Come sopraelevare un edificio esistente senza gravare le fondazioni?

Grazie al sistema NPS® AIR di Tecnostrutture è stato possibile realizzare un intervento di sopraelevazione di oltre 300 mq con una struttura completamente esterna all’edificio esistente, dotata di proprie fondazioni, non gravando quindi sulle quelle esistenti.

Vediamo i dettagli dell’opera.


Il caso delle Fonderie Arizzi di Bergamo

La case history riporta un importante intervento di soprelevazione e adeguamento di un livello presso un edificio esistente, costituito da due piani, posto all’interno delle Fonderie Arizzi in Val Seriana, provincia di Bergamo. 

La necessità di effettuare un’estensione dello spazio in verticale trasformando il solaio dell’ultimo piano, che precedentemente svolgeva la sola funzione di copertura, ha determinato le particolarità dell’opera eseguita: un edificio costruito molti anni prima ed utilizzato come sede amministrativa dell’azienda.

Il lavoro, effettuato nel settembre 2017 da Tecnostrutture, ha visto la realizzazione di 300 mq di soprelevazione, eseguiti in un solo giorno, luci di diciassette metri senza uso di puntellazione e pilastri bi-piano alti dieci metri, esterni all’edificio esistente, elemento distintivo per non gravare le fondazioni.

Sopraelevare un edificio esistente senza gravare le fondazioni

 

Le problematiche

La primaria tematica da affrontare durante l’intervento di soprelevazione presso le Fonderie Arizzi è stata quella di garantire la continua e quotidiana operatività degli uffici, anche durante la fase dei lavori. Essenziale a tal proposito assicurare non solo la piena accessibilità e sicurezza al cantiere e agli operai, ma anche agli stessi dipendenti dell’azienda presenti nella sede amministrativa.

Fondamentale anche il tema della sismoresistenza. Bisogna infatti considerare che sopraelevare la struttura nel modo classico avrebbe costituito un aumento della massa sismica, comportando inevitabilmente dei lavori invasivi di adeguamento sismico al telaio dell’edificio esistente.

Sopraelevare un edificio esistente senza gravare le fondazioni grazie a NPS AIR

 

La soluzione adottata: NPS® AIR

Il sistema NPS® AIR, firmato Tecnostrutture, costituito da travi NPS® BASIC, pilastri PDTI NPS® e Airfloor™ è stato scelto come soluzione per non gravare sulle fondazioni. Nello specifico sono stati impiegati:

  • Dieci pilastro PDTI® NPS®  con superficie in acciaio, realizzati in un unico tronco e calati dall’alto, facendoli passare attraverso un foro praticato nei balconi. In questo modo i pilastri non gravano sulla struttura esistente, fondendosi lateralmente ad essa. 

  • Diciassette trave NPS® BASIC, anch’esse con superficie in acciaio, di cui cinque costituiscono l’orditura principale, con una luce massima di 16.35 metri.

  • Airfloor™ il più leggero solaio misto presente sul mercato, autoportante fino a cinque metri, con un peso proprio che è circa la metà di un analogo solaio autoportante. Trattandosi di una struttura a pendolo inverso, con la massa concentrata in testa, ridurre il peso del prefabbricato ha comportato una significativa diminuzione delle sollecitazioni su tutti gli elementi strutturali.

Tutti i prodotti utilizzati sono stati trattati con un ciclo protettivo antiruggine. Successivamente, gli elementi verticali ed orizzontali sono stati placcati entro le pareti e i controsoffitti.

La leggerezza, le sezioni ridotte e gli spessori contenuti, nonché l’adattabilità alle geometrie di pianta e un intradosso estremamente liscio hanno fatto di NPS® AIR la soluzione ottimale per questa sopraelevazione, rispondendo alle richieste del committente Arizzi Fonderie San Giorgio S.p.A.: limitare i carichi sulle fondazioni, ridurre le fasi di cantiere e incrementare la velocità di posa. 


PER APPROFONDIRE LEGGI ANCHE

NPS® Air: la soluzione strutturale per zone sismiche


NPS® Air: la soluzione strutturale per zone sismiche

 


Scopri tutti i vantaggi della soluzione NPS® Air


 

tecnostrutture-fonderie-arizzi-bergamo-3.jpg

 


Scarica il Case History in allegato 


TECNOSTRUTTURE.jpg

Chi è TECNOSTRUTTURE

Tecnostrutture s.r.l. nasce nel 1983. Siamo specializzati nel settore dei prefabbricati a struttura mista acciaio-calcestruzzo, iniziando a produrre travi metalliche reticolari e sviluppando nostre tecnologie, processi di calcolo e produzione. A partire dal 2000 raccogliamo la sfida di consolidare e rafforzare il posizionamento dei prodotti del Sistema REP®. Nel 2013 lanciamo il nostro sistema costruttivo NPS® New Performance System composto da trave, pilastro e solaio. 

La nostra mission è garantire tempi e costi certi, attraverso un sistema costruttivo più sicuro, efficiente e sostenibile di quelli tradizionali.

La nostra vision è riuscire ad industrializzare il mondo delle costruzioni. Così com’è accaduto per il settore dell’automotive, applicando l’innovazione al mondo delle costruzioni.

Ogni giorno ci impegniamo a semplificare il lavoro in cantiere, garantendo tempi e costi certi, maggiore sicurezza ed avanguardia tecnologica. Questi sono gli elementi che ci hanno consentito di essere protagonisti nella realizzazione di grandi opere infrastrutturali, di terziario e residenziali.