Progettazione di una passerella pedonale in acciaio

PREMESSA
Di seguito verrà riportata una descrizione sintetica della modellazione, dei calcoli e delle relative verifiche strutturali dei manufatti in c.a. gettati in opera e delle opere in acciaio facenti parte della passerella pedonale in acciaio realizzata presso il Presidio Ospedaliero di Esine, così come previsto al §10.1 del Decreto ministeriale (infrastrutture) 14 gennaio 2008: “Norme Tecniche per le Costruzioni” di seguito denominato NTC08.



Figura 1: ubicazione dell'intervento
.

La passerella collegherà l’edificio CUP esistente ed il nuovo edificio adibito ad uffici per la libera professione e scuola infermieri. Di quest’ultimo è già stata personalmente sviluppata la parte strutturale, come del resto, sempre all’interno del complesso dell’Ospedale di Esine, anche per le strutture in c.a. baritico del bunker di radioterapia.
I lavori di realizzazione della passerella sono iniziati in data 30/12/2013 e le opere strutturali sono state ultimate in data 31/07/2014.

DESCRIZIONE DELLE OPERE STRUTTURALI

Le figure 2 e 3 riportano delle viste 3D del modello di calcolo della passerella di collegamento, realizzato con il software ad elementi finiti MasterSap di AMV.



Figura 2: vista assonometrica del modello di calcolo ad elementi finiti, realizzato con MasterSap di AMV.



Figura 3: vista frontale del modello di calcolo ad elementi finiti, realizzato con MasterSap di AMV.

L’opera è composta da un impalcato realizzato con due coppie di correnti HE450A di lunghezza 32 m circa. Il corrente inferiore è connesso al rispettivo corrente superiore da puntoni realizzati con profili HE180B disposti con passo regolare di 230 cm e formanti n.14 campate. Per limitare gli spostamenti verticali sono stati predisposti n.6 diagonali, disposti simmetricamente rispetto la mezzeria dei correnti e composti da n.2 UPN120 bullonati a piastre di spessore 8 mm.
L’asse del corrente inferiore dista dall’asse del rispettivo corrente superiore di 367 cm.
Planimetricamente l’interasse dei correnti è di 291 cm.
Il solaio a quota 266,89 (-0,05) è realizzato da una lamiera grecata tipo HiBond 55 di spessore 8/10 e da un getto di calcestruzzo Rck 35 MPa e presenta una altezza totale di 9cm.
La lamiera grecata è poggiata su delle travi HE140A saldate ai correnti e connessi con la lamiera stessa tramite connettori tipo Tecnaria CTF 12/70 disposti in numero di 9 per ogni trave con un passo di 30cm.

Figura 4: particolare della connessione tra lamiera e travi HE140A

Per irrigidire nel proprio piano l’impalcato a quota 266,89 (-0,05) sono state predisposte delle diagonali realizzate con profili UPN120 bullonate a piastre di spessore 5mm.
Fatta eccezione per la lamiera grecata, l’impalcato a quota 270,65 (+3,71) è perfettamente uguale all’impalcato inferiore. La copertura viene realizzata tramite un pannello sandwich tipo Isopan Isodeck 40-1000 con lamiera sp.1,0mm in acciaio, spessore totale pannello 70mm. Il pannello è caratterizzato da un opportuno potere antirombo. La finitura esterna avviene tramite un primo strato di manto in guaina impermeabile bituminosa ed un secondo strato di guaina liquida colorata tipo Oriplast Reflex.  La struttura in acciaio poggia su n.4 colonne in c.a. di diametro 70 cm.

PER APPROFONDIRE SCARICA L'ARTICOLO INTEGRALE