Testo Unico Edilizia, parte l'iter per la riforma! Nuova commissione con 22 esperti per riformare l'urbanistica

Il Ministro delle Infrastrutture ha firmato il decreto che contiene l'elenco di tutti i componenti della commissione per riformare il DM 1444/68 e il DPR 380/2001, e che sarà presieduta dal Consigliere di Stato Raffaele Greco.


L'iter sarà piuttosto lungo, ma intanto è iniziato.

Con DM 441/2020 dell'11 novembre firmato da Enrico Giovannini, il MIMS istituisce infatti la Commissione per la riforma normativa nazionale in materia di pianificazione del territorio, starndard urbanistici e in materia edilizia.

Si andrà sicuramente a 'ritoccare', quindi, il DPR 380/2001, conosciuto come "Testo Unico dell'Edilizia", ma non solo.

 

La Commissione

Ecco tutti i componenti della commissione:

  • Pres. Raffaele Greco (Consiglio di Stato, esperto presso la Struttura tecnica di missione del Ministero), con funzioni di Presidente;
  • Cons. Massimiliano Atelli (Corte dei Conti)
  • Prof. Bruno Barel (Università di Padova)
  • Prof. Stefano Boeri (Politecnico di Milano)
  • Prof. Beniamino Caravita di Toritto (Università La Sapienza Roma)
  • Arch. Oscar Girotto (Libero professionista)
  • Prof. Francesco Karrer (Libero professionista, già Università degli Studi di Roma)
  • Prof.ssa Francesca Moraci (Università Mediterranea Reggio Calabria)
  • Prof.ssa Laura Ricci (Università La Sapienza Roma)
  • Arch. Elvio Rostagno (Libero professionista)
  • Pres. Diego Sabatino (Consiglio di Stato)
  • Prof. Stefano Stanghellini (Università di Venezia)
  • Prof. Paolo Urbani (Università Roma 3 e LUISS)
  • Prof.ssa Elisa Valeriani (Università di Modena e Reggio Emilia)
  • Prof. Ruggiero Dipace (Università degli Studi del Molise)
  • Prof. Fabio Giglioni (Università “La Sapienza” di Roma)
  • Arch. Vincenzo Russo (Reg. Campania – Conf. delle Regioni e delle Province autonome)
  • Arch. Silvia Risso (Reg. Liguria – Conf. delle Regioni e delle Province autonome)
  • Dott. Simone Busoni (UPI – Unione Province d’Italia)
  • Dott. Fabio Poggioli (UPI – Unione Province d’Italia)
  • Prof.ssa Carla Tedesco (ANCI – Associazione Nazionale dei Comuni Italiani)
  • Dott.ssa Stefania Dota (ANCI – Associazione Nazionale dei Comuni Italiani).

Testo Unico Edilizia, parte l'iter per la riforma! La lista degli esperti scelti dal Ministro Giovannini

I lavori e gli obiettivi

L'articolo 2 del provvedimento specifica che la Commissione ha il compito di provvedere alla elaborazione di uno o più schemi di provvedimento finalizzati alla riforma organica dei principi della legislazione statale in materia di pianificazione del territorio e standard urbanistici, nonché al riordino e alla modifica delle disposizioni contenute nel Testo unico dell’edilizia, con riguardo - tra l'altro - a:

  • individuazione degli obiettivi e dei limiti costituzionali alla legislazione statale in materia urbanistica ed edilizia, con particolare attenzione sia alle interferenze con altre materie, sia all’autonomia garantita alle Regioni ed ai Comuni;
  • individuazione degli obiettivi e dei limiti per la legislazione nazionale derivanti dai valori e dagli obblighi assunti dall’Italia a livello internazionale e nell’Unione europea;
  • declinazione a livello urbanistico degli obiettivi specifici dell’Agenda ONU 2030 per lo sviluppo sostenibile, del programma unionale Next Generation EU, del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza e degli obiettivi di contenimento del consumo di suolo e di promozione della rigenerazione urbana propri delle più recenti iniziative legislative parlamentari;
  • ricostruzione delle linee evolutive della legislazione statale in materia urbanistica, dalla legge urbanistica fondamentale del 1942 ad oggi, dando evidenza ai profili di perdurante attualità e a quelli di inadeguatezza agli attuali obiettivi del Paese;
  • rivisitazione della nozione di urbanistica, anche in relazione all’evoluzione delle nozioni di edilizia, paesaggio, beni culturali e ambiente, in modo da assicurare coerenza, chiarezza, efficienza e semplificazione dei procedimenti di programmazione e controllo;
  • precisazione e definizione dei concetti fondamentali del diritto urbanistico così da garantire uniformità a livello nazionale e semplificare conoscenza e rispetto delle regole da parte dei cittadini e degli operatori economici;
  • individuazione dei principali profili di criticità dell’attuale disciplina delle costruzioni, in un’ottica di semplificazione delle procedure autorizzatorie, di limitazione del consumo di suolo e di armonizzazione con le altre normative di settore, e la elaborazione delle consequenziali proposte di modifica delle disposizioni del dpr 380/2001;
  • fissazione di principi e metodologie per garantire la digitalizzazione continuativa, la custodia e la consultazione pubblica dei dati relativi all’assetto territoriale e alla regolazione.

All’esito dei lavori, la Commissione presenta al MIMS, entro il termine di sei mesi a decorrere dalla data del presente decreto (quindi entro l'11 maggio 2022), una relazione sull’attività svolta nonché uno o più schemi di provvedimento recanti disposizioni di riforma della legge 1150/1942 e s.m.i. e della normativa attuativa, del dpr 380/2001 nonché di ogni ulteriore disposizione la cui modifica dovesse rendersi necessaria o opportuna in conseguenza delle opzioni adottate ai sensi del comma precedente.


IL DM 441/2021 DEL MIMS E' SCARICABILE IN FORMATO PDF PREVIA REGISTRAZIONE AL PORTALE