La documentazione certificativa di un Sistema di Evacuazione Naturale di Fumo e Calore (SENFC)

Ing. Giuseppe Giuffrida - Associazione ZENITAL
Coordinatore gruppo di lavoro UNI Sistemi per il Controllo di Fumo e Calore
A cura di Associazione FIREPRO

In questi ultimi anni la normativa antincendio ha subito una rapida e radicale trasformazione in particolare con la pubblicazione del D.P.R.151 del 1 agosto 2011, relativo alle procedure di prevenzione incendi, e successivamente con la pubblicazione dei decreti e circolari di attuazione.

Il nuovo quadro normativo ha permesso finalmente di confermare lo status di impianto di protezione antincendio ai Sistemi di Evacuazione Naturale di Fumo e Calore (SENFC).

A completare questo chiarimento hanno contribuito la revisione della UNI 9494:2007, oggi sostituita dalla UNI 9494-1:2012, e la pubblicazione del Decreto sugli impianti di protezione attiva antincendio D.M. 20 dicembre 2012.
Ultimo aggiornamento normativo è stato l'entrata in vigore, il 1 luglio 2013, del regolamento europeo prodotti da costruzione 305/11 che modifica le procedure relative alla marcature CE e alla dichiarazione delle prestazioni dei prodotto immessi sul mercato in sostituzione della precedente direttiva 89/106 CE.

Le novità possono essere riassunte nei punti seguenti:

  • Impianto realizzato secondo la regola dell'arte su un progetto redatto da un professionista abilitato;
  • Conformità dell'impianto dichiarata dall'installatore con il modello DICH-IMP 2012;
  • Installazione di prodotti marcati CE;
  • Esercizio e Manutenzione dell'impianto secondo la regola dell'arte (UNI 9494-3:2014) e secondo il manuale di uso e manutenzione dell'impianto.

Come redigere il progetto?
La regola dell'arte è rappresentata dalla norma tecnica, in questo caso UNI 9494-1:2012 Progettazione e installazione dei Sistemi di Evacuazione Naturale di Fumo e Calore (SENFC).

La norma descrive in modo esaustivo nell'appendice A la documentazione di progetto della fase preliminare e della fase esecutiva.
Nel D.M. 20 dicembre 2012 sono anche previsti due momenti in cui si deve presentare l'impianto ed in particolare per la valutazione dei progetti deve essere predisposta la specifica dell'impianto che rappresenta una versione semplificata della documentazione della fase preliminare della UNI 9494-1:2012.

Le informazioni richieste dal D.M. 20 dicembre 2012 sono così descritte:
Specifica dell'impianto: sintesi dei dati tecnici che descrivono le prestazioni dell'impianto, le sue caratteristiche dimensionali (portate specifiche, pressioni operative, caratteristica e durata dell'alimentazione dell'agente estinguente, l'estensione dettagliata dell'impianto, ecc...) e le caratteristiche dei componenti da impiegare nella sua realizzazione (ad esempio tubazioni, erogatori, sensori, riserve di agente estinguente, aperture di evacuazione, aperture di afflusso, ecc.). La specifica comprende il richiamo della norma di progettazione che si intende applicare. La classificazione del livello di pericolosità, ove previsto. Lo schema a blocchi dell'impianto che si intende realizzare, nonchè l'attestazione di idoneità dell'impianto in relazione al pericolo di incendio presente nell'attività.

Come dichiarare la conformità dei SENFC? Come dichiarare le prestazioni dei prodotti? PER APPROFONDIRE L'ARGOMENTO SCARICA IL PDF DELL'ARTICOLO INTEGRALE