L’acciaio nell’architettura articolata del Padiglione di Barzago

Nel Comune di Barzago, in Provincia di Lecco, l’Amministrazione Comunale ha dotato la propria comunità di un nuovo padiglione delle feste, all’interno del centro sportivo esistente di Via Leopardi.
Intenzione dell’Amministrazione è stata quella di realizzare un contenitore permanente destinato a ospitare le manifestazioni estive, particolarmente sentite e diffuse nel territorio, poiché le attività di aggregazione in precedenza erano organizzate in strutture temporanee e poco funzionali.
 
 
Il nuovo padiglione, progettato dall’architetto Sergio Fumagalli, è stato concepito come un volume articolato che, partendo dalla sua quota più bassa contenente il blocco dei servizi, si slancia mediante la copertura, con un movimento “decostruttivista”, raggiungendo un’altezza rilevante che si confronta con il volume della palestra antistante, fungendo da protezione allo spazio aperto sottostante.
Il blocco servizi contiene le attività destinate alla cucina e al bar ed è chiuso sui quattro lati con pannelli lignei fissi e mobili che, all’occorrenza, possono essere aperti sul grande spazio esterno.
La copertura del corpo servizi, di circa 130 mq, è composta da lamiere grecate di tipo EGB 210 con spessore pari a 55 mm in acciaio di qualità S250GD zincato a caldo. La struttura del padiglione è stata realizzata con sistema stratificato a secco e totalmente in carpenteria metallica: le colonne che costituiscono l’ossatura portante a sostegno della copertura sono costituite da profili preassemblati in officina e montati in opera tramite fissaggi senza saldature, composti da pilastri HEB 300, travi HEA di 220/300/500 mm di altezza e da una trave reticolare (h 200 cm) formata da profili angolari.
 
 
La travatura reticolare in acciaio, che sostiene la parte della copertura all’aperto, ha consentito di eliminare il pilastro centrale, dotando lo spazio di una flessibilità di uso totale, grazie anche a una campata centrale lunga 18 metri. La copertura del padiglione, pari a circa 350 mq, è realizzata con lamiere grecate tipo EGB 2000 in acciaio zincato S250GD, con spessore di 175 mm. La copertura è stata isolata con uno strato di polistirene espanso posato a secco e protetta con una membrana di pvc, mentre le lattonerie e le scossaline sono state realizzate in alluminio preverniciato bianco.
L’intera struttura metallica è stata, infine, rivestita da lastre tipo aquapanel con trattamento a rete e finitura intonacata in superficie. Le lastre hanno costituito la soluzione ideale per assecondare le forme spezzate del controplafone e avvolgere le strutture di acciaio dei pilastri. Il controplafone è stato rivestito all’esterno con pannelli a tutta altezza di legno multistrato, verniciati a smalto nei diversi toni del verde a sottolineare il carattere ludico della struttura. Oltre che per rivestire le parti murarie, gli stessi pannelli sono stati utilizzati per realizzare le porte di accesso ai vari locali e le ante scure dei serramenti vetrati interni. L’anima d’acciaio ha donato alla comunità di Barzago un nuovo padiglione e spazio d’aggregazione dall’aspetto colorato e festoso.
 
I dati di progetto
Committente: Comune di Barzago (LC)
Progetto architettonico: Arch. Sergio Fumagalli
Progetto strutturale: Ing. Francesco Ferrari Da Grado
Costruttore metallico: CM Carpenteria Metallica srl
Impresa: F.lli Biacchi srl
Foto: Giacomo Albo.