8th International Course on Geotechnical and Structural Monitoring (ICGSM)

24/06/2022 5118

Recentemente a Roma si è svolta l'8^ edizione dell'International Course on Geotechnical and Structural Monitoring. Per tutti i partecipanti sono stati 4 giorni di alta formazione sul ruolo del monitoraggio geotecnico e strutturale nei progetti di ingegneria civile e nella gestione delle risorse naturali.

In particolare in questa edizione ci si è focalizzati sulle analisi delle diverse metodologie di monitoraggio con particolare attenzione alla progettazione delle infrastrutture al fine di migliorare la consapevolezza della loro risposta strutturale durante ogni fase operativa.


Focus sulla progettazione di infrastrutture per ottimizzare la manutenzione e aumentare la sicurezza

È ormai sempre più evidente come i processi geologici e climatici e lo sfruttamento delle risorse del nostro pianeta determinino interazioni potenzialmente pericolose con le nostre vite. Monitorare il comportamento del terreno, delle strutture e delle infrastrutture è quindi essenziale per la nostra sicurezza ma anche per l’ottimizzazione delle costruzioni e la riduzione di tempo e dei costi nella pratica ingegneristica. In tal senso, è ormai universalmente riconosciuto come il monitoraggio geotecnico e strutturale rappresenti un elemento cruciale per lo sviluppo sostenibile e per la riduzione del rischio.

Il ruolo del monitoraggio geotecnico e strutturale nei progetti di ingegneria civile e nella gestione e sfruttamento delle risorse naturali sta infatti crescendo di anno in anno e con esso il numero delle soluzioni tecniche e delle strumentazioni disponibili. Tale crescita, se da un lato rappresenta una grande opportunità professionale, dall'altra comporta una notevole difficoltà degli operatori nel mantenere un adeguato livello di preparazione e, quindi, di rispondere ad esigenze sempre più stringenti da parte dei clienti che vedono ormai nel monitoraggio geotecnico e strutturale una necessità primaria per garantire efficienza e sicurezza nell'ambito dei propri progetti.

 

 

È proprio sulla base di questa convinzione e dall’esperienza maturata negli anni attraverso l’organizzazione di numerosi corsi, workshop e seminari a livello nazionale che nel giugno del 2014 è nato l’International Course on Geotechnical and Structural Monitoring, iniziativa di NHAZCA che è cresciuta anno dopo anno sino ad arrivare ormai alla sua ottava edizione che si è tenuta a Roma dal 14 al 18 giugno.

Il corso è sempre stato rivolto a ingegneri, geologi e tecnici, ma anche a project managers e a responsabili che si occupano della gestione del rischio nell'ambito dei seguenti ambiti principali di attività:

  • Grandi e piccole infrastrutture;
  • Gallerie e ponti;
  • Dighe;
  • Scavi;
  • Pendii artificiali e naturali;
  • Fondazioni per costruzioni;
  • Trasporto;
  • Industria mineraria;
  • Oil&Gas;
  • Edifici storici.

La ricchezza e la varietà di contenuti rendono il corso altamente formativo e allo stesso tempo interattivo. La partecipazione al corso ha rappresentato inoltre una grande opportunità per stabilire contatti e collaborazione con colleghi provenienti da tutto il mondo, per incontrare produttori e prendere visione delle più recenti ed innovative strumentazioni di monitoraggio disponibili nel mercato.

 

 

Questa edizione dell'ICGSM è stata incentrata sull'analisi delle diverse metodologie di monitoraggio con particolare attenzione alla progettazione delle infrastrutture al fine di migliorare la consapevolezza della loro risposta strutturale durante ogni fase operativa e ottimizzare i programmi di manutenzione per garantirne la sicurezza.

Il programma ha coperto una serie di argomenti partendo dal monitoring design, passando attraverso la discussione dei problemi connessi alla implementazione di sistemi di monitoraggio ed affrontando i problemi specifici e le possibili soluzioni per varie applicazioni quali: il monitoraggi di monumenti storici, il monitoraggio di varie infrastrutture antropiche (ferrovie, ponti, tunnel), il monitoraggio delle frane, il monitoraggio delle infrastrutture connesse allo sfruttamento delle risorse naturali quali dighe, miniere e oil and gas.