Ministro Giovannini, le città al centro dello sviluppo sostenibile

17/12/2021 4014

Il Ministro del Mims Giovannini ha ribadito come la transizione verso il 'green' sia ormai "irreversibile" e per questo, ad esempio, non saranno più acquistati autobus a diesel.


Necessario un periodo di 'accompagnamento' verso la transizione ecologica

Il Ministro per le Infrastrutture e le mobilità sostenibili Enrico Giovannini ha ricordato come “le città sono al centro dello sviluppo sostenibile”. In audizione alla Commissione Ambiente, dove si è parlato delle azioni necessarie per centrare gli obiettivi di sviluppo delle aree urbane, il Ministro ha inoltre dichiarato che “c’è una consapevolezza rinnovata, e cioè che le città sono al centro non solo della lotta al Covid ma soprattutto di uno sviluppo sostenibile. Da questo punto di vista la pandemia ha contribuito ad attivare una discussione sulla centralità della città come luogo non solo di vita ma anche come motore del cambiamento, motore di sviluppo, uno sviluppo più sostenibile. Il Pnrr dedica risorse consistenti per i sistemi urbani e per le politiche urbane”.

 

Il Ministro MIMS Enrico Giovannini

 

In più, intervenendo in videoconferenza agli Stati generali della mobilità sostenibile in Emilia Romagna, Giovannini ha fatto sapere che “ci sono 50 mila autobus da sostituire, abbiamo bisogno di convogli per le metropolitane e c’è da costruire auto elettriche, che richiedono un cambiamento tecnologico, ma anche prender coscienza che la transizione verso il ‘green’ è irreversibile”. Giovannini informa che, come richiesto dalle filiere dell’automobile, è necessario un ‘accompagnamento’ a questa trasformazione, lo stesso che è già stato previsto dallo Stato per i produttori di autobus. A proposito di autobus, Giovannini ha fatto sapere che “non saranno più finanziati gli acquisti di veicoli a diesel.”


A margine dell'inaugurazione della nuova sede dell’Agenzia nazionale per la sicurezza delle ferrovie e delle infrastrutture stradali e autostradali (ANSFISA) a Roma, il ministro Giovannini ha ribadito l'intenzione del Governo di mettere al centro delle politiche lo sviluppo sostenibile delle città.

«Con il Piano nazionale di ripresa e resilienza abbiamo investito moltissimo in questa direzione - ha dichiarato - ma nuovi fondi saranno disponibili con la Legge di Bilancio».

 

 


Il Ministro ha anche ribadito che si sta predisponendo una proposta, che sarà discussa sia con le Regioni sia con il Parlamento, per riuscire a capire come l’aumento del fondo per il tpl possa essere l'inizio di una trasformazione, attraverso opportuni incentivi, verso il salto di qualità del nostro trasporto pubblico locale per adeguarlo agli standard di servizi europei, ma soprattutto per accogliere un livello crescente nettamente superiore a quello prepandemia nelle scelte di mobilità locale.”