Paiania House, Grecia

Lo studio GEM-Architects ha ideato una residenza privata nella periferia di Atene, che richiama il carattere produttivo dell'area. L’abitazione è disposta su due piani e si presenta come accostamento di diversi parallelepipedi con rivestimento metallico, quasi a ricordare un edificio industriale, all'interno del quale, invece, batte un cuore attento all'ambiente. Dal punto di vista distributivo, al piano terra trovano posto la cucina insieme alla zona giorno, dove fanno bella mostra di sé le strutture metalliche lasciate “a vista”.
Al primo piano sono situate la zona notte e la terrazza con vista sul massiccio montuoso dell'Imetto; completano l’edificio un pergolato e una tettoia a protezione dell'ingresso.

Paiania House
Attica, Grecia – 2012

Committente
Privato
Progetto architettonico
GEM Architects (D. Gounaropoulou, V. Emmanouilidou, P. Bazos)
Progetto strutturale
Dimitri Bakalis
Progetto impianti
TEAS SA.
Costruttore metallico e impresa
EVEL SA

La struttura portante dell'edificio è costituita da un telaio in acciaio, su cui è successivamente impostato un sistema di tamponature a secco. Gli elementi portanti verticali sono formati da dieci pilastri in profili cavi quadrati in acciaio 300x12,5 e 250x12,5 mm, collegati a ogni piano con travi principali in acciaio HEA 260.
Le travi secondarie, che definiscono primo piano e terrazza, sono formate da profili IPE 180 e IPE 220.
Per soddisfare le esigenze architettoniche, non si è fatto uso di controventi per contrastare i carichi orizzontali, ma travi e pilastri sono stati collegati tra loro attraverso un sistema a nodi rigidi denotando così una particolarità delle strutture portanti.
Grazie all'uso di un telaio in acciaio, che garantisce leggerezza alla costruzione, le fondazioni sono risultate di massa inferiore rispetto a quelle necessarie per un sistema costruttivo tradizionale. Il sistema costruttivo in acciaio, inoltre, ha consentito il montaggio dell'intera struttura portante in una sola settimana. Lo stesso assemblaggio di travi e pilastri ha richiesto appena due giorni, grazie all'uso di saldature effettuate in officina, mentre le restanti connessioni sono state realizzate in cantiere mediante bullonatura.
L'involucro dell'edificio è del tipo stratificato a secco, con tamponature esterne in pannelli sandwich in acciaio, mentre gli ambienti interni presentano un doppio rivestimento in cartongesso, con l'aggiunta di ulteriore coibentazione termoacustica. Il solaio tra il piano terra ed il primo piano è costituito da lamiere grecate in acciaio zincato con coibente termico e getto di completamento in calcestruzzo.
L'attenzione verso l'ambiente è emersa grazie all'adozione di molteplici accorgimenti quali l’utilizzo di collettori solari termici in copertura, l’integrazione della pompa di calore con un sistema geotermico e l’installazione di pannelli fotovoltaici in copertura.
Il controllo della temperatura interna è infine favorito da una serie di aperture opportunamente distribuite in varie zone dell'edificio: alcune, più piccole, nelle pareti esposte a nord; altre, più grandi, a sud. Queste ultime garantiscono anche l'ingresso del calore nei mesi invernali ed un’ultima apertura centrale ubicata in copertura consente infine all'edificio di “respirare” quando le temperature esterne sono più elevate.

    

   

 

 

Leggi anche

Il Magazine

Sfoglia l'ultimo numero della rivista Ingenio

Newsletter Ingeio

Seguici su