ISTRUZIONI CNR per la progettazione,l’esecuzione ed il controllo delle pavimentazioni in calcestruzzo

Il settore delle pavimentazioni industriali è da alcuni anni a conoscenza che la Commissione Norme del CNR aveva istituito un Gruppo di lavoro per la redazione delle Istruzioni per la progettazione, l’esecuzione ed il controllo delle pavimentazioni in calcestruzzo.

L’iniziativa era scaturita dalla forte esigenza del mercato delle pavimentazioni industriali di stabilire sul tema, regole e procedure considerando la grande rilevanza dal punto di vista tecnico, economico e del forte contenzioso presente nel settore.
Come noto, il Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR) ha tra i suoi compiti istituzionali lo svolgimento, la promozione ed il coordinamento di attività di ricerca con obiettivi di eccellenza in ambito nazionale e internazionale, finalizzate all’ampliamento delle conoscenze nei principali settori di sviluppo, individuati nel quadro della cooperazione ed integrazione europea e della collaborazione con le Università e con altri soggetti sia pubblici sia Privati.
A tale scopo le varie commissioni del CNR elaborano documenti e linee guida sulle tematiche più innovative nel campo dell’ingegneria civile e i documenti tecnici prodotti fissano un concreto e più elevato punto di riferimento nel panorama tecnico e normativo rispetto alle attuali normative vigenti consentendo, spesso, grandi avanzamenti proprio sotto il profilo tecnico e normativo.
La Commissione incaricata è stata coordinata dai Proff. Giovanni Plizzari e Marco Savoia e, grazie anche all’impegno dei componenti di un gruppo ristretto di lavoro, durato quasi tre anni, ha predisposto il documento finale sulle Istruzioni per i pavimenti di calcestruzzo.
Tale documento è stato recentemente approvato dalla Commissione Norme CNR, e pertanto sarà prossimamente soggetto a inchiesta pubblica per valutare eventuali richieste di modifica da sottoporre al vaglio della stessa Commissione CNR e produrre un documento finale completo e definitivo.
 
 
CONPAVIPER, da anni opera nella direzione della qualifica del settore delle pavimentazioni industriali, affinché vengano progettate, controllate dalla direzione lavori preliminarmente e durante la realizzazione, con l’obbiettivo che le responsabilità del risultato finale siano condivise tra i vari attori che operano intorno alla realizzazione, l’esecutore, il progettista, la direzione lavori, il fornitore di calcestruzzo, il committente.
Il lavoro prodotto dalla Commissione CNR, composta da professori universitari, specialisti del settore, associazioni di categoria, rappresenta dunque lo stato dell’arte più aggiornato in materia che, partendo dai documenti esistenti, dalle norme nazionali ed internazionali, dai Codici di Pratica e raccomandazioni tecniche presenti nel mercato mondiale, ha coniugato le varie esigenze dei committenti, dei professionisti, degli operatori, aggiornate all’anno in corso.
Per il mercato italiano questo documento rappresenta una svolta fondamentale, non solo per la sua valenza tecnica, ma anche per la sua importanza sotto il profilo giuridico, nella redazione dei prossimi contratti, delle realizzazioni, dei contenziosi eventuali.
I documenti tecnici oggi conosciuti (e ancora oggi spesso non utilizzati) nel campo delle pavimentazioni industriali sono stati generati circa 15 – 20 anni orsono. A quei tempi non esistevano gli additivi dedicati ai pavimenti, il problema della delaminazione era ancora poco noto, le tolleranze di posa, le tecnologie, le nuove esigenze del mercato si stavano solo delineando, ma non erano ancora mature, adeguatamente conosciute, e condivise tra i vari operatori del settore.
Illustrare oggi un documento così complesso non è certo compito semplice ma in quest’articolo cercherò di delineare alcuni aspetti fondamentali che dovranno essere oggetto di attenta valutazione e discussione nelle prossime future occasioni di incontro tra gli addetti.

Cosa cambia, quindi, tra le Norne UNI 11146, i Codici di Buona Pratica, gli attuali documenti tecnici e le nuove Istruzioni proposte dal CNR ? 

PER CONOSCERE LE RISPOSTE SCARICA IL PDF DELL'ARTICOLO INTEGRALE

 


Il Magazine

Sfoglia l'ultimo numero della rivista Ingenio

Newsletter Ingeio

Seguici su