenario in cui si inserisce una proposta formativa realizzata in stretta collaborazione con grandi realtà del settore, individuando interlocutori di primo piano che saranno protagonisti in fiera di appuntamenti di livello, molti dei quali daranno diritto a crediti formativi per installatori, progettisti, ingegneri e periti.

 

Smart Building report: il Politecnico di Milano presenta i nuovi dati

Realizzato in collaborazione con l’Osservatorio Smart Building del Politecnico di Milano e con l’editore specializzato Nii progetti, il workshop "Smart Building Report: i numeri e le tendenze del mercato" si terrà la mattina del 22 novembre e costituisce l’evento di apertura della manifestazione. Sulla base di una ricerca condotta dal Gruppo Energy Strategy del Politecnico e dell’indagine annuale sul mercato delle costruzioni condotta da Nii progetti, emergerà – per la prima volta con un approfondimento dedicato - una fotografia aggiornata e inedita del mercato degli smart building Italia su cui, in un talk, si confronteranno i principali stakeholder.

 

Milano Smart Building Conference: innovazione al centro

Dopo l’interesse suscitato dalla prima edizione, torna in occasione di SMART BUILDING EXPO la "Milano Smart Building Conference". Una giornata e mezza di lavori, il 23 e il 24 novembre, dedicate a tecnologie e servizi per la resilienza urbana.  

Realizzata da Smart Building Italia, in collaborazione con l’Associazione Smart Buildings Alliance for smart cities e il Cluster Nazionale Smart Communities Tech, la prima sessione, "Building vs City", in programma la mattinata del 23 novembre, affronta il tema del contributo che gli edifici smart possono dare allo sviluppo di città smart, scandagliando aspetti come la connettività a banda ultra larga, la gestione ed elaborazione dei big data, la trasformazione da consumer a prosumer di energia, con un riferimento anche all’infrastruttura della mobilità elettrica e, non da ultimo, il cuore di servizi innovativi, come l’e-health, l’e-learning e lo smart working.

Il giorno dopo, nella seconda sessione "City vs Building" si capovolge invece il punto di vista e si guarda ai servizi tipicamente dedicati all’ambiente urbano e al suo territorio e al loro contributo all’intelligenza di un edificio. Tra i temi affrontati, le piattaforme di partecipazione a livello urbano, la connettività indoor e outdoor, i sistemi predittivi basati sulle city digital twin, i sistemi di monitoraggio e l’organizzazione della mobilità, della logistica e della sicurezza.

 

Conferenza stampa di presentazione di SMART BUILDING EXPO 2021

 

La terza ed ultima sessione di lavoro, "Space vs City", il pomeriggio del 24 novembre si concentra infine sulle applicazioni dallo spazio: le tecnologie dell’osservazione della terra, attraverso sistemi di elaborazione dati sempre più raffinati, consentono, infatti, a gestori e amministratori delle aree urbane di agire con una conoscenza dello stato delle cose inedita, garantendo spesso quell’azione predittiva che fa la differenza. Monitoraggio dell’ambiente, delle infrastrutture, controllo delle acque, georeferenziazione, telecomunicazioni, sono solo alcune delle molte applicazioni che oggi sono disponibili attraverso un utilizzo dei satelliti.

 

Gli scenari

Per guardare all’evoluzione in atto occorrono occhi esperti. A SMART BUILDING EXPO diverse associazioni di categoria offriranno il loro punto di vista grazie a momenti di confronto sulle tematiche più “calde” per il settore, dalla gestione energetica degli edifici allo switch-off televisivo, fino alla sicurezza degli impianti.

Realizzato a cura di ANIE-CSI, l’associazione che, all’interno di Federazione ANIE, rappresenta l’industria dei componenti e sistemi per impianti, il seminario "La building automation nella gestione energetica degli edifici: strumenti e prospettive", in programma il 22 novembre, ha l’obiettivo di evidenziare il contributo dell’automazione d’edificio e dell’inserimento di “intelligenza” nei processi gestionali, risorse fondamentali per migliorare in modo apprezzabile le performance energetiche del patrimonio edilizio, sia di nuova costruzione che esistente.

Il seminario "Quale mercato e quali competenze per i tecnici del settore impianti nel dopo Covid", organizzato da Confartigianato Impianti il 22 novembre, metterà sotto i riflettori un tema scottante: la formazione e le competenze necessarie per approcciare, lato installazione tecnica, il nuovo mercato dell’impiantistica, trasformato radicalmente dalla pandemia. Gli obiettivi appaiono ben definiti dal PNRR e sono digitalizzazione e green economy, ma entrambi esigono un know-how in buona parte nuovo, la cui acquisizione costituisce la vera sfida del settore per il prossimo futuro.

Curato da Anfov, l’Associazione italiana per la convergenza nei servizi di comunicazione, il workshop "Switch off nel mezzo del guado: la nuova dimensione della televisione" (22 novembre) ha l’obiettivo di presentare i primi dati relativi all’andamento del secondo switch off televisivo, avviato a settembre e che si concluderà nel luglio del 2022. Un cambio tecnologico che va di pari passo con la trasformazione in atto nella tipologia d’utilizzo del mezzo televisivo, sempre meno lineare e sempre più on demand, con una ibridizzazione marcata col mondo degli OTT che pone anche problemi di rete e di impianti domestici, ancora poco noti.

 


SCOPRI IL PROGRAMMA COMPLETO DI SMART BUILDING EXPO 2021


 

Il terzo giorno di manifestazione si svolgerà sia in presenza che in diretta streaming l’ultima tappa dello "Smart Building Roadshow 2021", organizzato da ANITEC-Assinform in collaborazione con Pentastudio e promosso da ANCE. I temi del 2021 sono stati quelli della ripresa dopo lo stop dovuto alla pandemia e l’attenzione si è concentrata sulle due parole chiave del PNRR: Digitalizzazione e Sostenibilità Ambientale. A Fiera Milano, dopo un recap delle questioni emerse nelle sei tappe precedenti, si terrà una prestigiosa tavola rotonda sui dati e  temi emersi, con partecipazioni di altissimo livello.

Sempre il 24 novembre Prosiel, l’associazione italiana che ha come unico scopo la promozione della sicurezza nel campo elettrico, propone il workshop "Il tema della sicurezza degli impianti". Se, per un verso, stiamo assistendo ad un cambio epocale nelle dotazioni e nei servizi legati alla casa, grazie alla digitalizzazione, purtroppo spesso si dimentica che tale rivoluzione si innesta sui vecchi impianti elettrici, di cui nulla viene previsto dalle norme in materia di manutenzioni obbligatorie e che nell’indifferenza generale fanno ancora numerosi morti ogni anno.

 

Gli aspetti tecnici: normative e informazioni da non mancare

Una visione completa di alcuni tra gli aspetti tecnici che maggiormente interessano i professionisti della progettazione e dell’installazione di impianti sarà offerta da associazioni, aziende e istituti accademici di prestigio.

Il 22 novembre, realizzato da Smart Building Italia in collaborazione con la cattedra di Management of Built Environment del Politecnico di Milano e l’Associazione Energy Manager, il seminario "Misurare l’efficienza degli edifici: Lo Smart Readiness Indicator e la norma Uni EN 15232" mira a presentare le caratteristiche dell’indice europeo per misurare l’intelligenza di un edificio, incrociandolo con i contenuti della norma UNI che classifica l’impatto dell’automazione sulle prestazioni energetiche degli edifici, con una particolare attenzione all’impatto che tali indicatori hanno sul mercato immobiliare.

Nella stessa giornata si terrà anche il workshop "La progettazione delle sale multimediali per lo studio e il lavoro", curato dalla rivista Connessioni e realizzato in collaborazione con le associazioni Avixa e SIEC. L’appuntamento rientra nel quadro delle attività dell’area AV playground, che raccoglierà in Fiera Milano il mondo dell’Audio Video professionale. Il tema, reso di grandissima attualità dalla pandemia, è quello della realizzazione di spazi multimediali funzionali al “new normal” del lavoro e dello studio. Interventi fondamentali per capitalizzare un’esperienza drammatica che ha tuttavia aperto un universo di opportunità, che numerose realtà nel campo della formazione stanno cogliendo.

 

I padiglioni di SMART BUILDING EXPO

 

Il 23 novembre il workshop "I sistemi BACS: la nuova frontiera dell’intelligenza d’edificio" curato da  AIBACS, neonata associazione che riunisce aziende del settore e system integrator, mira a far conoscere le caratteristiche e le potenzialità dei sistemi BACS (building automation control systems), ovvero delle piattaforme di gestione e controllo delle principali funzionalità di un moderno edificio, come sintesi di sistemi un tempo tra loro nettamente distinti ed oggi integrati, grazie a raffinate soluzioni in grado di far dialogare tra loro protocolli diversi.

Ancora il 23 si terrà il seminario "L’interoperabilità secondo KNX", a cura della stessa KNX Italia: oggi più che mai il concetto di interoperabilità è diventato centrale nello sviluppo di sistemi complessi di automazione d’edificio e KNX presenta la sua filosofia e il valore aggiunto di prodotti marchiati KNX, selezionabili tra gli oltre 8.000 presenti sul mercato.

 

Le professioni: Certificazione e nuove competenze

Certificazione dei professionisti e potenziamento delle competenze rappresentano obiettivi comuni a tutti gli operatori del mondo dello smart building. In manifestazione non mancheranno incontri per valorizzare i diversi profili e dare risposta alle esigenze di comparti in forte evoluzione.

"Meeting Smart Installer: verso la certificazione", l’evento che Smart Building Italia dedica esplicitamente agli installatori iscritti nell’albo degli “smart installer”, mira a valorizzare la professionalità, la preparazione e l’aggiornamento dei tecnici del settore. Oggetto del meeting, in programma il 23 novembre, sarà la presentazione del catalogo formativo Smart Building Italia messo a punto per il 2022 e l’obiettivo della certificazione delle competenze, sempre più elemento discriminante nella scelta del mercato, realizzata grazie alla collaborazione con APAVE Italia, uno dei maggiori istituti di certificazione e formazione d’Europa.

ANACI, la principale associazione di categoria del mondo degli amministratori di condominio, in collaborazione con Smart Building Alliance, il 23 novembre affronta il tema della gestione degli edifici smart, resa molto più complicata dal fatto che, già oggi, i condomini assomigliano più a macchine complesse che a semplici architetture. Con il workshop "Amministrare edifici intelligenti: una nuova sfida professionale" l’associazione mette in evidenza il ruolo dell’amministratore e il suo cambiamento nello scenario attuale, in cui è chiamato a diventare progressivamente un facility manager, circondato da tecnici specializzati nelle diverse tipologie di impianti, ma che deve anche svolgere una funzione di monitoraggio del corretto funzionamento di un edificio, specie in merito ai suoi consumi.

 


ACQUISTA IL TUO BIGLIETTO PER LA MANIFESTAZIONE


 

Un'offerta trasversale

SMART BUILDING EXPO, dal 22 al 24 novembre 2021 a Fiera Milano, non solo conferma la contemporaneità con SICUREZZA, la biennale internazionale di security&fire, ma, per la prima volta, si svolgerà negli stessi giorni di MADE expo (che aprirà il 22 novembre, ma si svolgerà sui tradizionali quattro giorni, fino al 25 novembre). Nell’ambito della stessa visita e con lo stesso biglietto gli operatori potranno trovare un’offerta espositiva e formativa ancora più completa, che andrà dai materiali, serramenti e involucri fino all’impiantistica, alla building automation, agli automatismi e ai sistemi domotici e di sicurezza.