BIM in Francia

Da Le Moniteur
Quando l'entità del bilancio pubblico per il progetto sarà resa nota, l'"Ambasciatore della tecnologia digitale nella costruzione" preciserà le azioni da intraprendere. Per ora, egli fornisce una panoramica.
Nominato nel mese di giugno "ambasciatore della tecnologia digitale nella costruzione," Bertrand Delcambre ha invitato gli operatori a condividere le loro proposte e aspettative prima di proporre una tabella di marcia al ministro Sylvia Pinel per lo sviluppo digitale nella Costruzione. Si riferisce al monitoraggio sulle prime esperienze della consultazione.
 
Perché il Ministero per l'Abitazione si è mobilitato per la diffusione della tecnologia digitale nel settore delle costruzioni?
Nell'ambito del programma "Obiettivo 500.000 abitazioni", il Gruppo di lavoro "Innovazione", guidato da Alain Maugard, e in cui ho partecipato, ha sottolineato la necessità di sviluppare la tecnologia digitale. Una proposta che ha rapidamente convinto Sylvia Pinel. Il ministro ritiene che lo sviluppo del digitale possa comportare una rottura positiva in un mondo della Costruzione  il cui morale è ormai allo stremo. Può anche essere un fattore di attrattività per i giovani in questo settore. Dal 2012 il Consiglio Direttivo del CSTB che ero allora presidente, ha attirato l'attenzione dei servizi sulla mobilitazione per il digitale in Gran Bretagna, con un requisito obbligatorio dal 1 Gennaio 2016 per utilizzare il BIM (Building Information Modeling) nei contratti pubblici di una certa dimensione. I Tedeschi sono ora nella stessa fase, come i Francesi in questo settore, riconoscendo che i Paesi Europei devono prepararsi per l'uso diffuso di risposta digitale a una direttiva emessa nel Gennaio 2014.
 
Come hanno risposto gli operatori al vostro call for papers?
La lettera di incarico del ministro ha sottolineato la necessità di "raccogliere" tutti gli operatori nello sviluppo del BIM, il tema centrale del progetto. Il sito web messo a disposizione, su mia richiesta, per discutere le loro aspettative e le proposte ha raccolto contributi oltre le nostre aspettative. Oltre a queste 75 proposte scritte, un terzo proviene da organizzazioni professionali, ho incontrato decine di stakeholder. Tutti hanno apprezzato il segnale dato dallo Stato. Se ritengono che l'argomento è ormai un affare acquisito, esso è ancora in fase di scoperta per molti altri che ritengono necessari sforzi di generalizzazione. Anche i Maggiori, che hanno familiarità con il BIM soprattutto all'estero, sentono la necessità di un forte impulso per guidare i loro partner e fornitori. Per tutti i professionisti, la cesura sarà più forte l'avvento dei computer nel 1980, perché la natura collaborativa del BIM ha un impatto sulla organizzazione del processo.
 
Quali sono le prime consegne rilasciate?
Dobbiamo prima fare venire a tutti voglia di iniziare. Per aprire la strada, faremo uno sforzo per la comunicazione e l'educazione rendendo il feedback degli sperimentatori. Ci impegneremo con grandi committenti pubblici per aumentare il numero di progetti con il BIM. Tali azioni dovrebbero essere intraprese in particolare nel contesto del PUCA (Plan Urban Construction Architecture). Lo scopo di questo servizio interdipartimentale aggregato alla Direzione Generale  (DGALN) presso il Dipartimento Ecologia e Residenza, è infatti quello di sostenere la ricerca e la sperimentazione nei campi dell'urbanistica, architettura e costruzione.
Dopo aver invogliato gli operatori, occorrerà aiutarli a passare all'azione. Il primo problema da superare è finanziario. L'investimento in hardware e software è di diverse migliaia di euro per posto di lavoro, oltre alle iniziative di formazione. Sebbene inizialmente sia stato creato da  ParisTech e da ESTP, coi loro partner un primo Master Specializzato, è ancora troppo poco per la formazione iniziale. Sul versante della formazione continua, accolgo con favore le iniziative locali come quella di Domolandes, polo Landais di competitività che renderà disponibile la piattaforma digitale professionale. Questo Laboratorio consentirà la progettazione, la costruzione o la presentazione virtuale di prodotti e costruzioni con strumenti digitali.
Per le piccole imprese, credo fermamente nella formazione on-line, per esempio attraverso i massive on line open courses. Esistono già alcune formule.
 
Lavori di normazione sono necessari?
I modelli di dati dovrebbero essere standardizzati. Dobbiamo evitare che ognuno produca le sue definizioni mettendo, invece, in comune e stabilizzando al livello nazionale o attraverso addirittura formati neutri europei per lo scambio dei dati. Il formato IFC (Industry Foundation Classes) ISO è di promuovere, ma resta ancora da completare e chiarire in termini di utilizzo. E i produttori di software non giocano sempre la partita premendo per soluzioni proprietarie. Le informazioni sui prodotti da integrare con il modello digitale dovrebbero essere organizzate in modo standardizzato. L'AIMCC Industries Association ha presentato un progetto di norma per consentire l'uso di cataloghi di produttori nel modello digitale.
 
Quale potrebbe essere il ruolo del governo?
Le informazioni tecniche e normative che già esistono in forma digitale (CSTB Reef, Kheox Monitor) dovrebbero entrare nell'alveo della supervisione obbligatoria dei percorsi autorizzativi. Tali strumenti di documentazione associati al modello digitale, potrebbero inviare un avviso quando il progetto non fosse coerente con le normative. L'Agenzia per la Qualità in Edilizia produce le sue deliberazioni sul tema 3D integrati anche in strumenti per il controllo del progetto.
Il Diario di bordo digitale per la manutenzione delle abitazioni, in discussione nella legge sulla transizione energetica, sarà molto più ricco e in continuità con le fasi di progettazione e di costruzione, se l'approccio digitale si diffonde in tutta la catena.
Le Pratiche amministrative dovranno anche essere modernizzate, compresa l'istituzione di un permesso di costruzione digitale.
 
Qual è la tempistica del vostro programma?
Il programma operativo per accelerare l'introduzione di applicazioni e innovazioni digitali nel processo di costruzione è prevista su due o tre anni. Dovremmo sapere in poche settimane ciò che il bilancio dello Stato può mettere a disposizione. Potremo, pertanto, allora specificare le azioni da intraprendere. Contiamo anche sulla mobilitazione dei territori.