Cessione del credito di imposta Superbonus e Ristrutturazioni 50%: come possono utilizzarlo i parenti?

Agenzia delle Entrate: i crediti d’imposta derivanti dagli interventi che danno diritto al Superbonus e agli altri bonus edilizi sono utilizzati in compensazione ai sensi dell'articolo 17 del decreto legislativo 9 luglio 1997, n. 241, sulla base delle rate residue di detrazione non fruite.


Se cediamo dei crediti derivanti da Superbonus 110% o Bonus Ristrutturazione 50% a parenti, come possono utilizzarlo i cessionari?

In detrazione Irpef da modello 730 oppure solo in compensazione con F24?

A questa domanda risponde l'Agenzia delle Entrate nella "Posta di FiscoOggi", chiarendo dei dubbi che in linea di massima sono esplicitati direttamente dentro le norme attuative, cioè l'articolo 121 del DL Rilancio (34/2020).

Cessione del credito di imposta Superbonus e Ristrutturazioni 50%: come possono utilizzarlo i parenti?

Cessione del credito: cosa dice la legge

L'art.121, che dispone la possibilità di esercitare le opzioni per la cessione o per lo sconto in luogo delle detrazioni fiscali, dispone che i crediti d’imposta derivanti dagli interventi che danno diritto al Superbonus e da quelli indicati nel comma 2 dello stesso articolo (tra i quali, gli interventi di recupero del patrimonio edilizio, quelli di efficienza energetica, eccetera) “sono utilizzati in compensazione ai sensi dell'articolo 17 del decreto legislativo 9 luglio 1997, n. 241, sulla base delle rate residue di detrazione non fruite. Il credito d'imposta è usufruito con la stessa ripartizione in quote annuali con la quale sarebbe stata utilizzata la detrazione. La quota di credito d’imposta non utilizzata nell'anno non può essere usufruita negli anni successivi, e non può essere richiesta a rimborso”.

 

I crediti dei parenti

Pertanto, osservano le Entrate, i crediti che i parenti riceveranno dovranno essere utilizzati in compensazione, attraverso il modello F24, per il pagamento di imposte e contributi che si versano con tale modello (imposte sui redditi, Iva, Irap, contributi previdenziali dovuti da titolari di posizione assicurativa, contributi previdenziali e assistenziali dovuti dai datori dei lavori, premi per l’assicurazione contro gli infortuni sul lavoro e le malattie professionali, tasse sulle concessioni governative, tasse scolastiche, imposte sostitutive delle imposte sui redditi e dell’Iva, eccetera).

 

Il Magazine

Sfoglia l'ultimo numero della rivista Ingenio

Newsletter Ingeio

Seguici su