Gli amministratori di condominio alle famiglie: non gettate gli avanzi di cibo

03/02/2022 1841

L’appello in prossimità del 5 febbraio, Giornata contro lo spreco alimentare, arriva da Francesco Burrelli, Presidente di Anaci, l’associazione Nazionale Amministratori Condominiali e Immobiliari, che invita a fare un uso adeguato del cibo in avanzo nelle case degli italiani:” Lanciamo una campagna di sensibilizzazione per un utilizzo del cibo più sostenibile” 


Spreco alimentare: in Europa il 53% avviene nelle mura domestiche

Evitare di gettare nella spazzatura il cibo che avanza nelle tavole degli italiani: l’invito arriva anche da ANACI, l’Associazione Nazionale Amministratori Condominiali e Immobiliari che sta pensando ad una campagna di sensibilizzazione finalizzata al consumo sostenibile dei cibi. L’appello arriva in concomitanza alla “Giornata contro lo spreco alimentare” che cade sabato 5 febbraio ed è una iniziativa che rientra pienamente nelle corde dell’associazione, la quale sta, da molti anni, conducendo un’intensa attività integrata a quella più specifica dell’amministrazione degli edifici, lasciando spazio al sociale ed ad azioni che nel sociale sono perfettamente immerse.

Quale pulpito migliore quindi degli amministratori condominiali che sono costantemente a contatto con le case, il luogo per eccellenza dove il cibo stesso viene consumato dalle famiglie? Il posto dove il pasto è tradizione, abitudine, momento di condivisione familiare? 

In occasione della Giornata contro lo spreco alimentare – dice il Presidente di Anaci Francesco Burrellilanciamo un ennesimo appello a ridurre tali sprechi e a non gettare quello che rimane nei nostri piatti e nelle nostre tavole. Vale la pena ottimizzare i pranzi e le cene delle famiglie italiane all’interno dei nostri edifici ed occorre farlo sempre sia nella quotidianità che nei momenti più ludici, quando il cibo spesso avanza e alla fine, ad accoglierlo, trova la pattumiera. Sarebbe opportuno preparare appositi sacchetti e metterlo a disposizione di chi ne ha maggiormente bisogno, insomma delle fasce della popolazione meno abbiente. Anche noi, come associazione, potremmo sostenere le realtà impegnate in questo campo”.

 

Gli amministratori di condominio alle famiglie: non gettate gli avanzi di cibo

 

Un appello importante che riflette adeguatamente la situazione italiana e quella mondiale relativa agli sprechi alimentari. In Italia, con riferimento al 2019 e sulla base di una nota di Too Good To Go (app contro lo spreco alimentare) su base Food Waste Index il cibo non consumato è stato stimato in 67 Kg pro capite a livello domestico e 4 kg pro capite a livello di vendita al dettaglio. Non tutto quello che si compra e quello che va a finire nel piatto viene poi effettivamente mangiato. Inoltre il 53% dello spreco alimentare in Europa avviene proprio entro le mura domestiche.

Noi amministratori che siamo abituati a gestire le questioni complesse dei condomini e ‘vivendo le case dall’interno’, conoscendo proprietari e locatari, siamo in primi a ribadire come sia importante ottimizzare il cibo affinché si possa seguire un principio semplice, lineare, ma non sempre adeguatamente accolto, ovvero che il cibo in eccesso possa essere distribuito, anche attraverso le opportune e meritorie associazioni, a chi ne ha di meno o non ne ha proprio. Si tratta di un passaggio dal duplice valore, etico e legato alla sostenibilità del pianeta. Noi amministratori siamo in prima linea per poter contribuire a diminuire lo spreco, soprattutto quando questo avviene all’interno delle abitazioni”.    

Il Magazine

Sfoglia l'ultimo numero della rivista Ingenio

Newsletter Ingeio

Seguici su