Il FRACKING e lo smaltimento delle ACQUE REFLUE può generare TERREMOTI ?

04/05/2014 2949

La redazione di INGENIO ha trovato un interessante articolo sulle Daily News del National Geographic scritto da Patrick J. Kiger e dedicato al tema del rischio sismico collegato alle operazioni di Fracking.

L'articolo ha titolo "Scientists Warn of Quake Risk From Fracking Operations" un tema quanto mai attuale, anche in Italia, sopratutto dopo la pubblicazione del rapporto ICHESE sul terremoto in Emilia.

L'articolo evidenzia che vi siano delle prove che i tremori indotti dallo smaltimento delle acque reflue del fracking siano più grandi e più difficili da prevedere di quanto si pensasse: queste valutazioni nascono attraverso l'osservazione dell'attività e delle conseguenze di una piattaforma petrolifera di fratturazione in Garfield County, Colorado. Peggio ancora, gli scienziati non sarebbero ancora in grado di prevedere quali siti di iniezione acque reflue sono suscettibili di creare rischi per gli edifici o strutture critiche come le centrali elettriche , e non sanno ancora cosa gli operatori possono fare per ridurre il pericolo. E la nuova ricerca indica che i pozzi di smaltimento sono in grado di indurre onde sismiche a miglia di distanza da loro: "sismicità indotta", come lo chiamano i ricercatori .

"Non sappiamo come valutare la probabilità che un esercizio (fracking o acque reflue) possa essere una sorgente sismica in anticipo", ha detto Gail Atkinson, un professore di scienze della terra presso la University of Western Ontario. Atkinson è autore di un nuovo studio che ha provato che la sismicità indotta può costituire " un rischio significativo e non ancora quantificato " per l'integrità delle infrastrutture critiche, come ad esempio le grandi dighe.

Il processo di fracking, in cui l'acqua, sostanze chimiche e sabbia sono usati per rompere e attraversare la roccia per raggiungere i giacimenti di petrolio e gas, si traduce in grandi quantità di acque reflue ad alto contenuto di sale e una varietà di contaminanti. Alcune delle acque reflue viene trattato per il riutilizzo, mentre il resto viene iniettato in pozzi profondi di smaltimento che perforano per migliaia di metri il terreno. L'EPA stima che ci siano 144.000pozzi che ricevono più di 2 miliardi di galloni ( 7,6 miliardi di litri) di liquidi al giorno. I pozzi di smaltimento sono generalmente più profondi dei pozzi fracking che estraggono petrolio e gas.
Nella maggior parte dei casi , i pozzi di iniezione di acque reflue non sembrano essere la causa di qualsiasi attività sismica, secondo un articolo. McGarr, un geofisico del US Geological Survey ( USGS ), a Menlo Park, California. Ma un piccolo numero di pozzi sono stati collegati a terremoti. In un documento pubblicato alla conferenza , McGarr e USGS colleganono quanto scoperto da Justin Rubinstein che un relativamente alto volume di acque reflue e ad un alto tasso di iniezione aumenta la probabilità di accadimento di un terremoto abbastanza potente tale da essere sentito dagli esseri umani . Ma l'esatta relazione tra la quantità di acque reflue e l'intensità terremoto rimane ancora inafferrabile secondo McGarr.

Gli scienziati credevano una volta che tali terremoti indotti sarebbero abbastanza piccoli, ma il pensiero ha cominciato a cambiare dopo un terremoto di magnitudo 5,3 che ha colpito Colorado nell'agosto 2011 e un terremoto di magnitudo 5,7 che ha scosso Oklahoma tre mesi dopo. Un articolo pubblicato sulla rivista scientifica Geology nel 2013 ha rilevato che la punta di un piano di rottura iniziale del terremoto dell'Oklahoma è a meno di 200 metri ( 656 piedi) di distanza dai pozzi di iniezione e ha concluso che anni di iniezione di fluidi in esse avevano alterato la pressione.

L'autore di quel documento, il geofisico Cornell University Katie Keränen, ha rilasciato un nuovo documento alla conferenza, in cui si evidenzia che l'inserimento di elevate quantità di acque reflue in quattro pozzi di iniezione in Oklahoma avevano innescato uno sciame di piccoli terremoti a circa 9,3 miglia (15 chilometri) di distanza. 

Per Atkinson i terremoti anche di moderata magnitudo indotti da pozzi di iniezione possono causare seri problemi, perché potrebbero verificarsi relativamente vicino alla superficie e potrebbe comportare più intenso movimento terra. "Se si guarda a un tipico terremoto in California, si tratta di eventi a otto chilometri" ha detto. "Se si induce un terremoto a due chilometri sotto la superficie, il movimento del suolo sarà molto più forte."


Altri LINK collegati all'articolo:
 

TAG: rischio sismicoFracking, Terremoto in Emilia, terremoto in superficie, iniezione acqua in pozzi