ASCE: i ricercatori USA quantificano la minaccia crollo da scosse di assestamento

17/06/2015 3639

Sul sito di ASCE un articolo dedicato al tema della sismica, e più in particolare al problema delle scosse di assestamento dopo grandi terremoti.

L'articolo, dal titolo: "REPORT: AFTERSHOCKS POSE SIGNIFICANT THREAT OF COLLAPSE", riprende le ricerche di fatte da due università americane, per arrivare a quantificare la minaccia di crolli quando delle scosse di assestamento insistono su strutture danneggiate a seguito di grandi terremoti.

Per esaminare l'effetto che le scosse di assestamento hanno su una struttura, il team di ricerca ha iniziato le valutazioni con i dati del progetto NEESWood, una serie di test condotti attraverso la National Science Foundation di George E. Brown, Jr. Network for Earthquake Engineering Simulation (NEES). Per il progetto di ricerca è stata realizzata una vera e propria struttura a due piani, sottoposta a una serie di terremoti sulle tavole sismiche presso l'Università di Buffalo.

"Ci siamo avvicinati a sottoporre l'edificio a quella che sarebbe potuta essere la più grande scossa sopportabile dall'edificio, in grado di produrre quindi la più grande risposta nella struttura senza arrivare al crollo" ha affermato van de Lindt. "Quello che siamo stati in grado di ottenere da questa sperimentazione è stato un modello a livello di sistema. Così abbiamo potuto calibrare il comportamento del nostro modello numerico in modo semplificato."

Il team ha poi usato un modello al computer per sottoporre la struttura a scosse di assestamento.

La ricerca indica che sono le scosse di assestamento più grandi vicini alle strutture danneggiate a presentare il più grande pericolo di danni gravi o collasso. Anche se questo può sembrare intuitivo, van de Lindt osserva che la relazione non era mai stato quantificata. Meno intuitivo è la relazione non lineare tra l'intensità iniziale del sisma e il rischio di danni da scosse di assestamento.

"Una delle cose che abbiamo determinato, che era forse uno dei passaggi chiave che volevamo dimostrare, era che se la scossa principale non è grande, poi le scosse di assestamento non contano ... anche se dovessimo metterli nello stesso luogo."

Per leggere l'interessante articolo in lingua originale riportiamo il LINK