Comportamento al fuoco degli involucri di edifici civili secondo le RTV Chiusure d'ambito

Il D.M. 30/03/2022 approva e rende cogente la Regola Tecnica Verticale (RTV) Chiusure d’ambito degli edifici civili (Capitolo V.13), che entrerà in vigore a partire dal 07/07/2022.

Per la prima volta in Italia vengono introdotti precisi e obbligatori requisiti minimi di comportamento al fuoco per le facciate e le coperture degli edifici civili (strutture sanitarie, scolastiche, alberghiere, commerciali, uffici, residenziali) siano essi di nuova costruzione o esistenti, sottoposti al Codice di prevenzione incendi.


La nuova Regola Tecnica Verticale (RTV) Chiusure d’ambito degli edifici civili

La RTV persegue i seguenti obiettivi di sicurezza antincendio:

  • limitare la probabilità di propagazione di un incendio originato all’interno dell’edificio, attraverso le sue chiusure d’ambito;

  • limitare la probabilità di propagazione di un incendio originato all’esterno dell’edificio, attraverso le sue chiusure d’ambito (ad esempio, incendio in edificio adiacente, incendio a livello stradale o alla base dell’edificio, ecc.);

  • evitare o limitare la caduta di parti della chiusura d’ambito dell’edificio che possano compromettere l’esodo degli occupanti o l’operatività delle squadre di soccorso.

Può costituire un utile riferimento per la progettazione anche di chiusure d’ambito di altre opere da costruzione (esempio edifici industriali).

Nuove regole antincendio per le facciate e coperture di edifici civili: le soluzioni Saint-Gobain

La RTV Chiusure d’ambito degli edifici civili introduce requisiti minimi, che si differenziano a seconda della dell’altezza degli edifici (SA = h ≤ 12 m, SB = 12 m < h ≤ 24 m, SC = h > 24 m) e destinazione d’uso-affollamento (in particolare per edifici con Rvita pari a D1, D2, erogazione cure mediche).

Requisiti minimi di reazione al fuoco dei materiali isolanti in facciata (a seconda delle caratteristiche dell'edificio e delle tecnologie di coibentazione utilizzate, non sarà più possibile utilizzarne alcune tipologie) e di resistenza al fuoco della chiusura d’ambito, con l’introduzione della realizzazione di fasce di separazione (in facciata e copertura) in corrispondenza delle proiezioni della compartimentazione interna, sia orizzontale (solai) sia verticale (pareti), e della protezione di porzioni di chiusura d’ambito interessate da presenza di materiali combustibili e da impianti energetici.

Fasce di separazione che in facciata devono essere realizzate con materiali con migliore comportamento al fuoco, reazione al fuoco A1 o A2-s1,d0.

Nuove regole antincendio per le facciate e coperture di edifici civili: le soluzioni Saint-Gobain
Photo credit © Lorenzo Bartoli per Saint-Gobain in Italia.

I vantaggi delle soluzioni isolanti in lana minerale, sistemi a secco e impermeabilizzazioni Saint-Gobain

Gli isolanti in lana minerale Saint-Gobain, vetro e roccia, previsti per l’isolamento delle facciate, sia nei sistemi di isolamento a cappotto (kit) sia nell’intercapedine delle facciate ventilate o dei sistemi a secco, hanno Euroclasse di reazione al fuoco A1 o A2-s1,d0 e risultano sempre conformi e migliorativi dei requisiti minimi previsti dalla RTV Chiusure d’ambito, idonei anche per la realizzazione delle fasce di separazione e la protezione da materiali combustibili e impianti energetici. Discorso analogo anche per i sistemi a secco assemblati (pareti di tamponamento/contropareti esterne in lastre in gesso fibro-rinforzato e lastre in gesso rivestito, struttura metallica, isolanti in lana minerale, finiture).


Nuove regole antincendio per le facciate e coperture di edifici civili: le soluzioni Saint-GobainPhoto credit © Lorenzo Bartoli per Saint-Gobain in Italia.

I sistemi di isolamento a cappotto e i sistemi a secco Saint-Gobain non necessitano quindi di realizzazione di fasce di separazione, garantendo la migliore Euroclasse di reazione al fuoco sull’intera superficie della facciata. Questo permette un notevole incremento della sicurezza nei confronti dell’incendio rispetto ai requisiti minimi richiesti dalla RTV, e di avere anche importanti vantaggi nella gestione dell’intervento e del cantiere, offrendo un’unica tipologia di materiale isolante, con la migliore prestazione possibile nei confronti dell’incendio.

Inoltre, alle elevate prestazioni di comportamento al fuoco e isolamento termico, abbinano anche prestazioni di sostenibilità, isolamento acustico, resistenza meccanica, traspirabilità.

Nuove regole antincendio per le facciate e coperture di edifici civili: le soluzioni Saint-Gobain

I sistemi Saint-Gobain per l’isolamento e l’impermeabilizzazione delle coperture certificati nei confronti dell’incendio esterno BROOF (t2) risultano sempre conformi ai requisiti minimi previsti dalla RTV Chiusure d’ambito e idonei per la realizzazione delle fasce di separazione in edifici di tipo SB o dell’intera superficie in edifici di tipo SC.

Nuove regole antincendio per le facciate e coperture di edifici civili: le soluzioni Saint-GobainPhoto credit © Lorenzo Bartoli per Saint-Gobain in Italia.


SCARICA IL MANUALE TECNICO PER LA PROTEZIONE PASSIVA AL FUOCO


saint-gobain.jpg

Il Gruppo SAINT-GOBAIN

Saint-Gobain progetta, produce e distribuisce materiali per la sicurezza e il comfort abitativo di ciascuno di noi e il futuro di tutti. Questi materiali si trovano ovunque nei nostri spazi di vita e nella quotidianità: negli edifici, nei trasporti, nelle infrastrutture e in molte applicazioni industriali.

È una realtà presente in 70 Paesi con circa 167.000 dipendenti e un fatturato complessivo di 38.1 Mld di euro nel 2020.

Vanta una storia di oltre 350 anni, nasce infatti nel 1665 per volere di Re Luigi XIV, per realizzare la Galleria degli Specchi del Palazzo di Versailles a Parigi.

In Italia, dove la sua storia ha origine nel 1889 con la costruzione dello stabilimento di Pisa per la produzione del vetro, oggi conta 36 siti produttivi, circa 2.200 dipendenti e un fatturato di 660 Mln di euro nel 2020. Saint-Gobain si propone come polo tecnologico di riferimento per il mercato della costruzione sostenibile e il punto di riferimento globale nell’utilizzo efficiente delle risorse naturali, nel rispetto dell’ambiente. Tutte le soluzioni proposte sono pensate per costruire edifici più efficienti dal punto di vista energetico, per ridurre consumi ed emissioni inquinanti.

Attraverso marchi forti e noti sul mercato, tra cui Glass, Gyproc, Isover e Weber, offre in particolare una gamma completa di soluzioni innovative per involucri opachi e trasparenti, tetti e coperture, architettura d’interni e pareti, pavimenti e controsoffitti.

Il Magazine

Sfoglia l'ultimo numero della rivista Ingenio

Newsletter Ingeio

Seguici su