ANSFISA: per il 2022 previste 64 commissioni ispettive e controlli su 400 opere tra strade, autostrade e gallerie

17/12/2021 3892

Ansfisa: inaugurata la prima sede operativa a Roma

Agenzia in campo nelle ispezioni su strade, autostrade e ferrovie

Roma, 17 dicembre 2021 – E’ stata inaugurata oggi, alla presenza del ministro delle Infrastrutture e della mobilità sostenibili, Enrico Giovannini, la nuova sede operativa dell’Agenzia nazionale per la sicurezza delle ferrovie e delle infrastrutture stradali e autostradali in piazzale dell’Industria, 20 a Roma Eur.

L’edificio, composto da 9 piani e dotato di certificazione di sostenibilità ambientale (Breeam in use), ospiterà il personale recentemente assunto e la sala operativa che metterà l’Ansfisa in collegamento con altre realtà preposte alla gestione delle infrastrutture.

Si tratta di un passo importante per un’Agenzia che sta crescendo velocemente – ha dichiarato il Direttore, Domenico De Bartolomeo – Stiamo lavorando per organizzare anche le altre sedi sul territorio, a partire da quella prevista a Genova che avrà una particolare vocazione per il settore delle infrastrutture stradali. Intanto, abbiamo compiuto diversi passi per avviare le attività ispettive: da luglio i nostri tecnici sono scesi in campo per controllare strade e autostrade. Sul fronte delle ferrovie abbiamo potenziamo la nostra supervisione, allargando lo sguardo alle realtà locali. Ci stiamo preparando ad accogliere sotto la nostra competenza dal 1° gennaio 2022 le metropolitane, le funivie, gli impianti fissi e la commissione permanente per le gallerie”.

A regime l’Agenzia disporrà di 3 sedi centrali (Roma, Firenze e Genova), 4 aree operative territoriali (nord est, nord ovest, centro e sud) con 14 uffici locali, mentre il personale passerà da circa 200 a 669 addetti. E’ in fase di pubblicazione infatti un concorso per l’assunzione di circa 300 persone tra ingegneri, tecnici e amministrativi, mentre dal 1° gennaio 2022 l’Ansfisa acquisirà le competenze sugli impianti a fune, metropolitane, tranvie, scale mobili, ascensori e tapis roulant pubblici, incorporando il personale attualmente in servizio presso gli uffici del ministero delle Infrastrutture e della mobilità sostenibili preposti finora alla sicurezza dei trasporti a impianti fissi.

 

Infrastrutture, Giovannini: Ansfisa, un'istituzione al servizio del Paese per aumentare la sicurezza dei cittadini

 

L’Agenzia, che ha il compito di promuovere la sicurezza e vigilare sulle infrastrutture di trasporto terrestre, ha avviato, tramite la nuova Direzione per la sicurezza delle infrastrutture stradali e autostradali, dallo scorso luglio l’attività ispettiva sulle strade e autostrade italiane.

In 4 mesi sono scese in campo 22 commissioni ispettive, con 30 tecnici che hanno condotto 5 audit su altrettanti gestori e controllato 13 tratte stradali e autostradali con circa 150 opere d’arte ispezionate (ponti, cavalcavia, gallerie), a cui si aggiungono 9 ispezioni di gallerie appartenenti alla rete TEN (ai sensi del Dlgs 264/2006) e 5 verifiche su ponti mobili e tratte segnalate per criticità. Sono stati eseguiti inoltre tre sopralluoghi nelle metropolitane delle principali città italiane. Anche la direzione per la sicurezza delle ferrovie ha intensificato l’attività di supervisione: nel 2021 sono state ispezionate 43 imprese ferroviarie, 12 gestori dell’infrastruttura, 2 gestori di reti isolate per un totale di 1.200 elementi verificati (veicoli e operatività del personale) a cui si aggiungono 21 audit sul gestore dell’infrastruttura nazionale e 23 procedimenti di segnalazione di irregolarità attivati a seguito di ispezione. Inoltre, sono stati emessi 11 certificati e 2 autorizzazioni di sicurezza, 48 autorizzazioni di tipi di veicoli su reti interconnesse, 2 sulle reti isolate, 162 autorizzazioni per l’immissione sul mercato di 697 veicoli ferroviari e 65 autorizzazioni per la messa in servizio di sottosistemi e applicazioni generiche di bordo e di terra.

 

Tecnologia e innovazione per una nuova idea di sicurezza: l'intervista al direttore De Bartolomeo

 

Nel 2022 sarà ampliata l’attività ispettiva di Ansfisa

È stato elaborato il programma della attività di vigilanza che verrà presentato al Ministro delle Infrastrutture e della mobilità sostenibili entro il 31 dicembre.

Il prossimo anno le attività delle commissioni ispettive sulle strade e autostrade saranno 64, mentre le opere d’arte ispezionate, tra ponti, viadotti e gallerie, saranno circa 400. A questo si aggiungeranno 8 audit su altrettanti gestori stradali e autostradali. Nel settore ferroviario saranno tra l’altro individuate le disposizioni per l’esercizio sicuro delle ferrovie turistiche, avviate le autorizzazioni dei veicoli nuovi o modificati, dell’infrastruttura e degli impianti connessi anche all’attuazione del Pnrr, nonché effettuate attività di controllo sui processi di manutenzione, sui gestori e sulle imprese che trasportano merci pericolose e sulle reti regionali isolate.