ItalianTerrazzo di Isoplam: la soluzione sostenibile e poliedrica per l’outdoor

La proposta di Isoplam fa rivivere il ghiaino lavato, conosciuto anche come calcestruzzo architettonico, in una superficie dall’anima ecologica, vocata alla più ampia libertà espressiva.


Calcestruzzo architettonico per le pavimentazioni esterne

La tendenza di portare la natura all’interno e il design all’esterno degli spazi di vita e lavoro ha reso le pavimentazioni per outdoor dei veri e propri complementi d’arredo, capaci di arricchire gli ambienti all’aria aperta creando un dialogo armonioso tra contesto d’inserimento e design dei materiali.

ItalianTerrazzo di Isoplam è la nuova soluzione per esterni che reinterpreta il calcestruzzo architettonico, o sasso lavato, combinando le migliori performance del cemento all’attenzione per l’ambiente. In pochissimi cm di spessore, infatti, la resistenza, la durabilità e la funzionalità del calcestruzzo vengono abbinate a componenti ecosostenibili come graniglia di marmi pregiati, sassi di fiume o pietre naturali, a cui poi viene unita una speciale miscela fibrorinforzata colorata e addittivata.

 

ItalianTerrazzo di Isoplam: pavimentazioni per l'outdoor in calcestruzzo

 

Personalizzazione “generata” dal luogo

Perfetto per dare libero sfogo alla creatività di committenti e progettisti, ItalianTerrazzo consente di scegliere liberamente le tonalità, gli abbinamenti e i tipi di graniglia, dando vita non solo a superfici uniformi di grande effetto, ma anche a disegni, geometrie, giochi di colore e accostamenti materici.

 

ItalianTerrazzo di Isoplam: pavimentazioni per l'outdoor in calcestruzzo

 

Il tutto sempre nel rispetto dell’ambiente: la lavorazione, infatti, permette l’impiego di materiali reperiti direttamente in loco, favorendo da un lato una riduzione delle emissioni di CO2 dovute al trasporto e permettendo, dall’altro, di dare forma ad una pavimentazione capace di farsi interprete del territorio.

Soluzione poliedrica, ItalianTerrazzo viene presentato da Isoplam in 5 basi di colore (Giallo Ocra, Mogano, Cipria, Duna, Incolore), le quali possono diventare molte di più utilizzando come base il cemento bianco e/o grigio in proporzioni variabili.

 

ItalianTerrazzo di Isoplam: pavimentazioni per l'outdoor in calcestruzzo

 

Per rinnovi o nuove pavimentazioni

ItalianTerrazzo viene applicato con spessori minimi che, in base alle dimensioni della graniglia scelta e alla destinazione d’uso della pavimentazione, possono variare da 2 a 5 cm. Questo conferisce alla superficie un’incredibile versatilità, che la rende ideale sia per rinnovare pavimentazioni già esistenti – con la tecnica “fresco su duro” – sia per nuove applicazioni su una base di calcestruzzo fresco, con la tecnica “fresco su fresco”.

 

Versatilità applicativa

Dagli spazi privati a quelli pubblici, le pavimentazioni in ItalianTerrazzo si inseriscono in svariati contesti.

La soluzione Isoplam ha infatti un’elevata resistenza all’abrasione e la formulazione con speciali fibre ne aumenta la tenuta ai cicli di gelo e disgelo, contrastandone il ritiro e la fessurazione.

ItalianTerrazzo di Isoplam: pavimentazioni per l'outdoor in calcestruzzo

ItalianTerrazzo può essere così scelto per decorare piazze, viali, porticati, aree pedonali e centri storici, inoltre con la finitura “sasso a vista” risulta essere un’ottima pavimentazione antiscivolo, che ben si presta a bordi piscina, parchi tematici, villaggi vacanze e anche a rampe o strade con pendenza.

 


Scopri di più sulle soluzioni Isoplam


logo-isoplam-web-300x300.jpg

ISOPLAM Concreativity

La forza del cemento incontra la creatività

Pioniera nell’ambito delle pavimentazioni e dei rivestimenti continui a base cementizia, forte di 40 anni di esperienza e costante innovazione grazie al proprio laboratorio interno, Isoplam progetta e sviluppa superfici decorative ad alta creatività, garantendo il prodotto e la sua applicazione e proponendosi come partner altamente specializzato dei professionisti della progettazione.

Il Magazine

Sfoglia l'ultimo numero della rivista Ingenio

Newsletter Ingeio

Seguici su