L’ecografia ultrasonora con tecnica SAFT per le sezioni in calcestruzzo armato

Memoria tratta dagli atti delle GIORNATE AICAP 2014, Bergamo 22-24 maggio 2014


La relazione presenta la nuova tecnica SAFT ad ultrasuoni. La tecnica SAFT permette la visualizzazione della sezione esaminata; ferri d’armatura, inclusioni d’aria, e od altri materiali estranei presenti nella sezione possono essere evidenziati attraverso una rappresentazione digitalizzata in tempo reale.
La relazione presenta il principio teorico di funzionamento della tecnica SAFT ed alcuni esempi delle mappe SAFT (definite B-Scan nella terminologia ultrasonora classica) delle sezioni esaminate.
Questa tecnica, definita anche ecografia computerizzata, apre un nuovo capitolo nel controllo del calcestruzzo sia nella fase realizzativa che nell’esistente.
 

INTRODUZIONE
Il metodo ultrasonoro attualmente utilizzato nel controllo delle strutture in calcestruzzo armato è basato sulla trasmissione che permette la determinazione della velocità e dell’attenuazione dell’onda ultrasonora.
La misura della velocità permette di correlare la stessa alla resistenza del calcestruzzo.
L’attenuazione fornisce indirettamente la presenza nella matrice del calcestruzzo di cavità e od altre tipologie d’inclusioni che, a loro volta, in relazione alla densità del materiale incluso, hanno influenza sia sulla velocità che sull’attenuazione.
La tecnica per trasmissione non è in grado di fornire una rappresentazione della sezione esaminata dagli ultrasuoni, ciò diventa possibile mediante la tecnica SAFT.
Il principio che ha permesso di realizzare la tecnica SAFT, è stata la sostituzione del singolo cristallo con un array di cristalli (16-48) attivati in fasi diverse in trasmissione e ricezione.


All'interno dell'articolo, la trattazione completa.