ISI – Ingegneria Sismica Italiana: una guida autorevole per la messa in sicurezza del patrimonio costruito

30/03/2022 6885

Una nuova squadra per il Consiglio Direttivo dell’Associazione ISI per il Triennio 2022-25

Nel 2024 l’Italia ospiterà, dopo più di 50 anni, il più importante evento tecnico e scientifico a livello internazionale dedicato alla Sismica: il WCEE2024.

Rappresenterà una grande occasione per l’aggiornamento professionale e per dare evidenza alle soluzioni tecnologiche. per cogliere questa occasione è importante che l’Associazione dell'Ingegneria Sismica Italiana, coinvolta nell’organizzazione dell’evento con ANIDIS ed EUCENTRE, abbia una guida autorevole.

Per questo motivo, nell’ambito del rinnovo delle cariche sociali dell’Associazione ISI – Ingegneria Sismica Italiana, per il triennio 2022-2025, un gruppo di 13 candidati di rilievo, rappresentanti del mondo dei Professionisti, delle Aziende e dell’Accademia, si propone di cogliere le occasioni che ci saranno nel corso dei prossimi 3 anni per spingere lo sviluppo e affermare il prestigio di ISI.

Le elezioni si terranno in modalità telematica e i seggi elettorali saranno aperti dal 30/03/2022 al 06/04/2022.

Degli obiettivi ben definiti e una chiara visione per il futuro di ISI uniscono i 13 candidati che hanno appena reso pubblico il programma che attueranno nel caso siano eletti come nuovo Consiglio Direttivo di ISI per il triennio 2022-2025. 

La scelta di presentare questa candidatura in modo collegiale arriva in un momento di grande importanza e attenzione in Italia sul tema della sismica. I membri di questa lista ritengono che ISI abbia delle potenzialità straordinarie di rappresentare il mondo dell’Ingegneria Sismica Italiana in maniera compiuta, e abbia enormi possibilità di crescita.

Gli obiettivi di questa lista sono: rappresentare gli Associati dialogando con le Istituzioni, aumentare la consapevolezza del rischio sismico, rafforzare un’offerta formativa di alto livello, affermare il prestigio ed il valore di ISI in Italia e all’estero, incrementare la conoscenza di Profession-ISI verso l’esterno e creare sinergie tra gli Associati, aziende e professionisti. 

Le azioni comprese in questo programma coprono 4 fronti principali e consentono di raggiungere gli obiettivi elencati sopra, partendo in primis dal prestigioso Congresso Mondiale di Ingegneria Sismica - WCEE, che si svolgerà a Milano nel 2024 e vedrà circa 5000 delegati, tra questi i maggiori esperti a livello mondiale in ingegneria sismica. A proposito di questo evento, un’opportunità enorme per l’Italia, i candidati affermano: “Vogliamo che il WCEE2024 non sia solo un convegno di scienziati, ma che sia invece un convegno di ingegneria per tutti gli ingegneri.”

Le restanti 3 linee di azione principali sono legate alla creazione di una fiera biennale dedicata alle Tecnologie Antisismiche presso fiera Milano, all’istituzione di un’Alta Scuola di Ingegneria Sismica, alla creazione di una Mostra permanente di Ingegneria Sismica presso il Museo della Scienza e della Tecnica di Milano, e alla creazione di momenti di scambio di esperienze e conoscenze tra gli Associati ISI.

I candidati di questa lista sono professionisti e imprenditori estremamente attivi nell’ambito delle tecnologie antisismiche, con forti connessioni sia nazionali che internazionali.

Nel caso di elezione in maggioranza nel Consiglio, il candidato Presidente di questa lista sarà il Prof. Paolo Riva, un rappresentante dell’Accademia, dopo che i precedenti Presidenti dell’Associazione sono stati espressione del mondo delle Aziende e della Professione. Un altro rappresentante degli Associati Individuali nella lista è L’Ing. Carlo Beltrami, Direttore Tecnico presso Lombardi Ingegneria. In rappresentanza delle Aziende i nomi in questa lista sono: Paolo Baccarini (Hilti), Gabriele Barison (Fassa Bortolo), Davide Campanini (Kerakoll), Franco Daniele (Tecnostrutture), Luca Ferrari (Harpaceas), Marcello Guelpa (Tecno Piemonte), Giorgio Luitprandi (Edilmatic), Roberta Mallardo (Gruppo Pittini), Giulio Morandini (Mapei), Tullio Ricci (Ricci), Emanuela Ursino (Sismocell). 


Una nuova guida per ISI "per risvegliare le coscienze italiane sulla sismica"

Intervista al candidato Presidente - Prof. Paolo Riva

ISI – Ingegneria Sismica Italiana: una guida autorevole per la messa sicurezza del patrimonio costruito

Perché la vostra lista si candida a guidare ISI nel prossimo triennio?

La nostra lista si candida per diversi motivi.

Innanzitutto riteniamo che ISI abbia delle potenzialità straordinarie di rappresentare il mondo dell’Ingegneria Sismica Italiana in maniera compiuta, e abbia enormi possibilità di crescita.

Detto questo, nel 2024 l’Italia ospiterà il WCEE - Congresso Mondiale di Ingegneria Sismica, che vedrà circa 5000 delegati, e questa è un’opportunità enorme per l’Associazione ma non solo: Per l’Italia come paese, per tutti coloro che si occupano di tecnologie antisismiche e che le producono, per i progettisti, per le imprese. È un’opportunità di confronto unico per il mondo della sismica e pensiamo che ISI, che di questo evento ne è stata la promotrice insieme ad ANIDIS e Eucentre, debba essere assolutamente il motore di questo evento, specialmente per tutto quello che riguarda le manifestazioni rivolte al pubblico italiano.

Ci parli del programma che attuerete nel caso in cui venisse eletta la vostra lista.

Il programma si articola su diversi punti che vogliono portare un approccio innovativo a ISI e dare una spinta positiva per il futuro dell’Associazione.

 

Le seguenti sono le attività principali in linea con gli obiettivi che abbiamo identificato per il triennio 2022-2025: 

A) Un punto evidentemente centrale è legato alle attività relative al WCEE - Congresso Mondiale di Ingegneria Sismica del 2024.

Il programma vede diverse attività nel 2023 e nel 2025 oltre al convegno del 2024, e entro nel merito in maniera sintetica, invitando a leggere il programma per ulteriori dettagli.

Si pensa nell’anno precedente al convegno, quindi nel 2023, di organizzare una Mostra di Tecnologie Antisismiche presso fiera Milano, mostra che poi vorremmo diventasse un evento permanente con cadenza biennale. Con questa mostra, nel 2023, si raccoglierà l’interesse di tutti gli attori della sismica in Italia, non solo le tecnologie, quindi le aziende, ma anche progettisti, produttori di software, in un contesto omogeneo, in modo tale da mettere in mostra quello che siamo capaci di fare, e per decidere quali debbano essere i contenuti di ISI e i contributi all’interno del convegno mondiale del 2024.

Questa mostra avrà un sequel durante il convegno mondiale del 2024 dove viceversa ci si attende una partecipazione internazionale. Per il pubblico italiano sarà un momento fondamentale per capire cosa si stia facendo nel mondo e anche per rendersi conto che l’Italia è in primo piano nel campo delle tecnologie legate all’ingegneria sismica.

Nel 2025 ci sarà un altro convegno ISI che servirà per riportare al pubblico italiano la sintesi di quello che è avvenuto nel congresso mondiale e nello stesso anno ci sarà di nuovo la fiera delle tecnologie. Questo riassume le iniziative legate al WCEE2024.

B) È per noi fondamentale, pensando al titolo di ISI, la fondazione di un’Alta Scuola Permanente di Ingegneria Sismica all’interno dell’Associazione, che sarà organizzata e strutturata attorno al Comitato Scientifico e agli Associati, in modo tale da fornire servizi unici e di elevato valore.

Il comitato tecnico-scientifico di ISI raccoglie in effetti una parte significativa della comunità scientifica nazionale in tema di sismica, una ricchezza importante in termine di competenze che consente di pensare all’organizzazione sia di seminari che di veri e propri corsi, per gli operatori del settore, su tematiche all’avanguardia e anche su tematiche di base nell’ambito della sismica, oltre che su aspetti normativi e legislativi. Si vuole così fornire una formazione permanente nel tempo, senza necessariamente dover attingere a un master strutturato, con singoli corsi o eventi che dal punto di vista dell’interesse tecnico, soprattutto pensando ai professionisti, siano immediatamente spendibili.

C) L’istituzione a valle del Convegno Mondiale di Ingegneria Sismica del 2024 di una mostra permanente di Ingegneria Sismica presso il Museo della Scienza e della Tecnica di Milano, seguendo il filo conduttore che è quello di cercare di “risvegliare le coscienze italiane sulla sismica” cioè di alzare la soglia di consapevolezza nei confronti del rischio sismico, oggettivamente bassa nel nostro paese. 

Si tratta di una possibilità straordinaria, sfruttando la visibilità del convegno mondiale, con uno scopo prevalentemente divulgativo dove l’obiettivo non è tanto quello di far conoscere le tecnologie antisismiche quanto soprattutto far capire cos’è il terremoto, che il rischio sismico sul nostro territorio esiste, e che se si vogliono fare delle politiche anche di miglioramento energetico come l’Italia sta facendo in questo momento, non lo si può fare dimenticandosi che se si installano delle tecnologie per l’efficientamento energetico su edifici obsoleti, quanto non pesantemente vulnerabili al sisma, dal punto di vista dell’investitore, cioè del cittadino e quindi dello Stato, in ultima analisi questo è un pessimo investimento.

 

In particolare, quali sono le iniziative dedicate ai professionisti che proponete?

Le iniziative dedicate ai professionisti sono legate a tutte le attività che ho appena descritto.

Nel corso del Convegno Mondiale di Ingegneria Sismica si vogliono organizzare corsi e eventi dedicati ai professionisti con la possibilità soprattutto di poter dare loro una visione diversa, vista l’occasione unica di avere relatori di caratura mondiale. Riteniamo che la partecipazione al convegno mondiale di ingegneria sismica sarà estremamente interessante e vedremo, con il comitato organizzatore, di avere delle agevolazioni per i professionisti che volessero partecipare anche a singole giornate o singoli eventi.

Vogliamo che il WCEE2024 non sia solo un convegno di scienziati, ma che sia invece un convegno di ingegneria per tutti gli ingegneri. 

Oltre a questo, l’Alta Scuola Permanente di Ingegneria Sismica all’interno di ISI è l'iniziativa che ritengo più qualificante del programma. ISI ha un comitato scientifico di elevatissimo valore che fino ad oggi ha avuto poche occasioni di dare un contributo attivo all’associazione. Ci piacerebbe vedere i membri del comitato scientifico come fornitori di una formazione continua per l’ingegnere, dove per formazione si intende un panorama di corsi, da corsi brevi a altri eventi, dai quali il professionista possa attingere per una formazione permanente e duratura, vera opportunità di crescita tecnica e professionale. 

Non di minore importanza la creazione di sinergie tra professionisti e aziende, per un filo continuo di dialogo tra gli Associati ISI, tramite momenti strutturati proprio per questa finalità. 

 

Chi sono i candidati per il rinnovo del CD dell’associazione – triennio 2022-2025?

I candidati con i quali abbiamo deciso di presentarci in lista sono professionisti e imprenditori estremamente attivi nell’ambito delle tecnologie antisismiche, con forti connessioni sia nazionali che internazionali. Un gruppo di persone con una visione chiara e obiettivi condivisi che rappresentano delle eccellenze, nell’ambito delle realtà italiane, singolarmente e collettivamente.


Il Magazine

Sfoglia l'ultimo numero della rivista Ingenio

Newsletter Ingeio

Seguici su