Nuove tecnologie e recenti esperienze nel monitoraggio delle infrastrutture

31/05/2022 6861

Un convegno dedicato al tema delle infrastrutture che riprende le principali tecniche e soluzioni riguardanti la gestione, la manutenzione e il controllo delle opere infrastrutturali sulla base delle esperienze realizzate sul campo dal Consorzio Fabre.


Evoluzione del monitoraggio

Si terrà il 27 giugno 2022 presso il SeeBay Hotel di Portonovo (Ancona) la Giornata di Studio promossa dal Consorzio FABRE su “Nuove tecnologie e recenti esperienze nel monitoraggio delle infrastrutture”.

L’obiettivo del Convegno, realizzato in collaborazione con la Fondazione Consiglio Nazionale Ingegneri e con Ingenio, è proporre un quadro aggiornato del settore del monitoraggio strumentale delle infrastrutture, con ampio riferimento alle recenti esperienze sul campo in ambito strutturale, idraulico e geotecnico.

Il Convegno vuole così stimolare tecnici e autorità coinvolte nella gestione e la manutenzione delle opere infrastrutturali al pieno sfruttamento delle possibilità oggi offerte dalle tecnologie disponibili, indirizzando le attività di ricerca verso le necessità evidenziate nelle più recenti applicazioni in situazioni reali.

 

Nuove tecnologie e recenti esperienze nel monitoraggio delle infrastrutture

 

 

Presentazione del convegno

Ponti, viadotti e gallerie costituiscono elementi fondamentali dei nostri sistemi infrastrutturali, componenti indispensabili per un efficace circolazione di persone e merci in territori dalla variegata orografia, con spesso elevato rischio sismico, idraulico e geomorfologico.

Gran parte della rete stradale oggi in uso è stata progettata e costruita nei decenni successivi al secondo dopoguerra, potendo contare su esperienze e conoscenze limitate, oltre su condizioni di traffico ben più basse rispetto ad oggi. A questo si aggiunge il naturale degrado dei materiali, spesso accelerato da condizioni ambientali aggressive, da una manutenzione non sempre efficace, dalla poca attenzione a dettagli costruttivi probabilmente sottovalutati. Per questi motivi l’attuale patrimonio infrastrutturale richiede molta attenzione al fine di individuare le situazioni di maggiore criticità, e su queste intervenire per impedire il determinarsi di eventi avversi, da quelli che mettono in crisi la viabilità a quelli catastrofici tristemente saliti alla ribalta delle cronache recenti.

Il monitoraggio costituisce uno strumento molto importante a disposizione per il controllo delle condizioni della rete infrastrutturale e per attivare condizioni di allerta in caso di evoluzioni avverse delle misure. In tale ambito molti progressi sono stati fatti negli ultimi anni, sia per quanto riguarda la strumentazione, più sofisticata, accurata e accessibile rispetto al passato, sia per quanto riguarda l’elaborazione e il trattamento della grande quantità di dati che oggi possono essere acquisiti e gestiti in tempo reale.

Il presente convegno ha l’obiettivo di proporre un quadro aggiornato del settore del monitoraggio strumentale delle infrastrutture, con ampio riferimento alle recenti esperienze sul campo in ambito strutturale, idraulico e geotecnico. Si vogliono così stimolare tecnici e autorità coinvolte nella gestione e la manutenzione delle opere infrastrutturali verso un pieno sfruttamento delle possibilità oggi offerte dalle tecnologie disponibili, nonché ad indirizzare la ricerca sulle stesse ad ulteriori progressi per soddisfare le necessità evidenziate nelle più recenti applicazioni a situazioni reali.

 

Tematiche convegno

  • Il monitoraggio come strumento di controllo e gestione del patrimonio infrastrutturale;
  • Tecniche di monitoraggio strutturale;
  • Tecniche di monitoraggio di fenomeni franosi Tecniche di monitoraggio idraulico;
  • Nuove tecnologie a supporto del monitoraggio.

 

 

Modalità di partecipazione

All’evento è possibile partecipare in presenza oppure da remoto tramite piattaforma di FONDAZIONE CNI. Prossimamente verranno fornite più informazioni riguardo le modalità di iscrizione.

 

Quote di iscrizione

  • Partecipazione all’evento completo (ingresso alla giornata + cena di gala) = 150 euro;
  • Partecipazione all'evento (ingresso alla giornata) = 50 euro;
  • Partecipazione online (partecipazione in modalità remota) = 50 euro.

Le quote sono comprensive di IVA.

 

Segreteria amministrativa

 

Crediti formativi

  • L'evento, patrocinato dal CNI, da diritto all'ottenimento di un totale massimo di 6 CFP. L'evento è costituito da due sessioni: una mattutina e una pomeridiana;
  • Agli ingegneri iscritti all’Albo che parteciperanno all’intera durata di ciascuna sessione saranno riconosciuti 3 CFP per sessione.

 

 

Programma dell'evento

Saluti istituzionali: Claudio Pettinari, Gian Luca Gregori, Massimo Conti, Alberto Romagnoli

Introduzione ai lavori

  • Massimo Sessa e Domenico De Bartolomeo;
  • Walter Salvatore "Il monitoraggio strumentale in un sistema integrato di gestione dei ponti, viadotti e gallerie"

  • Tavola rotonda: Sistema di gestione della rete: le esperienze dei gestori. Moderatori: Pietro Baratono, Andrea Dari.

  • Tavola rotonda: Le attività della rete 1000 infrastrutture. Moderatori: Pietro Baratono, Andrea Dari.

 

Coffee Break

  • Carmelo GentileAnalisi automatica dei dati di monitoraggio”;
  • Tavola rotonda: Il monitoraggio strutturale di ponti, viadotti e gallerie. Le esperienze dei gestori Moderatori: Andrea Dari, Andrea Dall’Asta, Emanuele Renzi.
  • Tavola rotonda: L’intelligenza artificiale per il monitoraggio dei ponti: dalla teoria all'applicazione Moderatori: Andrea Dari, Filippo Ubertini, Antonino Morassi

 

Pausa pranzo

  • Paolo SimoniniMonitoraggio ed analisi dei cinematismi di interazione tra ponti e frane
  • Vincenzo SimeoneProblemi di interazione fra i ponti e fenomeni gravitativi profondi a cinematica lenta

  • Tavola rotonda: Il monitoraggio dei fenomeni geologici: le esperienze dei gestori Moderatori: Andrea Dari, Giuseppe Scarpelli, Pierluigi Navone.

  • Tavola rotonda: Il monitoraggio geotecnico di ponti e gallerie: casi studio Moderatori: Andrea Dari, Nunziante Squeglia

 

Coffee Break

 

  • Armando BrathVulnerabilità idraulica degli attraversamenti fluviali.

  • Tavola rotonda: Il monitoraggio dei fenomeni idraulici: le esperienze dei gestori Moderatori: Andrea Dari, Alessandro Mancinelli.

  • Tavola rotonda: La valutazione del rischio idraulico associato ai ponti: il ruolo dei modelli idraulici e idrologici Moderatori: Andrea Dari, Giuseppe Tito Aronica

 

Chiusura lavori e saluti

 

Comitato organizzatore

  • Andrea Dall'Asta, Università degli Studi di Camerino;
  • Walter Salvatore, Università di Pisa;
  • Michele Morici, Università degli Studi di Camerino; 
  • Laura Gioiella, Università degli Studi di Camerino;
  • Fabio Micozzi, Università degli Studi di Camerino;
  • Fabrizio Scozzese, Università degli Studi di Camerino; 
  • Agnese Natali, Università di Pisa.

 

In allegato è possibile scaricare e visualizzare la locandina dell'evento